1 ottobre 2017
by Forcesi
1 Commento

1 Commento

ONIDA SULLA LEGGE ELETTORALE. POI TONINI, BENTIVOGLI, MINNITI…

1 ottobre 2017

Valerio Onida spiega sul Corriere della Sera il suo favore alla proposta di legge elettorale in discussione alla Camera: “La legge elettorale mista può offrire buone garanzie”. Marzio Breda, “Ipotesi voto a marzo. Il Colle si prepara ad affrontare tutte le incognite sulla governabilità” (Corriere della Sera). Interessante intervista di Giorgio Tonini a Italia Oggi, in cui mostra di dissentire da Renzi sull’Europa: “Al Senato si rischia sul bilancio”. Marco Bentivogli commenta l’attacco di Di Maio ai sindacati: “Lui non è credibile, ma noi dobbiamo cambiare” (intervista a Qn). Marco Imarisio racconta: “Genova, dove la destra piace alla sinistra” (Corriere della Sera). La proposta di Claudio Cerasa al Pd, sul Foglio, di mettere sul simbolo elettorale lo stemma dell’Europa: “Meglio 12 stelle che 5 stelle”; e i primi consensi (“L’Europa è una bandiera”). Intervista a tutto campo di Marco Minniti al Corriere: “Unità nazionale contro gli scafisti e i terroristi”. Vladimiro Zagrebelsky commenta su La Stampa l’approvazione del Piano nazionale per l’integrazione dei migranti sotto protezione internazionale: “Un’immigrazione regolata è possibile”. Guido Barbujanni, “All’armi siam razzisti” (Sole 24 ore). Ernesto Galli Della Loggia torna sul tema della cittadinanza agli stranieri: “Ipocrisie e ius soli” (Corriere della sera). Nadia Urbinati, “La parabola della democrazia dei partiti” (Sole 24 ore). Stefano Folli,Aspettando Pisapia: l’impasse a sinistra” (Repubblica). Alessandro Campi sulla politica di Di Maio: “Quell’amo lanciato ai fan del Cavaliere” (Messaggero).

Leggi tutto →

18 settembre 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

CONSIP, BANCHE, 5 STELLE, PD E SINISTRA, IUS SOLI

18 settembre 2017

Vladimiro Zagrebelsky, “L’etica della Repubblica nel caso Consip” (La Stampa). Claudio Cerasa, “La repubblica giudiziaria che nessuno vuol vedere” (Il Foglio). Massimo Adinolfi, “La politica debole e le procure forti. Dieci anni di governi tenuti in scacco” (Il Mattino). Marco Lillo, “Tutto quello che dice Renzi è falso” (Il Fatto). BANCHE – Romano Prodi, “Il caso banche. La Commissione che farà solo male al Paese” (Messaggero). 5 STELLE – Mauro Calise, “Da ‘grillini’ a ‘demaini’. La polveriere 5 Stelle” (Il Mattino). Ilvo Diamanti, “La Lega oltre Bossi e la Padania” (Repubblica). Maria Elena Boschi, “Le città sono nella trappola del populismo a 5 stelle” (intervista al Secolo XIX). PD E SINISTRA – Claudio Magris, “Quei malaccorti sfidanti a sinistra” (Corriere della sera). Maria Teresa Meli, “L’offerta dem a Pisapia per sganciarlo da Mdp” (Corriere). Piero Ignazi, “Il declino strategico della sinistra” (Repubblica). Monica Guerzoni, “Lo show di Prodi e Letta: ‘Matteo stai sereno’” (Corriere). IUS SOLI – Virginia Piccolillo, “Minniti e ravasi: sì allo ius soli” (Corriere). Marco Tarquinio, “Ius culturae, diamo una legge a presente e futuro” (Avvenire). L’Appello “Insegnanti per la cittadinanza”.

Leggi tutto →

22 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

DOPO BARCELLONA. SUL CASO REGENI

22 agosto 2017

Dopo Barcellona ci si interroga sul che fare di fronte all’odio jihadista: Vladimiro Zagrebelsky, “Le nostre libertà non tutelano chi istiga all’odio” (La Stampa); Sabino Cassese, “Le comunità islamiche e la reazione che ancora non c’è stata” (Corriere della Sera); Claudio Cerasa, “Contro la jihad può rinascere l’Europa” (Foglio). Una riflessione più ampia di Mauro Magatti, “Superare l’egemonia dell’io per superare l’odio” (Corriere). SUL CASO REGENI: Paolo Mastrolilli, “Usa: Regeni è stato ucciso dai servizi egiziani” (La Stampa); Sergio Romano, “I misteri del caso Regeni (e il fronte interno Usa)” (Corriere); Nino Sergi, “C’è da usare bene il ‘ritorno’ al Cairo” (Avvenire).

Leggi tutto →

11 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

“I MIGRANTI E IL DOVERE DI RESTARE UMANI”

11 agosto 2017

Dopo “La svolta della Chiesa” (Andrea Tornielli, La Stampa), e cioè le parole del card. Gualtiero Bassetti, presidente della Cei (“I vescovi alle Ong: rispettate le leggi contro gli scafisti”, Luigi Accattoli, Corriere della Sera), e dopo i primi frutti della politica perseguita dall’Italia (Dino Martirano, “Stretta libica sulle Ong per tenerle più lontane”, Corriere della sera; “L’Unhcr: migranti riportati nei centri di detenzione”, Manifesto), si levano le voci di Vladimiro Zagrebelsky (“Le regole del diritto in mare”, La Stampa), di Enzo Bianchi (“I migranti e il dovere di restare umani”, Repubblica), del rappresentante dell’Unhcr, Barbara Molisano (“La nostra priorità è togliere i rifugiati dai centri di detenzione libici”, intervista al Manifesto), di p. Camillo Ripamonti, del Centro Astalli di Roma (“Ripartiamo dall’ovvio: i migranti sono persone”), di alcune delle grandi Ong (“L’azione delle Ong rispetta le norme umanitarie globali”, lettera al Corriere) e di Peppino Ortoleva sul Secolo XIX (“Bloccare i popoli in fuga rischia di scatenare guerre”) e Alfio Mastropaolo sul Manifesto (“Campagna con vista sull’abisso”).  Riflessioni in merito anche di Paolo Pombeni, “Controlli, flussi, accoglienza, integrazione: urge dibattito serio” (Sole 24 ore) e Piero Ignazi, “Come aiutarli a a casa nostra” (Repubblica).

Leggi tutto →

23 luglio 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA GRANDEUR DI MACRON. NOI E LA LIBIA. NOI E IL PETROLIO. AUTORITARISMI AD EST

23 luglio 2017

Eugenio Scalfari lancia l’allarme sulle mire napoleoniche di Macron ed esorta l’Italia a reagire, soprattutto per quanto riguardo il proprio ruolo in Libia e più in generale in Africa; e richiama la sinistra a impegnarsi in primo luogo su un concreto europeismo (“La grandeur di Macron che minaccia l’Italia e l’Europa”, Repubblica). Anche Romano Prodi coglie alcuni eccessi di Macron nel mettere la Francia al primo posto (“Ora Macron riequilibri il rapporto con l’Italia”, Messaggero). Maurizio Molinari su La Stampa coglie i principali elementi novità nel quadro europeo e mette in guardia l’Italia dal giocare un ruolo di basso profilo (“Le quattro novità d’Europa”). Vincenzo Nigro: “La Francia e l’Italia nella partita libica” (Repubblica). L’ITALIA E IL PETROLIO: per avere autorevolezza in campo internazionale all’Italia serve  non sparare sulle proprie aziende energetiche; lo scrivono Alberto Negri (“La diplomazia del gas contro le guerre”, Sole 24 ore) e Davide Tabarelli (“Se il petrolio diventa il diavolo”, Mattino). PAESI DELL’EST: Vladimiro Zagrebelsky, “Le democrazie illiberali contro i giudici” (La Stampa), Nadia Urbinati, “Le due facce dell’Unione” (Repubblica).

Leggi tutto →

16 giugno 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

RENZI E L’ULIVO. GRILLO E I MIGRANTI

16 giugno 2017

Fabio Martini ci dice: “Renzi vede Prodi e fa l’ulivista. Ma il professore: ‘Troppi veti’” (La Stampa). Con la visita a Renzi, secondo Daniela Preziosi, “Renzi rischia l’isolamento anche fra i suoi” (Manifesto).  Per Claudio Cerasa l’Ulivo è “Il mito fasullo per distruggere Renzi” (Foglio). E il Foglio pubblica un articolo di Maurizio Stefanini che ripropone il Pd di Renzi come modello in Europa: “Mappa ragionata di tutti i fallimenti delle sinistre europee”. Sull’Huffington Post Franco Monaco scrive un “Promemoria per Renzi sull’Ulivo di Prodi”. Chi sostiene in pieno la linea di Renzi è Giorgio Tonini, la cui intervista (iper-realista) a Italia Oggi è sintetizzata così: “L’Unione non regge, meglio il Cav.”. Appare più cauto il parere di Luigi Zanda, intervistato dal Messaggero: “Un asse di fatto tra Salvini e Grillo. Stimo molto Pisapia”. Sui 5 stelle e il loro no alla riforma della cittadinanza scrivono Paolo Pombeni, “Giustizia e migranti, spie del rebus grillino” (Sole 24 ore); Mauro Calise, “Grillo-Salvini, l’asse che divide” (Mattino); Vladimiro Zagrebelsky, “Il rispetto che manca verso una legge di civiltà” (La Stampa). Intanto domenica scende in piazza uno spezzone della sinistra: Anna Falcone, intervistata da Il Fatto, spiega “L’appello del 18 giugno”. Ci conforta Ilvo Diamanti: “Crediamo negli altri, nonostante tutto” (Repubblica).

Leggi tutto →