3 Agosto 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

ITALIA PIÙ PRECARIA E DISEGUALE, E LE DIFFICOLTÀ A CAMBIARE ROTTA

3 Agosto 2020

Matteo Marcelli,Povertà, c’è mezza Italia in bilico” (Avvenire). Nadia Urbinati, “Quanti sono i nostri Sud” (Repubblica). Stefano Allievi, “Italia, sei al sottosviluppo” (intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno). Pavolini, Rosina, Saraceno, “I nidi della disuguaglianza” (Repubblica). Eugenio Occorsio, “Se le culle restano vuote, Italia a picco. In trent’anni il Pil giù del 20%” (Corriere). Stefano Mancuso, “In Italia formiamo ottimi scienziati, condannati poi al precariato” (intervista al Sole 24 ore). LE DIFFICOLTÀ A CAMBIARE ROTTA: Sabino Cassese,Le riforme senza costi (che ancora non si fanno)” (Corriere). Daniele Manca, “Il mistero delle riforme che non costano e che nessuno fa” (Corriere). Federico Fubini, “E’ ancora tutto un tamponare falle” (Corriere). Laura Pennacchi, “Senza i progetti i fondi europei sono lettera morta” (Manifesto). Carlo Cottarelli, “L’incertezza schiaccia la crescita” (La Stampa). Giuseppe Tesauro, “Il Paese che trascura lo stato di diritto” (Mattino). Marcello Messori, “Dobbiamo riorganizzare i processi. E’ la fine della crescita trainata dall’export” (intervista all’Avvenire). Pierluigi Ciocca, “Lo Stato spenda di più e meglio” (intervista a Italia Oggi). Paolo Cacciari, “L’Italia sta distruggendo il suo capitale naturale” (il Fatto). Tommaso Nannicini, “Un errore Cig onerosa e blocco licenziamenti” (intervista al Sole 24 ore). Giampiero Falasca, “Tenere il divieto di licenziamento può avere un effetto valanga” (Sole 24 ore).

Leggi tutto →

22 Luglio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

“ARRIVANO I SOLDI, FINISCONO GLI ALIBI”

22 Luglio 2020

LE DECISIONI DI BRUXELLES: Beda Romano, “Debito comune e trasferimenti: la Ue fa un passo nella storia” e “I controlli funzioneranno così” (Sole 24 ore). LE DECISIONI DI BRUXELLES: Mario Monti, “Ora tocca a noi” (Corriere della sera). Carlo Cottarelli, “Condizioni accettabili, l’incognita siamo noi” (Repubblica). Norma Rangeri, “Arrivano i soldi, finiscono gli alibi” (Manifesto). Maurizio Molinari,La responsabilità della ricostruzione” (Repubblica). Leonardo Becchetti, “Molto da fare e da ricordare” (Avvenire). Lina Palmerini, “Pressing di Mattarella: occorre accelerare sul piani di riforme” (Sole 24 ore). Roberto Napoletano,Il successo del negoziatore Conte e il difficile che viene adesso” (Il Quotidiano del Sud). Paolo Pombeni, “Ora Conte deve essere bravo a evitare il freno d’emergenza” (Il Quotidiano). IL PREMIER CONTE: Marcello Sorgi, “Conte rafforzato, sarà lui a dare le carte in futuro” (La Stampa). Barbara Spinelli, “Il Conte cocciuto e i disfattisti” (Il Fatto). Marco Follini (con un ammonimento anche a Conte), “E’ cominciata l’era post-populista” (Il Dubbio). TRE INTERVISTE: Luigi Di Maio, “Ora giù le tasse e piano verde. Conte capo 5S? Si iscriva” (intervista a Repubblica). Enzo Amendola, “Ora il governo è chiamato a un grande sforzo di coesione e responsabilità” (intervista al Corriere). Enrico Letta, “Sconfitti Rutte e i populisti. Adesso prendiamo il Mes” (intervista a La Stampa).

Leggi tutto →

17 Luglio 2020
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

MEDIARE A BRUXELLES. GOVERNO E STATALISMO. IL PD E LA LIBIA

17 Luglio 2020

“Il negoziato parte subito male se Roma non comprende che deve rendere conto dei soldi”, così Paolo Pombeni su Il Quotidiano del Sud (“Le condizioni vanno accettate”). E poi bisogna che il piano delle riforme lo si faccia, altrimenti…: Andrea Bonanni su Repubblica: “Sul ring europeo con le mani legate”. Marco Bresolin, su La Stampa, spiega qual è “Lo spazio stretto della mediazione a Bruxelles”. Ne scrive anche Isabella Bufacchi: “Recovery Fund, l’ultimo ostacolo è la governance” (Sole 24 ore). L’attenzione a Bruxelles è puntata sulla Merkel: Vittorio E. Parsi, “Il peso della Merkel per un futuro in Europa” (Messaggero) e Adriana Cerretelli,La leadership solitaria di Angela in un’Europa condannata al realismo” (Sole 24 ore). AUTOSTRADE: Dario Di Vico, “Se avanza lo Stato padrone” (Corriere della sera). Carlo Cottarelli,Contro i Benetton un processo di piazza” (intervista a Il Riformista). IL CONFRONTO POLITICO: Andrea Orlando, intervistato da La Stampa: “Aspi non sarà un’altra Alitalia. Riforme o perdiamo i fondi Ue”. Tommaso Nannicini, “Sposare l’ideologia economica del M5S? La fine del Pd” (intervista al Foglio). Più positivo Claudio Cerasa: “Il governo non è più solo un’accozzaglia” (Foglio). Stefano Folli, “Il rapporto Pd-5Stelle alla curva decisiva” (Repubblica). Angelo Panebianco, “Fra ciò che bisognerebbe fare e ciò che si fa e farà c’è un divario preoccupante” (Corriere). LA LIBIA E IL PD: Angelo Picariello, “Missione in Libia, si spacca il Pd” (Avvenire). Roberto Saviano, “Caro Zingaretti, ora deve spiegarci da che parte sta il Pd” (Repubblica). Francesca Paci,Le giravolte del Pd sulla Libia” (La Stampa).

Leggi tutto →

16 Luglio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

ACCORDO AUTOSTRADE: GLI EUFORICI, I SODDISFATTI, I DUBBIOSI, I CONTRARI

16 Luglio 2020

Molto diversi i commenti all’accordo raggiunto dal Governo per Autostrade. Positivissimo, anzi euforico Il Fatto: Wanda Marra e Lucio De Carolis, “Autostrade libere, Benetton in fuga”. Positivo il Manifesto; Massimo Franchi,Strada statale. Benetton fuori a teppe. Autostrade sarà una Public company”, e Norma Rangeri, “Un ponte inatteso tra Pd e 5Stelle”. Positivo anche l’Avvenire: Leonardo Becchetti,Passo vero fuori dalla trappola” e interviste a Stefano Fassina, Leu (“La strada è giusta, e senza i 5Stelle non l’avremmo imboccata”) e a Salvatore Maggiotta, pd (“L’intervento ha un costo ma la revoca era un rischio enorme”). Dubbiosi e/o critici (a parte i giornali dell’opposizione) la Repubblica: Carlo Cottarelli, “I dubbi sui vantaggi dell’operazione Autostrade”; il Corriere della sera: Massimo Franco, “Il rischio statalismo”; La Stampa: Stefano Lepri, “Chi paga per questo pasticcio”, ma con una intervista al soddisfatto ministro Paola De Micheli, pd, “Nessun esproprio alla venezuelana e ringrazio i 5Stelle”; Il Riformista: Giovanni Guzzetta, “Comprare Aspi, una scelta fondata sul populismo” (intervista); Il Foglio: Claudio Cerasa, “Stato e autostrade di ipocrisia”; Il Quotidiano del Sud: Roberto Napoletano, “Ma la Cdp non è la grande Iri”, e anche Paolo Pombeni (al di là del titolo), “Lo scoglio ora è la legge elettorale”.  Contrarissimo (e caustico) l’Huffington Post: Mattia Feltri,Abbiamo un’autostrada!”, e di lui vedi anche “Gli avidi e i miopi” (la sua rubrica su La Stampa).

Leggi tutto →

15 Luglio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

VIGILIA DEL VERTICE EUROPEO: TIRARE LA CORDA CONVIENE?

15 Luglio 2020

Tonia Mastrobuoni, “Conte da Merkel, ma la fumata è grigia” (Repubblica). Monica Guerzoni, “La linea del premier: ‘negoziato in salita, ma non cedo su nulla’” (intervista al Corriere della sera). Marion Wedt (Cdu), “Sono con l’Italia: gli Stati abbiano la loro autonomia” (intervista a Repubblica). Veronica De Romanis, “Quattro frugali da convincere” (La Stampa). Carlo Bastasin, “Europa, l’astuzia dei frugali” (Repubblica). Isabella Bufacchi, “I ponti della Cancelliera tra italiani, frugali e tedeschi” (Sole 24 ore). Gian Enrico Rusconi, “Mutti, esperienza e abilità. L’Europa è nelle sue mani” (intervista al Mattino). L’ammonimento di Pier Carlo Padoan: “Il Recovery Fund è un’occasione unica per fare le riforme. Imperdonabile lasciarsela scappare” (intervista a La Stampa). Carlo Cottarelli, “Settimana decisiva. Programmi credibili per i fondi Ue” (La Stampa). Federico Fubini, “La task force per scrivere il piano per l’utilizzo del Recovery Fund ancora non c’è” (Corriere della sera). MES: Marco Dani (docente di diritto pubblico a Trento), “I rischi del Mes restano ma si possono eliminare” (Il Fatto).

Leggi tutto →

6 Luglio 2020
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

PIANI DI RIFORMA E GOVERNO IN DISCUSSIONE

6 Luglio 2020

Presentato il Piano Nazionale di Riforma (che è parte del Documento di economia e finanza 2020). Carlo Cottarelli, “Molte idee e poche priorità” (La Stampa). Pietro Salvatori, “Il governo traccheggia sul Mes ma dice di averne bisogno” (Huffpost). Presentato il Decreto Semplificazioni: Tito Boeri e Roberto Perotti, “Semplificare, non basta la parola” (Repubblica); Sabino Cassese, “La cascata di regole” (Corriere della sera). IL GOVERNO IN DISCUSSIONE: Dario Franceschini, intervistato da Repubblica, è categorico: “Per il Pd Conte non si tocca e neanche la maggioranza. Grave dividersi alle Regionali”. Massimo Cacciari, invece: “Meglio il voto di un governo senza forma” (La Stampa). Carlo Calenda, intervistato dal Messaggero: “Serve un governo della ragionevolezza, da Bonaccini a Zaia a Forza Italia”. Andrea Orlando, “Forza Italia? Si dialoghi” (intervista al Corriere). Giovanni Orsina,Con la crisi economica c’è l’ipotesi larghe intese, ma è più logico votare” (intervista a Il Giornale). Federico Geremicca, “Tra scissioni e psicanalisi, l’istinto suicida dei dem” (La Stampa). E vale la pena, qui, segnalare l’intervista a Fabio Martini di Pieluigi Mele di una decina di giorni fa: “Tra virus ed elezioni l’autunno sarà caldo per la politica italiana” (rai news.it). Marzio Breda, “Il rischio di depotenziare il Quirinale con il nuovo gioco del totonomi” (Corriere). Tommaso Montanari, “La lunga redenzione di Zinga. Basta Thathcer, ora a sinistra” (Il Fatto). Fabrizio Ronconi, “Le mille metamorfosi di Renzi” (Corriere della sera). Fabrizio D’Esposito, “Don Matteo alla festa dell’Unità” (Il Fatto).

Leggi tutto →

14 Giugno 2020
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

CONSENSI, DISSENSI, DUBBI E PROPOSTE ATTORNO AGLI STATI GENERALI DELL’ECONOMIA

14 Giugno 2020

ALLA VIGILIA degli Stati generali il Corriere titolava così un articolo di Alessandro Trocino: “Stati generali al via tra le polemiche. Prodi: meglio risposte immediate”. Dubbi, alla vigilia, anche di Piero Ignazi su Repubblica: “Gli Stati generali senza coraggio”. Più dialoganti Mauro Magatti, “Ma la visione sia politica” (Avvenire), e Mauro Barberis, “Tre consigli al collega Conte” (Secolo XIX). A sostegno di Conte Giuliano Ferrara: “Gli Stati generali dell’autolesionismo” (Foglio) e Norma Rangeri: “La grande bruttezza” (Manifesto). DOPO L’APERTURA ne scrivono: Romano Prodi, sul Messaggero:“L’esecutivo realizzi subito tre progetti del piano Colao”; Carlo Cottarelli, su Repubblica: “Il tempo è scaduto”; Giovanni Orsina, intervistato da QN: “Una vetrina per Conte per avere legittimazione”; Arturo Parisi, intervistato da Il Giornale: “Passerella utile soltanto al partito di Giuseppi”. Su La Stampa Massimo Giannini è critico e chiude auspicando che Conte scelga di fare il vero leader dei 5stelle: “L’Italia ferma e il partito del premier” (La Stampa). Sembra rispondergli Nando Pagnoncelli, sul Corriere, annotando che “Se Conte guidasse i 5 stelle, il potenziale di elettori salirebbe dal 20 al 30%”. PROPOSTE VENGONO DA: Tiziano Treu: “Lavoro agile e welfare per ripartire” (intervista a Milano Finanza); Guido Tabellini: “Per tornare a creare lavoro lo stato deve cominciare a togliere i freni alle imprese” (Foglio); Giovanni Tria e Pl. Scandizzo: “Per programmare la ripresa occorre dare meno potere a Palazzo Chigi e più al Mef” (Foglio); Patrizio Bianchi: “Spendere bene se non è solo un altro debito” (Il Quotidiano); Piero Bevilacqua: “La riforma fiscale è il fondamento del welfare” (Manifesto); Pier Carlo Padoan: “Combattere la recessione si può” (Foglio). MATTARELLA parla ai giovani alla Maratona di “Visionary Days”.

Leggi tutto →

11 Giugno 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LO STILE LEADERISTICO SENZA LEADER

11 Giugno 2020

Sabino Cassese,Le misure auspicabili (e fattibili)” (Corriere della sera). Pierluigi Ciocca (già vicedirettore di Banca d’Italia), “Le priorità contro lo spettro recessione” (Manifesto). Enzo Moavero Milanesi, “L’Europa non ci regalerà nulla. Il governo acceleri sul piano di ripresa” (intervista a Repubblica). Alessandro Campi, “La politica e l’urgenza di tornare ai fatti” (Messaggero). Graziano Delrio, “Serietà per avere i fondi Ue” (intervista al Corriere). Leonardo Becchetti,Diamo senso al rilancio” (Avvenire). Maurizio Ferrera e Barbara Stefanelli, “Mai sacrificare l’energia dei giovani” (Corriere della sera). L’IPOTESI GUERINI: Fabio Martini,Ultimatum Zingaretti al premier. C’è un’ipotesi Guerini” (La Stampa). Stefano Folli,Il corto circuito tecnici-politici” (Repubblica). Paolo Pombeni,Conte e i partiti allo snodo decisivo” (Il Quotidiano). Mario Monti, “Faccia il partito se crede, ma segua la sua coscienza e si liberi degli imbonitori” (intervista a La Stampa). ANCORA SUL PIANO COLAO: Carlo Cottarelli, “Piano Colao: bene, ma resta la malattia dei condoni” (La Stampa). Marcello Sorgi, “Il tempo di dimenticare il dossier Colao” (La Stampa). Claudio Cerasa,L’importanza del nuovo fattore C” (Foglio). INOLTRE:  Guido Tonelli, “Tre proposte per ripartire da scienza e innovazione” (Corriere). Patrizio Bianchi, “La didattica va ripensata in stile maestri di strada” (intervista al Mattino). Chiara Saraceno, “I diritti traditi di mamme e bambini” (La Stampa). Giuseppe De Rita, “A Roma e nel Mezzogiorno torna l’economia sommersa” (intervista al Mattino).

Leggi tutto →