25 aprile 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’ADDIO A GIOVANNI GALLONI

25 aprile 2018

Si sono svolti ieri a Roma, alla presenza di Sergio Mattarella, i funerali di Giovanni Galloni, storico esponente della DC ed ex vicepresidente del CSM: aveva 91 anni. Ha celebrato il rito funebre il figlio Matteo, sacerdote impegnato in una missione in Africa, e ne ha tratteggiato la figura al termine del rito l’altro figlio, Giovanni, economista.  Galloni era nato a Paternò, in provincia di Catania, il 16 giugno del 1927: si laureò in Giurisprudenza, conseguì la docenza in Diritto Agrario nel 1959 e insegnò in diverse università (Napoli, Firenze e Roma Tor Vergata). Fu tra i fondatori della corrente di sinistra della Democrazia Cristiana, vicepresidente del partito e per due volte vicesegretario negli anni Sessanta e Settanta. Fu anche ministro della Pubblica Istruzione nei governi Goria e De Mita (tra il 1987 e il 1989), direttore del Popolo, quotidiano politico organo del Partito Popolare (dal 1982 al 1986) e vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1990 al 1994. Un articolo di Rainews raccoglie alcune dichiarazioni di esponenti politici. Il ricordo di Piero Sansonetti su Il Dubbio: “Addio Galloni, gigante dimenticato”.

Leggi tutto →

24 aprile 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL PD E IL CONTRATTO M5S

24 aprile 2018

Roberto D’Alimonte, “Lezioni molisane per M5S e Lega” (Sole 24 ore). Emilia Patta, “Martina: sì al confronto. Alt di Renzi. Pd spaccato” (Sole 24 ore). Dario Franceschini, “Non possiamo dire soltanto no” (a Repubblica). Gianni Cuperlo, “Adesso il Pd esca dall’angolo” (a La Stampa). Piero Colaprico, “Sala rompe gli indugi: il Pd apra al M5S” (Repubblica). Ettore Rosato, “Possiamo sederci al tavolo con M5S solo se chiudono il forno con la Lega” (al Messaggero). Piero Ignazi, “Di Maio si è mosso, ma l’intesa con il Pd è quasi impossibile” (a Il Fatto). Emanuele Buzzi, “Ecco i 10 punti del contratto M5S” (Corriere della sera). Sabino Cassese, “Sì al contratto modello tedesco” (a Qn). Virginio Rognoni, “La voce del Pd e il nuovo M5S” (Repubblica). Natalino Irti,M5S affascinato dalla tecnica. Lega ancorata al territorio. Sono due partiti incompatibili” (a La Stampa).  Marzio Breda, “Il piano del Colle per il dopo” (Corriere della sera). Stefano Folli, “La via stretta del Quirinale” (Repubblica). Salvatore Merlo, “Senza Di Maio?” (Foglio). Marco Damilano, “Quei due vincitori già invecchiati” (Espresso).

Leggi tutto →

24 aprile 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

EUROPA E DEMOCRAZIA. STATO E MAFIA. ECOLOGIA. 25 APRILE. LAVORO E ALTRO

24 aprile 2018

DEMOCRAZIA: Sergio Fabbrini, “Perché le riforme devono iniziare dalle istituzioni” (Sole 24 ore). Lucrezia Reichlin, “L’Europa è interesse nazionale” (Corriere della sera). Maurizio Molinari, “Democrazie europee sotto assedio” (La Stampa). Emanuele Felice, “La democrazia non è più un destino” (Espresso). Adam Michnik, “Per difendere la democrazia” (a Repubblica). Angelo Panebianco, “Noi e l’islam. Tre domande a cui rispondere” (Corriere della sera). STATO E MAFIA: Stefano Folli, “La Repubblica rifondata su una sentenza” (Repubblica). Salvatore Lupo, “Ma lo Stato non si è mai arreso alla mafia. Alla fine hanno perso i boss” (a Repubblica). Fabrizio Cicchitto, “La condanna dei carabinieri e la ‘vendetta’ di Totò Riina” (Libero). ECOLOGIA: Giorgio Nebbia, “Ho scoperto il nemico e il nemico siamo noi” (Manifesto). 25 APRILE: Giovanni De Luna, “25 aprile, un test per i vincitori delle elezioni” (La Stampa). Guido Crainz, “Una domanda alla sinistra sul 25 aprile” (Repubblica). LAVORO E ALTRO: Anna Maria Furlan, “La voglia di partecipare dei lavoratori” (Il Dubbio). Giuseppe De Rita, “I ragazzi sono rassegnati: c’è salvezza solo per i migliori” (intervista al Messaggero). Maurizio Crippa, “Serra e il tradimento della sinistra” (Foglio). Lorenzo D’Avack sul caso Alfie, “E’ assurdo parlare di omicidio, ma i suoi genitori vanno aiutati” (intervista al Mattino). Maurizio Ferrera, “La presunzione degli economisti” (Corriere della sera).

Leggi tutto →

24 aprile 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Dopo la batosta, una svolta. Ripartire da dove?

24 aprile 2018
di Guido Formigoni

 

Credo valga la pena soffermarsi ancora un poco sui risultati elettorali, anche se a distanza di qualche settimana. Perché una loro lettura depurata dall’emotività iniziale e anche dalle esigenze della cronaca e della battaglia politica contingente può dire qualcosa che a me pare più interessante. Cioè orientarci sul futuro, sulla classica domanda: e ora, che si fa?

Leggi tutto →

19 aprile 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

VERSO IL DIALOGO M5S-PD? O SI PROFILA UN GOVERNO DI TUTTI?

19 aprile 2018

Su Repubblica Mario Calabresi, direttore, diceva l’altroieri che il fossato tra Pd e M5s è troppo grande (“Il governo di nessuno”). Oggi Piero Ignazi lo riprende Calabrese poi lo contraddice dicendo che i due partiti insistono nella stessa area politica (“A chi spetta il primo passo”). Anche Stefano Folli sembra ritenere che nel rapporto M5S-Pd Mattarella veda l’unica strada (“I Cinquestelle nei labirinti del palazzo”), dopo aver scritto ieri: “Democrat e M5S: più convenienza che convergenza”. Giovanna Casadio annota una debole traccia di Prodi (e una di Veltroni) a un incontro a Roma: “Prodi pungola il Pd: ‘l’immobilismo può portare a disastri’”.  E anche di Sabino Cassese si coglie un fragile spunto: “I grillini già passati dalla piazza  alle istituzioni. Ora si segua l’esempio tedesco”. Che Mattarella punti al dialogo M5S-Pd lo dice e lo teme Claudio Cerasa: “Il Quirinale sogna la svolta di Renzi” (Foglio;  e ieri aveva scritto: “La pazzia di un Pd al governo”). Franco Monaco, su Il Fatto, dice al Pd: “Vedere le carte è nell’interesse democratico”. Ma dice Biagio de Giovanni, in un’intervista a Il Dubbio: “Caro Pd, se ti allei con i Cinquestelle ti scavi la fossa”. Secondo Carlo Bertini già ieri “Pd pronto a entrare in gioco per un governo con Fico” e oggi Ugo Magri: “Ipotesi governo M5S-Pd: ora la palla passa a Renzi” (La Stampa). E Piero Fassino dice: “Hanno fallito. Si riaprono i giochi” (al Quotidiano nazionale). Ma per altri l’approdo sarà un governo del presidente: lo auspica Massimo Cacciari (“Pd e M5S, si può fare?” La Stampa); lo dice Luciano Violante (“Vanno cercate alleanze disomogenee. L’alternativa, l’esecutivo del presidente”, Mattino); lo prevede Francesco Verderami (“Governo del presidente. Ora i partiti sono cauti, sarebbe difficile dire di no”, Corriere della sera).

Leggi tutto →