7 Febbraio 2022
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL PNRR E LE ELEZIONI 2023: LA STRADA ACCIDENTATA

7 Febbraio 2022

Giuliano Amato, “Questa Italia ha bisogno delle donne. Basta con le congreghe dei maschi” (intervista a  Mirella Serri, La Stampa). GOVERNO/PAESE: Federico Fubini, “Un piano di riserva per l’Italia” (Corriere della sera). Claudio Cerasa, “Il caos di fronte a Draghi” (Foglio). Sergio Fabbrini, “Pnrr, le elezioni 2023 e il pericolo dei tempi sfasati” (Sole 24 ore). Carlo Cottarelli, “Perché l’inflazione ci deve preoccupare” (La Stampa). Giulio Tremonti, “Sulla ripresa Draghi troppo ottimista” (intervista a Repubblica). Mario Tronti, “Ma questa crisi è un’occasione” (intervista all’Espresso). Gianfranco Viesti, “I ministeri alla (difficile) prova del Pnrr” (Messaggero). Luciano Violante, “La giustizia da cambiare” (Repubblica). SCUOLA: Patrizio Bianchi (ministro), “Dalla maturità all’alternanza, ora voglio ascoltare i ragazzi per costruire la nuova scuola” (Repubblica). Gad Lerner, “Abbattere la barriera cultura-fabbrica ora è distopia” (Il Fatto). Luigi Manconi, “Questi giovani al centro” (Repubblica). LEGGE ELETTORALE: Salvatore Vassallo, “Il sistema elettorale perfetto non esiste, ma i partiti continuano a cercarlo” (Domani). Giovanni Cominelli,Proporzionale? Così i partiti progettano l’instabilità permanente” (libertà eguale). Renato Brunetta, “Basta bipolarismo bastardo. Nel 2023 riformisti unit al governo” (intervista a Repubblica). Dario Parrini, “Proporzionale e niente più premio. Basta con l’imbroglio delle coalizioni” (intervista al Manifesto). Francesco Clementi,Per la riforma elettorale ci sarà tempo. Ora Forza Draghi” (libertà eguale). PATTO DI STABILITA’: Massimo Bordignon, “Pregi e difetti della proposta Draghi-Macron sulle regole fiscali Ue” (Foglio). Pierre Moscovici,Avanti con l’asse Roma-Parigi. E’ il momento di riformare il Patto” (intervista a La Stampa). AFRICA: Romano Prodi, “Il futuro della Ue e i rapporti con l’Africa”. Piero Fassino, “Sahel, una crisi che ci riguarda” (La Nuova Sardegna). Alberto Magnani,L’Africa dei golpe e le difficoltà di Macron” (Sole 24 ore).

Leggi tutto →

15 Ottobre 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’IPOTESI DELLA DEMOCRAZIA CONSENSUALE

15 Ottobre 2019

RIFORMA ELETTORALE: Dario Perrini (Pd), “Doppio turno o soglia alta” (Foglio”). Stefano Passigli, “Meglio la democrazia consensuale” (Corriere della sera). PRESIDENZIALISMO: Paolo Armaroli, “Se il capo dello Stato è eletto dal popolo” (Sole 24 ore). RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI: Nicola Lupo, “Taglio dei parlamentari, una riforma giusta con la motivazione sbagliata” (il mulino). Nadia Urbinati, “La politica come pubblicità” (Repubblica). Giovanni Orsina, “Il sì al taglio dei parlamentari Caporetto per il Pd” (intervista a Italia Oggi). Giorgio Tonini, “Taglio dei parlamentari, bicchiere mezzo pieno” (Corriere del Trentino). Sabino Cassese, “Ma la democrazia non si misura sul numero dei parlamentari” (Foglio). DEMOCRAZIA DIRETTA: Domenico De Masi, “La democrazia diretta salverà i nostri partiti” (Il Fatto).

Leggi tutto →

16 Ottobre 2017
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

ANCORA SUL DECENNALE DEL PD E SUL ROSATELLUM BIS

16 Ottobre 2017

Sulla legge elettorale approvata dalla Camera e sul bilancio dei 10 anni del Pd molto positivo il giudizio di Eugenio Scalfari su Repubblica di domenica, in netto dissenso con l’editoriale di Zagrebelsky del giorno prima (“Ecco perché la legge elettorale non viola la democrazia”). Positivo il giudizio del dem Dario Perrini: “Il vantaggio del Rosatellum è che con il 38% si può governare” (Messaggero.it). Moderatamente positivo quello di Massimo Adinolfi su Il Mattino (“I democratici nell’era proporzionale”). Per Giorgio Tonini, intervistato da Pierluigi Mele per Rai news, “Senza il Pd avremmo avuto un’Italia da incubo”. Mauro Calise, ancora sul Mattino, scrive: “Se l’ultimo partito resta il Pd”. Critico invece Arturo Parisi: “Triste per dov’è finito il Pd, ma testardamente lo voterò, contro alleanze anomale” (intervista a Repubblica). Critica Rosy Bindi: “Noi esclusi per recidere le radici” (intervista al Corriere della Sera). Sul Corriere uno scettico Aldo Cazzullo: “Storia di un partito senza ricambio. Cosa resta dell’album di famiglia dem”. Intervistato da Il Fatto, Emanuele Macaluso è durissimo con la legge elettorale, severo con Renzi, meno con il Pd: “Legge orribile, Renzi ha bruciato Gentiloni, rischio scissione-bis”. Sul Manifesto Massimo Villone critica la riforma: “La sfiducia nella democrazia” e Michele Prospero il Pd: “Un non-partito proiettato alla deriva”. Interessante l’analisi di Giovanni Orsina: “Berlusconi, il ritorno del rottamato” (La Stampa). E Claudio Cerasa spiega “Perché le democrazie sono vittime del proprio successo” (Il Foglio).

Leggi tutto →

7 Giugno 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

PROPORZIONALE SÌ, PROPORZIONALE NO

7 Giugno 2017

Della legge elettorale Stefano Ceccanti offre “Una guida aggiornata ai testi”. Angelo Panebianco, sul Corriere della sera, parla di “Una legge dannosa” (perché il proporzionale ora “non è in grado di fermare i partiti antisistema”). Gustavo Zagrebelsky evoca “la nave dei folli” e ci vede il primato de“Gli interessi di bottega”, non quelli del bene comune (Repubblica). Anche Ezio Mauro evoca “La talpa cieca della sinistra” (Repubblica). Marcello Sorgi vi legge “L’incoscienza dei leader” (La Stampa). Roberto D’Alimonte dice: “Il patto proporzionale salvato a discapito della governabilità” e poi illustra “Chi vince e chi perde con il rebus proporzionale” (Sole 24 ore). Mauro Calise, invece, dice che è “L’unica (mediocre) risposta possibile” (Mattino). E anche Paolo Pombeni in sostanza la difende contro troppi luoghi comuni: “Proporzionale per davvero”. La difende Piero Fassino in un colloquio sul Foglio (“Legge elettorale, il Pd, la sindaco Appendino”). Torna a difenderla Valerio Onida, che spiega: “Un buon sistema elettorale deve favorire convergenze” (Corriere della Sera). Claudio Cerasa ironizza su “La fine del romanzo politico del maggioritario” (Il Foglio). Sabino Cassese riprende la proposta di Luigi Zanda di lavorare soprattutto sui regolamenti parlamentari: “Dare al Parlamento il ruolo che gli spetta” (Corriere). Mentre Ugo De Siervo paventa la “Trappola bocciatura” (La Stampa). Sulla questione dei nominati, il pd Dario Perrini scrive: “La grande bufala dei nominati” (italiaincammino), Walter Tocci insiste: “Il rischio di un Parlamento devoto ai capi partito”. Il Fatto e il Manifesto pubblicano un documento di Anna Falcone e Tommaso Montanari: “Un’alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza”. Sul Foglio Marianna Rizzini avverte: “L’ircocervo Grillo-Salvini esiste. Parlano Orsina, De Giovanni e Adinolfi”.

Leggi tutto →

25 Ottobre 2014
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

LE PARI OPPORTUNITA’ SONO ACQUA PASSATA?

25 Ottobre 2014

Alfredo Reichlin su Repubblica spiega che quando lui parla di Pd come partito della nazione dice una cosa diversa da Renzi, e contesta a Renzi che sia attuale e valido battersi per le pari opportunità (“I nuovi oligarchi”). Quasi una replica l’articolo di Dario Perrini su Europa: “Partito delle opportunità o dell’uguaglianza?”. Claudio Cerasa sul Foglio parla a lungo con il consigliere economico di Renzi, Yoram Gutgeld: “Il sarto di Chigi”. Su La Stampa un saggio di Giovanni Orsina: “L’Italia alla fiorentina. Ciò che ha messo le ali a Renzi”. Pietro Folena su Europa, a proposito della Leopolda, scrive: “Perché la sinistra non se ne fa una alternativa?”. Nadia Urbinati dice la sua su “Il partito tenda della Leopolda” (Repubblica) e Giorgio Tonini, intervistato dalla Stampa, sbotta: “Basta tessere, ormai siamo il partito del paese”. Giulio Sapelli sul Messaggero loda il Renzi europeo e trova innocua la lettera della Ue: “Il miracolo della mossa salva Europa”.

Leggi tutto →