20 Settembre 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

QUELLE FORBICI. I PROBLEMI DEL PAESE. OLTRE DUBLINO

20 Settembre 2020

Sul referendum tutto s’è detto; ma come non segnalare l’intervento di oggi su La Stampa del fratello di Gustavo, Vladimiro Zagrebelsky, magistrato: “Quelle forbici sul Parlamento”? C’è poi, su referendum e regionali, una riflessione di Sergio Fabbrini: “Il voto e la normalità di una democrazia liberale” (Il sole 24 ore). Romano Prodi, sul Messaggero, guarda avanti: “Dopo le urne si torni in fretta ai problemi del paese” (e ne segnala alcuni). Di problemi cui occuparsi, sul Corriere della sera, ne indicano Goffredo Buccini, “Periferie, quel dolore da curare”; Gian Arturo Ferrari,Nel paese che non studia gli insegnanti contano poco”; Gian Antonio Stella, “La sete punitiva genera mostri, rieducare i carcerati si può” (Corriere); sul Messaggero, Laura Cifoni, “Il triste record di Campania e Sicilia: rischio di povertà più alto d’Europa”; e, con riferimento al recente Piano italiano per la Ripresa e la Resilienza, su Repubblica, anche Tito Boeri e Roberto Perotti, “Il piano sbagliato”; Carlo Cottarelli, “Se la politica non dà i numeri” (Repubblica); Enrico Giovannini, “Portare l’Italia allo sviluppo sostenibile” (intervista a Repubblica). EUROPA E IMMIGRAZIONE: Oggi una lettera all’Avvenire di Ursula von der Leyen,L’Europa ha idee e forze per riprendere un ruolo guida”, che anticipa l’attesa svolta della Ue sulla questione migranti. Psi vedano Alberto D’Argenio, “Il piano von der Leyen per i migranti” (Repubblica); Alessandra Ziniti, “Sbarcati 500mila, ricollocati 13mila” (Repubblica); e soprattutto i commenti di Stefano Allievi, “Dimenticando Dublino” (Repubblica); Maurizio Ambrosini, “Oltre Dublino con giustizia” (Avvenire); Luigi Manconi, “Noi, Open arms e il patto europeo” (La Stampa); e Enrico Letta, “Oltre Dublino per la giustizia e la civiltà” (Avvenire).

 

Leggi tutto →

19 Settembre 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LE ULTIME SUL REFERENDUM

19 Settembre 2020

Vigilia del voto referendario. Il buon Gustavo Zagrebelsky, già giudice costituzionale e presidente della Consulta, che in un articolo su Repubblica del 23 agosto aveva scritto sentirsi, di fronte alla scelta tra il Sì e il No, come l’asino di Buridano, oggi è intervistato da Il Fatto e si dedica a spiegare “Ecco perché molte ragioni del No non stanno in piedi” e dunque a lasciar capire che voterà Sì. Per Marco Travaglio il voto per il No è l’espressione de “La voce dei padroni”, tra i quali mette e questo e quello (cioè tutti quelli che non la pensano come Il Fatto). Viceversa un altro ex presidente della Consulta, Gaetano Silvestri, è intervistato oggi da La Stampa e dice: “Nel taglio c’è disprezzo per il nostro Parlamento”. Lo pensa anche Rosy Bindi che ribadisce il suo No (che non è, dice, un No al governo), oggi intervistata sia da Repubblica (“Dico No, la riforma lede il pluralismo. Il Pd fa un errore”) sia dal Manifesto (“Se vince il Sì un Parlamento classista. Il governo non rischia”). E ritorna sul tema, a modo suo, Massimo Cacciari: “Basta nanismo costituzionale” (La Stampa). Zagrebelsky, nell’intervista a Il Fatto, criticava l’idea di una “rappresentatività dei territori”, ma Ilvo Diamanti su Repubblica non la pensa così: “Dove comanda il territorio”. Poi Claudio Cerasa replica a Stefano Folli: “No, non è un referendum sul grillismo” (Foglio). Infine Antonio Polito, non a torto, parla di “Linciaggi morali tra alleati” (Corriere della sera). P.S. Utile un doppio dossier sul tema del numero dei parlamentari nel dibattito alla Costituente e nella gestazione dell’attuale referendum, curato dall’Istituto De Gasperi dell’Emilia Romagna. E utile il video del dibattito organizzato da Città dell’uomo lo scorso 11 settembre “Informasi per discernere. Dialogo sulla riforma costituzionale” con Camilla Buzzacchi e Filippo Pizzolato (introduce Guido Formigoni).

Leggi tutto →

24 Agosto 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL REFERENDUM E L’ASINO

24 Agosto 2020

Su Repubblica dopo l’intervento (ieri) dell’asino incerto di Gustavo Zagrebelsky: “La Costituzione resta nascosta in una diatriba tutta politica”, oggi un severo editoriale di Claudio Tito, critico del Pd: “La sindrome della subalternità”; inoltre, ieri, il parere di Massimo Luciani: “Se prevale il Sì le Camere non funzioneranno” e quello di Anna Finocchiaro: “Una minaccia al pluralismo”, e la nota di Tommaso Ciriaco: “I tormenti del Pd sul referendum”. Su La Stampa, ieri, l’editoriale di Massimo Giannini, che, salvo imprevisti, propende per il No: “Il referendum e la deriva confusionaria”. Il Corriere della sera pubblica, ieri, un intervento di Virginio Rognoni per il No come testimonianza: “Il pregiudizio diffuso contro il Parlamento” e oggi un breve fondo del direttore Luciano Fontana, perplesso: “Riduzione dei parlamentari: idea giusta, problemi aperti”. Sul Mattino di oggi Mauro Calise è critico verso Pd e M5s: “Referendum, i partiti in cerca di autore”. L’Avvenire pubblica un intervento di Graziano Delrio a favore: “Avanti con M5s, ma senza legge elettorale l’intesa non regge”. Due interviste a esponenti 5stelle a favore: Giuseppe Brescia sul Corriere (“Con meno onorevoli ognuno avrà il suo peso”) e Federico d’Incà su Repubblica (“Parola di ministro: la riforma non si fermerà al numero degli eletti“). Su Il Fatto il Sì di Maurizio Martina: Votiamo sì a un Parlamento che si autoriforma” e di Andrea Pertici: “Referendum, il taglio non svilisce le Camere”. Sul sito di Pietro Ichino una lettera di Nino Labate e la risposta.

Leggi tutto →

29 Luglio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

RAGIONI E TORTI DELLO STATO DI EMERGENZA. IL PD E L’IMMIGRAZIONE

29 Luglio 2020

Stato d’emergenza: Stefano Ceccanti,Diciamo sì a un’emergenza nuova” (comunicato). Sabino Cassese, “Basta forzature illegittime. Si torni alla normalità” (Corriere della sera). Gustavo Zagrebelsky, “Non è l’emergenza che mina la democrazia, è l’eccezione” (Repubblica). Paolo Pombeni,L’emergenza aiuta solo i burocrati” (il Quotidiano). Immigrazione: Matteo Marcelli,La guardia costiera libica spara sui migranti” (Avvenire). Vincenzo Spagnuolo, “Sbarchi, il piano del Viminale” (Avvenire). Annalisa Cuzzocrea, “L’ira di Zingaretti sul governo che teme un’ondata di sbarchi” (Repubblica). Carmelo Caruso, “Sindaci pragmatici e di sinistra: sull’immigrazione ha ragione Minniti” (Foglio). Marco Minniti, “L’Italia adesso cambi paradigma. Corridoi legali e via i decreti Salvini” (intervista a La Stampa). Filippo Miraglia, “Gli immigrati, vivi o morti, giocati al tavolo politico-elettorale” (Manifesto). Marco Tarquinio, “Uomini a terra (e anche noi)” (Avvenire). Michela Murgia, “Anche il Pd si comporta come la Lega” (La Stampa). Mattia Feltri, “Le majorette” (La Stampa). Governo e riforme: Alberto Gentili, “La cabina di regia comincia da digitale e infrastrutture” (Messaggero). Lo scoramento di Marcello Sorgi: “Se le poltrone contano più delle riforme” (La Stampa). Giuseppe Provenzano, “Agevolazioni fiscali per le imprese al Sud” (intervista al Corriere della sera). Mario Calderini, “Serve il capitalismo di comunità” (Repubblica). Giuseppe De Rita, “Orientare comportamenti non sollecitare emozioni” (Corriere).

Leggi tutto →

30 Aprile 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL PAPA E IL PRESIDENTE. LA FASE 2 IN AFFANNO

30 Aprile 2020

Raffaele K. Salinari, “Il Papa e il Presidente” (Manifesto). Nicola Colaianni, “Nel nuovo conflitto tra scienza e fede è la salute a vincere” (Repubblica). Gustavo Zagrebelsky, “L’obbedienza e la responsabilità” (Repubblica). Marzio Breda, “L’ansia di Mattarella per le manovre destabilizzanti che si moltiplicano” (Corriere della sera). Francesco Verderami,Il riscatto che serve alla politica” (Corriere della sera). Alfonso Berardinelli, “L’emergenza dimostra la necessità di rifondare la cultura dei ceti politici” (Foglio). Mario Lupo, “Ecco perché servirebbe una nuova Iri” (Sole 24 ore), Mariana Mazzucato, “Trasformare lo Stato per ripartire” (Sole 24 ore).  Luigina Mortari, “La tecnocrazia è morta, ce lo ha detto il Covid” (intervista all’Avvenire). Paolo Pombeni,Fase 2, bastava chiedere solo sicurezza” (Il Quotidiano). Valerio Di Porto, “Paternalismo e repressione, il linguaggio delle istituzioni che sbriciola ogni fiducia” (Il dubbio).  Lina Palmerini,Il Cavaliere e Renzi, le due facce della fase 2” (Sole 24 ore). Roberto D’Alimonte, “Il virus spinge l’antieuropeismo. E Zaia scala la classifica dei leader” (Sole 24 ore).

Leggi tutto →

21 Marzo 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

VOCI DA BERGAMO, VOCI EUROPEE, VOCI AMERICANE

21 Marzo 2020

Due testimonianze schiette e toccanti da Bergamo, sul Corriere della sera: dott. Fabiano Di Marco, primario di Pneumatologia dell’Ospedale Papa Giovanni, intervistato da Marco Imarisio (“Quel giorno le nostre vite sono cambiate”); mons. Francesco Beschi, vescovo della città, intervistato da Aldo Cazzullo (“Figli e medici, benedite i morenti”). Il parere della virologa Ilaria Capua: “La vita non sarà più la stessa” (intervista al Messaggero). Due riflessioni di fondo: Mauro Magatti, “La necessità di riconoscere il legame tra l’io e l’altro” (Corriere della sera); Francesco Strazzari, “L’emergenza Covid-19 spinge verso la centralità del pubblico” (Manifesto). Un parere di molto buon senso: Gustavo Zagrebelsky, “Giusti i divieti se tutelano il diritto alla vita. Non vedo prove di dittatura” (intervista a Repubblica), una nota di Cesare Mirabelli: “Limitare le libertà si può, ma non troppo” (Il Quotidiano). Voci europee: Ursula von der Leyen, “Il patto di stabilità è sospeso. Fine degli egoismi” (Corriere della sera); il discorso di Macron del 16 marzo, e quello della Merkel del 18 marzo (Foglio); la lettera a Mattarella del presidente tedesco Franz-Walter Steinmeier (Corriere); Beda Romano, “Il liberismo del Nord e l’immunità di gregge” (Sole 24 ore). I commenti di Mario Monti,, “Eurobond, ora si può” (Corriere) e Piercarlo Padoan, “Idee per combattere la crisi con gli strumenti adatti” (Foglio). Gli Usa: Mattia Ferraresi, “Lo smarrimento di Trump” (foglio); Daniele Raineri, “Terzo mondo americano” (Foglio); Michele Serra, “Morire armi in pugno” (Repubblica).

Leggi tutto →

19 Novembre 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA LIBERTÀ COME PROGETTO COMUNE PER RISALIRE LA CHINA

19 Novembre 2019

Mauro Magatti sostiene che la parabola cominciata con gli anni 60 del Novecento volge al declino e che bisogna cambiare paradigma, facendo fare un passo avanti alla libertà, non più intesa come diritto individuale ma come progetto comune (“Alla prova della libertà”, Avvenire). Gustavo Zagrebelsky s’interroga sulla sorte di quei popoli e minoranze costretti a lasciare la propria terra e non accolti in nessun luogo se non in accampamenti “umanitari”; e sulla sorte di un Occidente richiuso su se stesso (“Che fine farà il popolo senza terra?”, Repubblica). Angelo Panebianco, “L’illusione di sovranità dei nuovi nazionalismi” (Corriere della sera). Roberto Gualtieri, “Il new deal ambientale ci salverà” (La Stampa). Marco Bentivogli, “Ilva. Il vuoto colmato dai magistrati” (Sole 24 ore). Luca Liverani, “Cittadinanza agli stranieri: tre idee per riaprire i giochi” (Avvenire). Giancarlo Gamba, “Noi e i rom, oltre la discriminazione la via dell’incontro ‘per essere uno’” (Avvenire).

Leggi tutto →

9 Giugno 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA SINISTRA E  L’IMMIGRAZIONE

9 Giugno 2019

Un provocatorio, ma campato per aria, articolo di Federico Rampini su Repubblica: “Perché vince la sinistra danese” (vince, dice, perché gestisce con qualche severità la questione immigrazione). Così anche Paolo Mieli, sul Corriere della sera, che esorta il Pd a restituire l’onore all’ex ministro Minniti e alla sua politica migratoria; “Risvegli a sinistra in Europa”. Ma è anche vero che, qua e là, si sta risvegliando uno spirito solidale, come scrive Linda Laura Sabbadini su la Stampa: “Il valore della solidarietà per rafforzare l’identità nazionale”. Resta vero, dice mons. Luigi Bettazzi, che “Ormai dilaga la cultura antiumanitaria” (intervista a La Stampa). Carlo Rovelli, il fisico, sul Corriere, si chiede: “L’immigrazione è davvero un problema così grande?”. Francesca Paci intervista una scrittrice araba: “Hoda Barakt, la voce dei migranti” (La Stampa). Una riflessione di Gustavo Zagrebelsky: “Cittadini uniti contro la paura” (Repubblica).

Leggi tutto →