14 Febbraio 2019
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’AUTONOMIA CHE SCUOTE IL PD

14 Febbraio 2019

Ancora sulle intese sull’autonomia differenziata tra le regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna e lo Stato, in discussione al Consiglio dei ministri: Dino Martirano, “Il giorno dell’autonomia” (Corriere). Marco Cremonesi, “Quota di tasse alle regioni. Il gettito extra resta sul posto” (Corriere). Giovanni Toti,E’ la strada giusta” (intervista al Corriere). Michele Emiliano, “Al Nord andranno molte più risorse” (intervista al Corriere). Corrado Zunino, “I prof. pagati 200 euro in più (ma solo al Nord)” (Repubblica). Daniele Bonecchi, “L’autonomia che scuote il Pd. Un altro modello è possibile?” (il Foglio). Cesare Mirabelli, “A rischio il dettato della Costituzione” (Messaggero). Giovanni Guzzetta, “Con la riforma del 2001 Stato e Regioni sono alla pari” (intervista a Italia Oggi). Ernesto Galli Della Loggia, “Il divario Nord-Sud, gli errori del regionalismo” (Corriere). Nuovo appello sul Manifesto, “In difesa dell’unità nazionale”. Piero Bevilacqua, “La resistibile ascesa della Lega al Sud” (Manifesto). Massimo Adinolfi, “Se il Nord se ne va senza discutere” (Mattino). Adolfo Pappalardo, “De Luca: per bloccarli siamo pronti a tutto” (Mattino). Marco Esposito, “Allo Stato i rischi, a noi i guadagni. Ecco i nove trucchi dei secessionisti” (Mattino). Tonio Tondo, “Regioni più responsabili, ma l’unità d’Italia resta sacra” (Gazzetta del Mezzogiorno). Marco Palombi, “Oggi a Palazzo Chigi inizia la secessione dei ricchi” (Il Fatto). Innocenzo Cipolletta, “Autonomia delle regioni? Solo con tasse locali” (Sole 24 ore). Si veda anche uno studio della SVIMEZ dello scorso dicembre.

Leggi tutto →

12 Ottobre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

VALERIO ONIDA RICORRE AL TRIBUNALE CONTRO IL QUESITO REFERENDARIO

12 Ottobre 2016

Due interviste a Valerio Onida, che si è rivolto al Tribunale civile di Milano e la Tar del Lazio per far sospendere il referendum: “Il referendum va sospeso. Così si viola la Costituzione” (Il Fatto) e “Quesito incompleto. Così si chiede un plebiscito” (Corriere della Sera). Giovanni Guzzetta: “Onida sbaglia, no a spacchettamento” (Ansa). L’editoriale del direttore del Corriere, Luciano Fontana: “Il Sì e il No, e i toni sbagliati”. Un’intervista di Gianfranco Pasquino a Il Giornale: “Un leader deve unire non dividere”. Paolo Franchi, “L’eccesso di decisionismo di Renzi sul referendum” (Corriere). Massimo Andolfi, “La sfida nel Pd e il declino del riformismo” (Mattino). Franco Adriano, “In 68 del ’68 si battono per il Sì” (Italia Oggi). Su Repubblica parte un’inchiesta sul tema del referendum, partendo da “Il nuovo Senato”, con interviste a Stefano Ceccanti e Ugo Di Siervio. Pietro Reichlin sull’Unità: “La riforma è un treno da non perdere”. Alberto Melloni sollecita firme per un appello di studiosi e intellettuali “Per un pacato Sì”.

Leggi tutto →

7 Dicembre 2013
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

LE PRIMARIE PD E IL RIPENSAMENTO DI PRODI. LA CONSULTA E LA LEGGE ELETTORALE

7 Dicembre 2013

 “Matteo, Gianni o Pippo? Matteo”, risponde Giovanni Colombo, anche se dice che non è il leader giusto per far ripartire una “primavera dei cuori” (“Il cinghialetto e il pellicano”). Al “segretario che verrà” offre i suoi consigli Pierluigi Castagnetti (“Consigli non richiesti al segretario che verrà”, Europa). E Romano Prodi cambia idea, voterà alle primarie: lo spiega al Mattino  mentre risponde a domande su Mandela (“Il metodo di Mandela per salvare la democrazia”); in proposito il Foglio pubblica un colloquio con Arturo Parisi:Il perché di Prodi”; commenta Mario Lavia su Europa: “Il Prof vota per il bipolarismo, ora le Primarie si rianimano”; il Secolo XIX suppone che Prodi voti Civati, ma appoggi Renzi per Palazzo Chigi e ripensi al Quirinale (“L’appoggio si sdoppia e torna l’obiettivo Quirinale”). LEGGE ELETTORALE: Barbera, Ceccanti e CheliNon ci sono più alibi” (Mattino); Francesco Paolo Casavola: “Basta con gli alibi, ora nuove regole” (Mattino); Piero Capotosti:Dopo le motivazioni il Parlamento decade” (Unità); Valerio Onida: “La sentenza non incide sugli effetti della legge” (Sole 24Ore); Stefano Rodotà: “Le ragioni della Corte” (Repubblica); Domenico Gallo: “Una sentenza storica” (Manifesto); Cesare Mirabelli:Rischio caos, Camere troppo deboli” (Mattino); Giovanni  Guzzetta: “E’ il trionfo delle larghe intese” (Mattino); Alfio Mastropaolo:A che serve una legge” (Manifesto);  Angelo Panebianco: “Una trappola che seduce” (Corsera).

Leggi tutto →

8 Ottobre 2013
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

MONACO E BINDI SUL CONGRESSO PD. RIFORMA ELETTORALE. POLEMICA SU PRODI

8 Ottobre 2013

Su Europa un intervento di Franco Monaco: “Ecco perché noi bindiani non stiamo con nessuno” (cioè “né lib né lab, ma dem”); la Bindi aveva rilasciato ieri un’intervista all’Unità (“Al Congresso leale con chi vince ma non mi schiero”). Intanto nel Pd gira un sondaggio che dà l’83% dei voti a Renzi (“Quei numeri che agitano il Pd: Renzi su tutti, addio vecchia guardia”, M.T. Meli, Corsera). Si discute di legge elettorale: “Rischio proporzionale, nel Pd c’è chi dice no” (R. Calvo, Europa); Stefano Folli sul Sole 24Ore scrive: “Legge elettorale, alibi finiti”; Marco Olivetti sull’Unità: “Come uscire dal porcellum”;  Stefano Ceccanti, su Qdr magazine, scrive di nuova legge elettorale legata a cambiamenti costituzionali (“Il possibile bipolarismo maturo”); e Giovanni Guzzetta, su confronti costituzionali.eu, si chiede: “E’ incostituzionale la legge elettorale?”. Su Repubblica del 7 ottobre G. Zagrebelsky ha scritto “L’Italia resta prigioniera del berlusconismo”; oggi Giorgio Armillei polemizza con lui su landino.it (“Da azionisti a centristi”). Ieri Sandra Zampa, deputato prodiano, ha scritto sul Corsera “I prodiani e il tradimento”, e La Stampa ha pubblicato l’articolo “Le tre telefonate che affossarono la candidatura Prodi”; oggi su La Stampa replicano S. Rodotà (“A Prodi dissi…”) e M. Monti (“Con Romano belle parole ma rimase la divergenza sulla grande coalizione”).

Leggi tutto →

21 Agosto 2013
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

21 agosto

21 Agosto 2013

Diversità di accenti anche oggi tra i due maggiori quotidiani in tema di Berlusconi: Ezio Mauro su Repubblica (“Il mondo rovesciato”) esprime indignazione per il rischio che un uomo solo tenga in pugno il Paese, mentre Sergio Romano sul Corsera (“La maturità della politica”) suggerisce al parlamento di darsi un supplemento di riflessione sull’applicazione della legge Severino. Il Sole 24Ore offre uno strumento dper capire: “Retroattività. La mappa delle interpretazioni”. Stefano Ceccanti sull’Unità scrive: “Non esistono scorciatoie, la legge Severino è applicabile”. Piero Ignazi, su Repubblica, mette in guardia il Pd dal concedere nulla a Berlusconi: “A chi è indigesto il boccone democratico?”.  Una posizione, invece, più vicina a quella di Sergio Romano la esprime Lorenzo Dellai, di Scelta Civica, sempre sul Corsera: “Il Senato non è un quarto grado, ma se serve tempo lo prendano”. Il 20 agosto su Il Giorno Giovanni Guzzetta aveva espresso un’opinione inaspettata: “La legge Severino è incostituzionale”. Europa pubblica un intervento di Gabriella Monteleone che osserva: “Decadenza o no: perché la palla giuridica potrebbe passare alla Consulta”. Tra i molti che mettono in guardia contro la crisi di governo c’è Giulio Sapelli, intervistato sull’Unità: “Una crisi oggi significherebbe il caos”. Chi invece spinge per la fine delle larghe intese e la nascita di un governo Pd-M5S c’è Stefano Rodotà: così su Repubblica del 20 agosto (“Il senso del vuoto e la democrazia corrosa”) Franco Monaco, su Europa, replica a Enrico Letta: “Professionisti del conflitto? Potrei essere uno di loro”.  In ogni caso si torna a discutere su come andare alle elezioni: Roberto D’Alimonte sul Corsera dice: “La proposta di Violante è la mia. Soglia al 40% oppure ballottaggio”; Elisabetta Gualmini su La Stampa sarebbe d’accordo anche lei con Violante ma teme che non se ne faccia nulla: “Elettorale. La riforma improbabile”.

Leggi tutto →

13 Agosto 2013
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

BERLUSCONI, BERLUSCONISMO, IMMIGRAZIONE, RIFORMA ELETTORALE, PRODI

13 Agosto 2013

BERLUSCONI. Stefano Ceccanti su Repubblica il 12 agosto: “Il Cavaliere non si può candidare, la legge Severino ha cambiato tutto”; diversa l’opinione di Giovanni Guzzetta sulla Stampa il 13: “L’applicazione retroattiva sarebbe illegittima”, come già quella di P. A. Capotosti sulla Repubblica dell’11 (“La sentenza è irrevocabile, ma sull’incandidabilità devono decidere le Camere”). BERLUSCONISMO. Interessante analisi di Alessandro Campi sull’Unità del 13 (“L’ideologia berlusconiana”); sull’Unità del 12 Andrea Romano (Scelta civica) prova a rispondere alla domanda “Come fanno a superare il berlusconismo?”, e dice che non sarà la Destra a farlo, ma solo una proposta seria del centro-sinistra; anche Alfredo Reichlin sull’Unità del 12 sembra pensarla così (“Una questione che ci riguarda”); per Giuliano Ferrara, sul Foglio, la via è una: la successione di Marina (“Una grande storia”); in ogni caso, e in previsione che arrivi Marina B., utile l’intervento di Stefano Passigli sull’Unità: “Conflitto d’interessi. Perché serve una ‘vera’ legge”. RIFORMA ELETTORALE. Massimo Luciani sull’Unità del 13 spiega le alternative (“Il maquillage del Porcellum”); lo stesso fa Michele Salvati sul Corriere del 12 (“Quale legge elettorale in un’Italia troppo divisa”); il prof. S. Settis torna a denunciare la revisione della Costituzione (“Porcellum e Costituzione”). IMMIGRAZIONE. Livia Turco sull’Unità: “Immigrati, cosa deve fare l’Italia in Europa”; l’esperta Giovanna Zincone su La Stampa: “L’integrazione che serve all’Italia”; Nadia Urbinati su Repubblica esamina “Il virus razzista”; su La Stampa del 12 agosto intervista a Andrea Riccardi: “Le rotte della morte nel deserto sono ancora più terrificanti”. LA STRANA PROPOSTA DI ROMANO PRODI. Sul Messaggero dell’11 agosto Romano Prodi scrive “Più risorse abolendo Tar e Consiglio di Stato”; gli risponde con garbo Paola Severino sullo stesso giornale (“Attenzione a cancellarli, ma la riforma è necessaria”, s’intende …della Pubblica Amministrazione); il 12 interviene sul Messaggero Giulio Sapelli:Una riforma radicale per salvare la PA”.

Leggi tutto →