19 Giugno 2019
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

BECCHETTI E GIOVANNINI: “SCEGLIAMO FUTURO”

19 Giugno 2019

Leonardo Becchetti e Enrico Giovannini, “Scegliamo futuro” (Avvenire). Thomas Piketty, “L’illusione del potere verde” (Repubblica). Sabino Cassese, “Il tramonto della rappresentanza” (Corriere della sera). Claudio De Vincenti,La flat tax difetta di equità e di efficienza” (Sole 24 ore). Linda Laura Sabbadini, “La povertà travolge i più giovani” (La Stampa). Chiara Saraceno, “E il Nord scopre che aumentano i nuovi poveri” (Repubblica). Virman Cusenza, “Raggi incapace, Roma muore” (Messaggero). PARTITO DEMOCRATICO: Enrico Morando, “Il compito del Pd: bilancio dell’area Euro e vocazione maggioritaria” (liberta eguale.it). Davide Allegranti, “Fassino spiega perché il Pd non può tornare ai Ds” (Foglio). Piero Ignazi, “Quando il dissenso fa bene” (Repubblica). Pippo Provenzano, “Il jobs act va ridiscusso. E’ l’ora della discontinuità” (intervista a Il Fatto). Davide Mencarelli, “Una lezione che a sinistra non si riesce a capire” (Avvenire). MIGRAZIONI: Sabino Cassese, “Le frontiere sono chiuse solo per i più poveri” (Foglio). Michel Cantarella, “Volontariato cattolico e laico insieme per la rete dell’accoglienza” (Avvenire).

Leggi tutto →

15 Marzo 2019
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’APPELLO DI GRETA THUNBERG

15 Marzo 2019

Greta Thunberg, “Ora tocca agli adulti muoversi” (La Stampa). Carlo Petrini, “Generazione che crede nel domani” e Christian Rocca, “Un sogno che può realizzarsi” (la Stampa). La filosofa francese Catherine Larrère: “Si diffonde un’etica ambientale” (intervista all’Avvenire). Franco Arminio, “Vivere con onestà e lasciare una traccia” (Corriere).  Ugo Magri, “Mattarella con Greta: rischiamo la crisi globale” (la Stampa).  Giuseppe Onufrio, “Dal capo dello Stato una lezione al governo e al Pd” (Manifesto).  Piero Bevilacqua, “I ragazzi disubbidienti lasceranno il segno” (Manifesto).  Franco Prodi, “Il pianeta è malato ma non si può dire quando morirà” (Mattino). Mario Tozzi,Diciamo basta ai permessi per estrarre petrolio” (Manifesto).

Leggi tutto →

27 Novembre 2018
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

“UN CLIMA DI GIUSTIZIA”. APPELLO SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI

27 Novembre 2018

In vista della Conferenza ONU sui cambiamenti climatici (COP24), al via il 3 dicembre a Katowice, la Rete dei Centri per l’Etica Ambientale (CepEA) ha elaborato il documento Un clima di giustizia”, un appello ai decisori politici nazionali per chiedere di riorientare il sistema socioeconomico in direzione della sostenibilità. Quattro le aree di intervento su cui il documento chiede un impegno concreto e urgente: il patrimonio naturale e artistico, la transizione energetica, la finanza sostenibile e responsabile, gli stili di vita personali e collettivi. Il testo integrale del documento è stato pubblicato nel numero di dicembre di Aggiornamenti Sociali (la rivista fa parte della rete CepEA insieme alla Fondazione Lanza, alla Focsiv e a vari istituti universitari).

Leggi tutto →

17 Gennaio 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

UN PIANO PER L’ITALIA DELLE COMPETENZE

17 Gennaio 2018

Il contributo pubblicato sul Sole 24 Ore qualche giorno fa dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e dal segretario della Fim-Cisl Marco Bentivogli (“Un Piano industriale per l’Italia delle competenze”) ha suscitato un interessante dibattito (Carlo Fotina, “Coro di consensi al piano per l’Italia di Calenda e Bentivogli”), finora con scarse ricadute sul dibattito preelettorale. Sono intervenuti, tra gli altri, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan (“Il potenziale di un paese che sa guardare al futuro”), Franco Debenedetti (“Le tracce dei totem della sinistra”), Leonardo Becchetti (“Giusto risalto alla variabile ambientale”), Claudio de Vincenti (“Il fattore umano rimette in moto la macchina”), Michele Tiraboschi (“Un nuovo welfare per Industria 4.0”), Paolo Bricco (“Produttività e territori, le amnesie della politica”).

Leggi tutto →

12 Maggio 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Il “dibattito pubblico”, una via per recuperare fiducia tra i cittadini e chi governa. Intervista a Rodolfo Lewanski

12 Maggio 2017
di Giandiego Carastro

 

In risposta a vicende come quella della TAV, ora il governo vuole introdurre in Italia la procedura francese del Dibattito pubblico. Se si vuole rimontare la crisi di fiducia nelle decisioni, i veri percorsi partecipativi devono essere muniti di precise garanzie per i cittadini, che debbono sapere che le loro opinioni sono destinate a contare davvero, ad avere un’effettiva influenza sulle decisioni pubbliche.

Leggi tutto →

4 Settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA FIDUCIA DI PRODI NEL LIBERO MERCATO (MA ANCHE LA CRITICA ALLA POLITICA CHE NON CORREGGE GLI SQUILIBRI)

4 Settembre 2016

Perché l’Italia non cresce? Al Forum Ambrosetti di Cernobbio è stata presentata una ricerca: la riassume Nicoletta Picchio sul Sole 24 Ore: “Dalle riforme buona manutenzione, ma per crescere bisogna fare di più”. Intervistato da Federico Fubini, Roberto Perotti dice: “Ecco i numeri: la spesa pubblica non è diminuita”.  Per Mario Monti Troppa flessibilità fa male”: lo riferisce Ferdinando Giugliano su Repubblica. Una lettura della non-crescita italiana la offre sull’Unità Pietro Reichlin, che dice che serve il coraggio di sostenere solo i settori efficienti e non quelli senza futuro (“L’Italia e la crescita globale”). Dario Di Vico sul Corriere della Sera nota come nell’incontro del Forum Ambrosetti si sia cominciato a riflettere, a livello europeo, sugli squilibri sociali generati dalla globalizzazione (“L’europeismo tradizionale che scopre le disuguaglianze”). Con l’occhio al G20, Romano Prodi, viceversa, lamenta che oggi “Troppi vincoli soffocano il libero mercato” (Gazzettino). Mario Platero affronta sul Sole 24 Ore la crisi del multilateralismo (“L’eredità di Obama all’ultimo summit globale”). Massimo Gaggi sul Corriere commenta il Protocollo sull’ambiente: “Obama, la Cina e la svolta condivisa”.

Leggi tutto →

27 Luglio 2015
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL CASO TARANTO E LA LEGGE. INTERVENTI DI CASAVOLA, MIRABELLI, CASSESE E ALTRI

27 Luglio 2015

Francesco Paolo Casavola scrive sul Mattino che la questione dell’Ilva di Taranto sta acquistando una centralità epocale nella storia non solo italiana (“Il caso Taranto e le leggi nell’orizzonte della globalizzazione”). Nei giorni scorsi hanno scritto sul tema: Alberto Brambilla, “Così i giudici hanno sderenato l’Ilva” (Il Foglio); Dario Di Vico, “Un conflitto che è durato troppo” (Corriere della Sera); Oscar Giannino, “Se l’economia va ko per via giudiziaria” (Il Mattino); Cesare Mirabelli, “Tra governo e magistrati uno scontro di potere che non fa bene a nessuno” (intervista al Messaggero); Sabino Cassese, “I giudici rispettino il decreto sull’Ilva” (intervista al Messaggero); Nello Rossi, “Obbligati a sporcarci le mani con la realtà” (intervista al Sole 24 Ore); Luigi Ferrarella, “Giustizia e imprese, l’equilibrio c’è già” (Corriere della Sera); Armando Spadaro, “Il mondo dei diritti non obbedisce al mercato” (Corriere della Sera).

Leggi tutto →