31 ottobre 2018
by c3dem_admin
2 Commenti

2 Commenti

Per rilanciare e politicizzare il messaggio della «Laudato si’»

31 ottobre 2018
di Guido Formigoni

 

Spunti schematici e introduttivi in vista del convegno di c3dem che si terrà a Modena il 1° dicembre (qui il programma).

La tesi centrale dell’enciclica «Laudato si’» non è difficile da individuare: «Non ci sono due crisi separate, una ambientale e l’altra sociale, ma una sola e complessa crisi socio-ambientale» (n. 139). Le difficoltà del rapporto umanità-natura non sono logicamente e strutturalmente diverse dai problemi dell’ingiustizia globale, con le diseguaglianze tra i gruppi umani e tra i popoli che si allargano in modo ingovernabile, causando disordine e ondate di minacciosi risentimenti. 

 

Leggi tutto →

3 gennaio 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA SINISTRA TRA GLI ORTI IMPAURITI E LA SVOLTA DEI DOVERI

3 gennaio 2018

Stefano Folli prova a spiegare su Repubblica il perché il Pd di Renzi tiene poco all’accordo con la Bonino e cosa ne potrebbe derivare (“I radicali e il pasticcio del Rosatellum”). Emma Bonino dà la sua versione: Alessandra Arachi, “Lo sfogo di Emma: ‘Ho salito e sceso tutte le scale. Non si è risolto nulla’” (Corriere della sera). Lina Palmerini indica “I costi di una rottura tra Bonino e Renzi” (Sole 24 ore). Ma dal Pd si levano le voci di Piero Fassino (“Siamo pronti ad aiutarli, ma i radicali decidano se vogliono essere alleati”, a La Stampa) e di Ettore Rosato (“Con i Radicali tanto in comune”, al Messaggero). C’è poi un retroscena di Tommaso Ciriaco: “Letta e la cena della discordia” (Repubblica). Ieri Sandra Zampa aveva detto (a Repubblica): “Con Emma l’intesa ci sarà”. SINISTRA: Claudio Cerasa, direttore del Foglio, riprende coraggio e scrive che “E’ nata la sinistra dei doveri e non solo dei diritti” (quella di Renzi con Minniti Calenda Orlando e Gentiloni, anche se il Pd dovesse perdere…); viceversa Ezio Mauro su Repubblica scrive che la sinistra non riesce più a elaborare una sua lettura del tempo presente e, senza cultura, perde così anche l’anima (“Gli orti impauriti della sinistra“). CINQUE STELLE: Piero Ignazi prevede una lenta perdita di consensi dopo il cambio di passo del nuovo statuto (“M5s, l’angoscia di farsi partito” (Repubblica); Paolo Macry, su Il Mattino, vede il M5S forte soprattutto dove c’è impoverimento culturale (“I Cinque stelle e il pensiero della debolezza”; Ilario Lombardo, “I dubbi di Fico: finiti in mano a un’azienda” (La Stampa). TEMI: Enrico Giovannini, “Sviluppo sostenibile nella Costituzione” (Intervista ad Avvenire). Alesina e Giavazzi, “La verità malcelata sulle nostre pensioni” (Corriere della sera). Tommaso Nannicini,Giovani e lavoro. Le proposte del Pd” (Avvenire). Maurizio Molinari, “Iran, la rivolta che può cambiare il medio Oriente” (La Stampa). Francesco Damato,La lezione di giornalismo di Moro: ecco perché il bene non fa notizia” (Il Dubbio).

Leggi tutto →

15 settembre 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

PISAPIA E MDP. MANOVRA. ECONOMIA SOSTENIBILE. EUROPA E DISUGUAGLIANZE. GIOVANI E LAVORO…

15 settembre 2017

Franco Monaco prova a spiegare “I nodi irrisolti tra Pisapia e Mdp” (Huffigton post). Il Manifesto dà conto di due diverse posizioni: Luigi Manconi (Campo Progressista), “Centrosinistra, il rapporto con il Pd è ineludibile”; Nicola Fratoianni (Sinistra), “Mdp con noi nel quarto polo”. L’intervista di ieri a Pierluigi Bersani sul Corriere della Sera: “Niente voto al bilancio se non ci danno ascolto”. Marcello Sorgi su La Stampa: “La mannaia dei bersaninani e dalemiani sulla manovra”. Romano Prodi e l’economista di sinistra Emiliano Brancaccio si confrontano su Micromega: “Orizzonti europei. Quali scenari”. Il Manifesto pubblica anche un’intervista a Vincenzo Visco: “Il governo sbaglia, ora si deve investire”, e un intervento di Massimo Villone sulla legge elettorale: “Tutte le frecce nell’arco del Consultellum”. Leonardo Becchetti, su Avvenire, indica “La svolta per un’economia sostenibile”. Claudio Cerasa si applica a un “Elogio della lucida follia del Cav.” (Foglio). Paolo Segatti, sul Regno Attualità, scrive di “Partecipazione e voto giovanile in Francia e Gran Bretagna”. Paolo Baroni su La Stampa riporta dei dati della Confindustria: “Lavoro, emergenza giovani. La fuga all’estero pesa 14 miliardi”.

Leggi tutto →

8 aprile 2016
by sammarco
0 commenti

0 commenti

“ROVESCIAMO LA CLESSIDRA DEL WELFARE”

8 aprile 2016

La prefazione preoccupata di Mario Draghi al Rapporto annuale della Bce (“La nuova agenda per l’Europa”). Dario Di Vico:Generazione perduta” (Corriere della Sera). E dice Maurizio Ferrera: abbassiamo le luci sulle pensioni a accendiamole sull’occupazione, la formazione, l’istruzione, cioè sui giovani e i più poveri (“Rovesciamo la clessidra del welfare”, Corriere della Sera). Il ministro degli esteri francese Macron fonda un nuovo partito, racconta Mauro Zanon sul Foglio: (“Oltre la gauche”). Andrea Bonanni commenta il voto olandese: “Se anche l’Olanda tradisce l’Europa” (Repubblica). Una pesante critica di Pietro Ichino, sul Foglio, alle posizioni ecologiste: “Contro l’Italia a km zero”.  Pierluigi Bersani, “Voterò no al referendum” (intervista al Corriere della Sera).

Leggi tutto →

20 marzo 2016
by sammarco
0 commenti

0 commenti

TRIVELLE: COSA È IN GIOCO CON IL REFERENDUM

20 marzo 2016

Antonio Cianciullo su Repubblica spiega “Cosa c’è in gioco con il referendum”. Lina Palmerini sul Sole critica la minoranza dem che si dice ulivista ma tace che Romano Prodi definisca “un suicidio” bloccare le trivellazioni (“Le trivelle e l’Ulivo che non c’è”). Su Repubblica Jenner Meletti racconta cosa ne pensano in Romagna: “E Ravenna le difende”. Ugo Mattei sul Manifesto dice: “Pd nemico dei beni comuni”.  Paolo Viana sull’Avvenire: “Si fanno sentire i sì: in campo i vescovi di Taranto e Pescara”. Alberto Clò sul Giorno è lapidario: “Trivelle & sciocchezze”.

Leggi tutto →

13 marzo 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Un’Alleanza per lo sviluppo sostenibile

13 marzo 2016
di Vittorio Sammarco

 

“Papa Francesco nella sua Enciclica Laudato si’ sottolinea che la cultura che genera inquinamento e disastri ambientali è la stessa che genera povertà e ingiustizia sociale. L’Agenda globale 2030 è l’occasione di cambiare questa cultura rispondendo all’invito e del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, rivolto alla generazione presente ad assumere su di sé il compito di trasformare le nostre società. Con umiltà ma anche con entusiasmo e coraggio, l’Alleanza si impegna a fare la sua parte”. Con queste parole Enrico Giovannini, l’ex presidente dell’Istat, ha concluso la presentazione dell’Alleanza per lo sviluppo sostenibile, di cui è portavoce, lanciata a Roma l’11 marzo.

Leggi tutto →