7 Agosto 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

VARIANTE DELTA. LIBERTA’ E OBBLIGHI. GLI AZZURRI. IL CAMMINO DEL GOVERNO

7 Agosto 2021

Un articolo preoccupante di Ilaria Capua, “Così l’insidiosa variate Delta aggira la rete di protezione” (Corriere della sera). Il punto di vista di Enrico Bucci, “Basta chiacchiere. Vaccinarsi protegge dalla variante Delta” (Foglio). GREEN PASS: Vladimiro Zagrebelsky, “Quell’obbligo è legittimo” (La Stampa). Mauro Magatti,Come è difficile tenere insieme libertà e responsabilità” (Corriere della sera). Gerardo Villanacci, “La strada giusta è la solidarietà” (Corriere). Michela Marzano, “A lezione di vaccino” (Repubblica). GLI AZZURRI: Marco Imarisio, “Lo sport rivela un paese nuovo” (Corriere). Gianni Riotta, “Autobiografia di una nazione” (La Stampa). Giorgio Armani, “Dagli azzurri un messaggio di integrazione” (intervista a Repubblica). IL CAMMINO DI DRAGHI E DEL GOVERNO: Carlo Fusi,Draghi, gli esami e le impressioni di un settembre senza emergenze” (Il Quotidiano). Ilario Lombardo, “Più Palazzo Chigi che Quirinale, così il premier guarda al 2023” (La Stampa). Renato Brunetta, “Nella P.A. conterà il merito. Ci stiamo giocando il nostro futuro” (intervista al Messaggero). Tre articoli venati di pessimismo/realismo: Carlo Bastasin, “Se le riforme non bastano” (Repubblica). Marco Bentivogli, “Le lepri di pezza della mediocrazia” (Repubblica). Veronica de Romanis, “Pnrr, senza tagli non c’è crescita” (La Stampa). SUD: Fabrizio Galimberti, “Ecco perché i poveri del Mezzogiorno restano poveri e il Nord si arricchisce” (Il Quotidiano). SFIDE: Leonardo Becchetti, “Cibo, disuguaglianza. Decisiva una nuova coscienza” (Avvenire). Alessandro Rosina,Le nuove sfide demografiche sono vincenti scommettendo su welfare, natalità e Africa” (Sole 24 ore).

Leggi tutto →

15 Febbraio 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

UN GOVERNO C’E’, MANCANO I PARTITI

15 Febbraio 2021

Massimo Cacciari lancia un allarme serio: bene Draghi, ma se i partiti non ritrovano radicamento sociale e non formano una classe dirigente capace, allora la democrazia finisce: “Democrazia ultimo atto” (La Stampa).  Simile la preoccupazione di Massimiliano Panarari, “Partiti, il primo passo di un big bang” (Secolo XIX), e quella di Ezio Mauro, “Il ceto del cambiamento” (Repubblica). Una sorta di appello a unire tutte le forze per ricostruire le classi dirigenti del paese viene da Lucio Caracciolo: “Ora ci serve la geopolitica” (La Stampa). Paolo Mieli chiede ai partiti che, mentre sostengono il governo Draghi, si ridiano “Una nuova identità in positivo” (Corriere della sera). Piero Ignazi sembra auspicare un partito di Conte: “Da Conte a Draghi la sfida di contenere la spinta antipolitica” (Domani). Il prete e teologo pugliese Rocco d’Ambrosio dice: “Un governo c’è, ma mancano i partiti” (formiche.net). RECOVERY PLAN E AGENDA DRAGHI: Carlo Bastasin,Così il Recovery cambierà la politica” (Repubblica). Antonella Baccaro, “Recovery plan, così la Ue dà i voti” (Corriere della sera). Gianni Trovati,Dal lavoro alle case, le dieci spine fiscali dell’agenda Draghi” (Sole 24 ore). Linda Laura Sabbadini, “Politiche sociali e politiche di genere, i due talloni d’Achille” (Repubblica). Roberto Napoletano, “Come disinnescare la bomba sociale” (Il Quotidiano). Giorgio Vittadini, “Per fermare i clan il governo riduca il divario tra il Nord e il Sud” (intervista a Repubblica). Gianfranco Viesti,Tre criteri per il Recovery plan” (Mattino). MARIO DRAGHI/UN PROFILO:  Giorgio Meletti, “Il potere parallelo di Mario Draghi” (Domani).

 

Leggi tutto →

5 Febbraio 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

DRAGHI E LO SCONCERTO DI ALCUNI

5 Febbraio 2021

Paolo Pombeni, “Gli spiragli e la politica del garbuglio” (Il Quotidiano). Lina Palmerini, “Forzature politiche e trattativa sui ministeri” (Sole 24 ore). Sebastiano Vassallo, “Il discorso della tavolella del magico duo Conte-Casalino” (Domani). Lo sconcerto di Marco Revelli sul Manifesto: “Il martedì nero in cui cade Conte e arriva l’uomo forte”; e quello di Domenico De Masi su Il Fatto: “Con Draghi al governo diremo addio al welfare”. Ursula von der Leyen, “Bene Draghi. Ora sul Recovery plan l’Italia lavori senza sosta” (intervista a La Stampa). Barbara Fiammeri,Draghi: riscriverò il Recovery plan” (Sole 24 ore).PARTITO DEMOCRATICO: Nicola Zingaretti,Con M5s e Leu un esecutivo forte” (intervista a La Stampa). Arturo Parisi, “Pd-5stelle, un flirt occasionale, ma al Nazareno l’hanno confuso in una coalizione per il futuro” ((intervista al Mattino). POLITICA E CLASSI DIRIGENTI: Gianluca Passarelli, “Sostenere Draghi è l’ultima chance per il ceto politico più scarso di sempre” (Il Riformista). Biagio De Giovanni, “Dimentichiamoci in fretta la mostruosità dell’era Conte” (Il Riformista). Ernesto Galli Della Loggia, “Il sapere che serve in politica” (Corriere della sera). Gaetano Azzariti, “Non più una classe dirigente ma solo dominante” (Manifesto). Filoreto D’Agostino, “La dignità umana è al centro della Carta e della democrazia” (Il Fatto).

Leggi tutto →

3 Febbraio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA POLITICA SENZA VISIONE. COME BATTERE SALVINI. COME RIPARARE LA SINISTRA

3 Febbraio 2020

Maurizio Ferrera, sul Corriere della sera, stigmatizza “La politica senza visione che sbeffeggia gli studiosi”. “Appena possibile bisogna scendere dal taxi grillino per salire su un veicolo moderno e magari ibrido assieme ai Renzi, ai Calenda, ai Sala, ai Gori, ai Nardella, alle Bonino. E’ Troppo?”, così si conclude un dossier del Foglio con vari interventi (tra cui Antonio Spadaro sj, Alessandro Maran, Alberto Irace, Serena Sileoni, Carlo Stagnaro, Marina Valensise, Chicco Testa, Sergio Soave) pubblicato dal Foglio: “Come si batte Salvini”. Sempre sul Foglio un articolo di Claudio Cerasa: “Il virus del cialtronismo ha raggiunto il suo picco e quel citofono ha ridisegnato l’Italia”. Su Salvini una intervista di Gad Lerner a Umberto Bossi: “Salvini sbaglia, il nazionalismo fa perdere la Lega” (Repubblica). Su Pd e sinistra un articolo di Annalisa Chirico: “Vincere e governare, la lezione di Bonaccini”. Il Corriere della sera pubblica uno stralcio di un dialogo tra Massimo D’Alema e Maurizio Landini (pubblicato da ‘Italiani europei’): “La sinistra e il legame (smarrito) con i deboli”. Un’intervista di Elly Schlien su l’Espresso: “Siamo qui per riparare la sinistra”. E, sull’Espresso, un intervento Massimo Cacciari: “Caro Pd, ora cambia tutto”.

Leggi tutto →

5 Aprile 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

CLASSI DIRIGENTI E DESTRA ILLIBERALE

5 Aprile 2019

Michele Salvati,L’inarrestabile decadenza delle classi dirigenti” (Corriere). E, a questo proposito, Mauro Tognon: “L’epistolario di De Gasperi diventa digitale” (Corriere). Carlo Cardia, “La forza degli ideali universali per non rimpicciolire la storia” (Avvenire). Giuseppe Guzzetti, “C’è un veleno che intacca la democrazia” (intervista a Repubblica). Elena Dusi, “L’appello degli scienziati: basta improvvisazioni” (Repubblica). Stefano Lepri,L’insostenibile leggerezza del populismo” (La Stampa). Sabino Cassese,Banche, torna la tutela politica” (Corriere). Angelo Panebianco, “La politica vorace e gli argini” (Corriere). Paolo Balduzzi, “Le pensioni elettorali che pesano sul futuro” (Messaggero). Ezio Mauro, “Salvini, la destra e l’ultradestra” (Repubblica). Giovanni Sabbatucci,La minaccia di una destra illiberale” (La Stampa).

Leggi tutto →

30 Dicembre 2015
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

CRISI DELLE CLASSI DIRIGENTI, DELLE ELITE, DELLE UNIVERSITÀ

30 Dicembre 2015

“Stiamo vivendo una fase di grande distanza tra il mondo delle professioni e del sapere e il mondo della politica. Ma se non si combinano i due fattori (…) la politica rischia di inaridirsi”. In un’intervista al Mattino del 29 dicembre (“Non solo primarie per creare classe dirigente”) il ministro Andrea Orlando pone il problema della mancata formazione della classe dirigente, ovunque, ma soprattutto nel Meridione, dove – dice – al Pd, che è oggi alla guida di tutte le regioni, spetta dimostrare che “c’è stato un cambio di marcia”. Riprende il filo del discorso Alessandro Campi, sempre sul Mattino: “Il lungo divorzio tra partiti e società civile”. Sul Corriere della Sera Mauro Magatti scrive che “ancora dominate da un’etica individualistica e consumistica, le elite sembrano non saper riconoscere – e ancor meno interpretare – il bisogno diffuso di più legame sociale” (“Il neo-liberismo è in crisi di risultati e di idee”). Ancora sul Corriere Ernesto Galli Della Loggia, riprendendo i dati di un rapporto della Fondazione Res (“Nuovi divari. Un’indagine sulle università del Nord e del Sud”), descrive la situazione di impoverimento delle università italiane, soprattutto meridionali, e si appella a Renzi perché rivolga la sua attenzione a una questione che è cruciale per il Paese (“Università, il declino da fermare”).

Leggi tutto →

28 Luglio 2015
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LE TRE PIETRE NELLO ZAINO DI RENZI

28 Luglio 2015

Matteo Renzi scrive al Messaggero: “Pronti ad aiutare Roma ma Marino deve dare un segnale”. Francesco Rutelli, su Il Tempo, spiega “Le ragioni del collasso” della capitale. Su Repubblica un articolo di Melania Mazzucco coglie nel degrado di Roma una mancanza di senso civico dei cittadini stessi (“Se questo è il volto di una capitale”); e sul Manifesto Piero Bevilacqua va nella stessa direzione: “La vera mondezza sotto il tappeto”. Stefano Folli individua “Le tre pietre nello zaino di Renzi”, una è Roma, la seconda il taglio delle tasse, la terza la riforma del Senato, sulla quale proseguono le audizioni parlamentari (qui quelle di Stefano Ceccanti e di Peppino Calderisi). Sul Manifesto Felice Basostri scrive: “Senato: non è tardi per correggere”. Dario di Vico affronta invece, sul Corriere, il dramma della disoccupazione che secondo il Fmi durerà ancora molti anni in Italia (“La generazione perduta”). Sul Foglio Claudio Cerasa conversa con Francesco Starace: “Il capo dell’Enel spiega dov’è che l’Italia cammina ancora con i piedi d’argilla”. Giuseppe De Rita, in un’intervista al mattino, dice che in Italia “C’è classe dirigente soltanto nelle città intermedie”.

Leggi tutto →

6 Aprile 2015
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

LA TENTAZIONE DELL’ORDALIA. E ALTRO

6 Aprile 2015

Sondaggi: Nando Pagnoncelli, “Pd al 35,7%, M5S torna a crescere, la Lega davanti a Forza Italia” (Corriere della Sera). Renzi e renzismo: Paolo Pombeni, “Se Renzi si fa guidare dalla tentazione dell’ordalia” (Sole 24 Ore); Matteo Renzi, “L’Italia riparte; sulle intercettazioni interverremo” (intervista al Messaggero); Alberto Burgio, “Il renzismo. Una destra en travestì” (Manifesto). Riforme:  Luca Ricolfi, “Lavori e conti pubblici, le chiacchiere stanno a zero” (Sole 24 Ore); Romano Prodi, “La battaglia del lavoro si vince anche con l’istruzione” (Messaggero); Enrico Rossi, “Il piano del paesaggio una vittoria per la sinistra” (Manifesto). Idee: Giuseppe De Rita, “Cultura d’impresa, il vuoto dei pian alti” (Corriere della Sera). Giovanni Orsina, “Quelli che ‘Io sono indgnato’” (La Stampa).

Leggi tutto →