15 Febbraio 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Draghi e Pellicani

15 Febbraio 2018
di Giovanni Colombo

 

Di tanto in tanto l’autore manda ad amici, sparsi qua e là, i suoi pensieri, firmandosi ovviamente con il solo nome. Estendiamo alla rete c3dem questo suo messaggio

 

Un tempo i futuri erano migliori. Ma anche i presenti non scendevano troppo in basso.

Ora, mirando la campagna elettorale, possiamo dire che siamo al fondo.

Per non recriminare anch’io come fan tutti, mi permetto di indicare cosa sento nel fondo del fondo.

Leggi tutto →

11 Novembre 2017
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

IL PD E LA SINDROME DI SANSONE

11 Novembre 2017

Franco Monaco interpreta Pietro Grasso e la rottura col Pd: “La mutazione genetica del Pd in tre profili” (Il Fatto), mentre Nando Pagnoncelli offre i dati sul Corriere della Sera: “Sondaggio: il Pd cala, sale M5S, al Centro destra quasi la metà dei seggi”. Ma sono alcuni altri articoli che a preoccupare di più, in particolare sul ruolo del Pd nella questione banche: Stefano Folli, “Il tempio di Draghi e i nuovi  Sansone” (Repubblica); Francesco Verderami, “Giochi pericolosi sulle banche” (Corriere); Alessandro Barbera, “Draghi e l’allarme ignorato: ‘Fatto quel che andava fatto’” (La Stampa); Marcello Sorgi, “Banca Etruria dietro la rottura Visco-Renzi” (La Stampa). E Renzi? Stefano Cappellini, “Renzi cerca nuovi alleati: ‘Una coalizione ci sarà e varrà almeno il 30%” (Repubblica). E a sinistra del Pd? Giovanna Casadio, “Da Bersani a Pisapia a Boldrini: al via la lista di sinistra” (Repubblica); Piero Bevilacqua, “Partiti autoreferenziali a caccia di leader. E l’Italia che nessuno vede” (Manifesto). E Emma Bonino? “Nessun accordo col Pd se non cambia linea sui migranti” (intervista a Repubblica). E sui migranti Nello Scavo su Avvenire racconta: “Libia, la salvezza in mare è diventata una lotteria”. Stefano Ceccanti, intervistato da Rai News, propone “Una coalizione europeista per il centro sinistra”. Su Appunti Alessandrini (area c3dem) Agostino Pietrasanta è sconsolato: “Progetto cadavere (se Prodi rinuncia e Berlusconi risorge)”. Il dem Giorgio Merlo dice: “Pd, valida lezione di Martinazzoli: recuperiamo la ‘cultura delle alleanze” (Il Dubbio).

Leggi tutto →

8 Febbraio 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

MARIO DRAGHI E GLI ANTICORPI CONTRO IL POPULISMO E IL DISFATTISMO

8 Febbraio 2017

Nel giorno in cui Mario Draghi incontra Angela Merkel a Berlino si ha la sensazione che il capo della Bce sia il perno, di fatto, della resistenza europea all’insorgere dei nazionalismi e alla disgregazione dell’Unione (e in parte lo sia anche La Merkel). Riportiamo il link a due recenti e significativi discorsi, di spessore politico, di Mario Draghi: a Torino, rivolto soprattutto all’Italia (“Ho portato Cavour a Francoforte”, La Stampa) e a Lubiana, rivolto ai paesi europei (“Gli anticorpi per difendersi dal pessimismo populista”, Il Foglio). Qui la notizia Ansa dell’intervento di Draghi, l’altro ieri, Strasburgo: “Draghi difende l’euro. Le 10 frasi all’Europarlamento”. Sul Foglio Claudio Cerasa scrive: “Forza Draghi”. Massimo Riva su Repubblica: ““Il doppio fronte dell’Eurotower”. Tonia Mastrobuoni scrive di un  asse tra la Banca centrale e Merkel per contrastare la deregulation Usa e l’avanzare dei populismi locali (“Euroffensiva”). Lina Palmerini, sul Sole 24 ore, nota un certo imbarazzo nelle file del Pd, e non solo, verso le posizioni di Draghi in difesa dell’euro (“I timidi alleati di Draghi”).

Leggi tutto →

23 Gennaio 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA LEZIONE DI MARIO DRAGHI

23 Gennaio 2017

In occasione del ricevimento del Premio Cavour, a Santena (Torino), il 23 gennaio, Mario Draghi rilegge, con un breve ed efficace discorso, i nodi politici insoluti della politica italiana alla luce di come seppe affrontarli, con grande lungimiranza, più di 150 anni fa Camillo Benso conte di Cavour (registrazione video di Radio Radicale).

Leggi tutto →

18 Settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’EUROPA APATICA DI BRATISLAVA E LA SCELTA DI RENZI

18 Settembre 2016

Andrea Bonanni racconta una “Europa sull’orlo di una crisi di nervi” (Repubblica). Per Romano Prodi ci sono “Troppi interessi elettorali nelle decisioni sull’Unione” (Messaggero). Franco Venturini racconta e commenta “L’assalto di Renzi e l’Europa smarrita” (Corriere della Sera). Per parecchi commentatori la contestazione di Renzi è interpretata come “Una scossa pensando al referendum” (Fabio Martini, La Stampa). Lo stesso Matteo Renzi, intervistato dal Corriere, dice: “La Ue discute di virgole”. Carlo Bastasin fa il punto: “La giusta diagnosi e l’apatia dell’Europa” (Sole 24 Ore). Dalla Germania Danilo Taino dice che “Il conflitto vero con Roma sarà sull’austerità” (Corriere della Sera). Sergio Romano, sul Corriere, critica l’asse Merkel-Hollande ma dice che Renzi avrebbe fatto meglio a non isolarsi: “Un asse un po’ meno speciale”. Eugenio Scalfari dà ragione a Renzi e poi richiama il recente discorso di Mario Draghi su De Gasperi e l’Europa: “L’europeismo fa cadere le spine e fiorire le rose” (Repubblica). Forte richiamo a Draghi anche da Roberto Napoletano sul Sole 24 Ore: “Il carisma politico della verità che manca all’Europa”.

Leggi tutto →

15 Settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

EUROPA: IL DISCORSO DI JUNCKER, E QUELLI DI DRAGHI, NAPOLITANO, DELORS …

15 Settembre 2016

Pareri molto diversificati sul discorso di Juncker  (Jean-Claude Juncker, “Ripartire dai fallimenti”, Unità) alla vigilia del Vertice di Bratislava (Marco Piantini,Il vertice di Bratislava”, Unità): Giuseppe Berta, “Juncker, volto mite dell’Europa in bilico tra spinte contrapposte” (Secolo XIX); Franco Venturini, “Lo sforzo di Juncker: guadagnare tempo, evitare scosse” (Corriere della Sera);  Alberto Quadrio Curzio, “L’Europa del ‘fare’ può rilanciare l’Europa” (Sole 24 Ore); Alberto Lucarelli, “Da Spinelli a Juncker: opposte mappe genetiche” (Manifesto); Giulio Sapelli,La tecnocrazia che uccide la UE” (Mattino); Sergio Cofferati,Discorso modesto, così non si cambia” (Manifesto); Umberto De Giovannangeli, “Non servono le buone intenzioni” (Unità). E POI ALCUNI PRECEDENTI INTERVENTI AUTOREVOLI SULL’EUROPA: Mario Draghi, “L’Europa deve rispondere ai bisogni e ai timori dei cittadini” (Sole 24 Ore); Giorgio Napolitano, “L’Europa da De Gasperi a Draghi” (Unità); Jacques Delors, “Il benessere del pianeta torni al centro dell’Europa” (Repubblica). Paolo Savona, “Serve un equilibrio tra democrazia, stati e mercato” (La Stampa). Guido Viale, “Riconquistare autonomia monetaria” (Manifesto).

Leggi tutto →

22 Luglio 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

STEFANO PARISI E IL CENTRODESTRA. MARIO DRAGHI E LE BANCHE ITALIANE

22 Luglio 2016

L’intervista a La Stampa di Stefano Parisi che ha riaperto il dibattito nel centro-destra: “Così cambierò il centrodestra”. Sempre su La Stampa il commento di Marcello Sorgi (“Il segnale da cogliere”) e le reazioni: Ugo Magri, “Parisi in campo, FI irritata, ma Berlusconi lo spinge”. Di Draghi e le banche scrivono Alessandro Merli sul Sole 24 Ore (“Draghi, le scelte che impone l’intelligenza politica”) e Federico Fubini sul Corriere della Sera (“Il richiamo di Draghi all’Italia. I crediti e le riforme lente”). Stefano Folli su Repubblica parla chiaro: “Renzi fa l’attendista, ma è lui che deve sciogliere il nodo dell’Italicum”. E Giuseppe De Rita sul Corriere della Sera si augura che finalmente “La legge di stabilità superi la politica dell’emendamento”.

Leggi tutto →