4 Settembre 2022
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

I SACRIFICI EUROPEI PER NON FAR VINCERE LA RUSSIA DI PUTIN E PER CAMBIARE ABITUDINI

4 Settembre 2022

Lo scrittore russo residente in Svizzera Milchail Shishikin prefigura per l’Europa un futuro necessario di sacrifici in nome della pace, anche se: “Nessuno in Occidente vuol più sentir parlare di guerra” (Corriere della sera). L’opposta visione di Donatella Di Cesare: “I brutali sacrifici imposti ai cittadini per la guerra” (Il Fatto). Sulla linea dello scrittore russo si pone Romano Prodi:La sfida che si vince cambiando le abitudini” (Messaggero).  Così pure il teologo Giuseppe Lorizio, “La scelta ‘politica’ di fondo nei tempi delle vacche magre: sobrietà e solidarietà” (Avvenire). Goffredo Buccini, “Dopo le sanzioni, la tenuta e la forza dei valori” (Corriere della sera). Michele Serra, “La fine del presente” (Repubblica). Vanessa Ricciardi, “Arriva il tetto ai prezzi e Putin ferma il gasdotto” (Domani). Paolo Gentiloni,Ora vedo meno divisioni, ma bisogna fare di più. L’Europa è in ritardo” (intervista al Corriere). ANCORA SULLA GUERRA IN UCRAINA: Sergio Fabbrini,La guerra in Ucraina mette in crisi l’Europa delle patrie” (Sole 24 ore). Danilo Taino, “Lo sguardo di Berlino a Est pensando alla nuova Europa” (Corriere). Filippo Grandi (Unhcr), “Il modello Ucraina tiene, la Ue è stata bravissima. Le crisi dei migranti peggioreranno” (intervista al Corriere). Francesco Palmas, “Putin ha perso slancio. Il conflitto in un vicolo cieco” (Avvenire). Carlo Bonini e altri, “Nulla di nuovo sul fronte orientale” (Repubblica). GORBACIOV: Mara Morini, “Il mezzo funerale di stato concesso a Gorbaciov dal regime di Putin” (Domani).

Leggi tutto →

22 Giugno 2022
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’INNO ALLA GIOIA A TBILISI, UN SEGNALE

22 Giugno 2022

Un’affermazione su cui riflettere: Filippo Grandi (Unhcr), “La solidarietà esiste quando c’è la volontà politica” (Corriere della sera). David Carretta, “Georgia. L’inno alla gioia a Tbilisi è un segnale per il futuro della Ue” (Foglio). UNIONE EUROPEA E RUSSIA: Beda Romano, “Tetto al prezzo del gas e Kiev nella Ue, sul tavolo a Bruxelles” (Sole 24 ore). Mauro Magatti,Prezzi folli, la Ue agisca” (Avvenire). Adriana Cerretelli, “La strategia del Cremlino di assalto all’Europa mira a indebolire e dividere” (Sole 24 ore). Stefano Maria Capilupi, “Il dissenso qui in Russia resta forte. L’Europa non ci lasci soli contro Putin” (intervista a Avvenire). LA GUERRA/IL PUNTO: Gianpiero Massolo, “Le prospettive del conflitto” (Repubblica). Andrea Marinelli e Guido Olimpio, “Tempo e fatica, la difficoltà di sostenere Kiev” (Corriere). INTORNO ALLA GUERRA: Lo strano interrogativo (senza risposta) di Guido Viale, “Kiev ha il diritto di difendersi, ma come?” (Manifesto). Iryna Kostankevych, “Metteremo in cantina qualche libro russo. Censura? Necessario” (intervista al Corriere); e una replica: Lorenzo Cremonesi,Ma attaccare la cultura del nemico è un errore” (Corriere della sera). Adriano Sofri, “Odessa non è Mariupol” (Foglio). Ol’ga Sedakova, “Senza cultura è la catastrofe” (Il Regno). Giuliano Ferrara, “Putin dipinto con le sue parole, le sue nottate, i suoi sguardi…” (Foglio). RUSSIA VS LITUANIA: Hassan Holgado,Blocco di Kaliningrad, la Russia minaccia ma la Lituania non trema” (Domani). Claudio Graziano (generale), “Kaliningrad. Un’enclave strategica per colpire le capitali Ue” (intervista al Messaggero). Rosalba Castelletti, “La Russia potrebbe isolare i paesi baltici. Gli Usa: ‘la Nato pronta a difendervi’” (Repubblica). FRANCIA: Vittorio E. Parsi,Macron ha pagato la scarsa attenzione alle fasce deboli” (intervista a Italia Oggi). Marc Lazar, “Emmanuel non è De Gaulle. Ora la sfida saranno le riforme (intervista a La Stampa). Mario Ricciardi, “Se Macron piange, Le Pen e sinistra hanno poco da ridere” (Gazzetta del Mezzogiorno). Alessandro Campi, “Cosa cambia il voto francese per l’Italia” (Messaggero). Yves Meny, “L’assedio degli opposti radicalismi. Francia come Italia: popolo contro élite” (intervista a La Stampa). Marco Tarchi, “Una dinamica inedita a sinistra ha permesso la vittoria di Marine” (Domani). Toni Negri,Mélenchon ha capito la politica dei movimenti” (intervista al Manifesto).

Leggi tutto →

28 Luglio 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

PROTEGGERE I RIFUGIATI E’ UN OBBLIGO. AIUTARE TUNISI. IL GOVERNO E LA SCUOLA

28 Luglio 2021

Centro Astalli,Ancora vittime in mare. Attivare misure urgenti per porre fine all’ecatombe” (Centro Astalli). Filippo Grandi (UNHCR), “La protezione dei rifugiati non è delegabile” (Corriere della sera). Nello Scavo, “Tripoli vuole cacciare Sea Watch. L’Onu: ‘Non possono farlo’” (Avvenire). Giovanni Moro, “Cittadinanza à la carte. Rischio democratico in Europa” (Repubblica). TUNISIA/MEDITERRANEO: Nathalie Tocci, “Tunisia. L’Europa non può restare a guardare” (La Stampa). Mario Giro, “L’Italia non può abbandonare Tunisi e Beirut al proprio destino” (Domani). Alberto Negri, “Anche grazie a noi l’intero Nordafrica sta precipitando” (Manifesto). Fulvio Scaglione, “Cosa deve capire l’Occidente dei piani di Russia e Turchia” (Avvenire). Riccardo Cristiano, “Siria, otto anni fa la scomparsa di padre Dall’Oglio, monaco odiato dal regime e dall’Isis” (Adista). Brunella Giovara, “La sorella del marocchino ucciso a Voghera: ‘Per mio fratello combatterò come Ilaria Cucchi’” (Repubblica). IL VERTICE ONU A ROMA: Maurizio Martina, “Fame, clima, equità” (Osservatore romano). GOVERNO/GIUSTIZIA E SCUOLA: Carmelo Caruso, “I due ministri deboli (Bianchi e Giovannini). Problema scuola” (Foglio). Massimo Calvi, “Scuola. Dovere urgente di dare certezze” (Avvenire). Chiara Saraceno, “Scuola, la pazienza è finita” (Repubblica). Roberto Cingolani,Clima, energia, ambiente. L’Italia deve essere leader” (intervista al Corriere). Carlo Fusi, “Rivincita politici-giudici. L’ipocrisia nasconde la verità sullo scontro” (Il Quotidiano). Luciano Violante, “La magistratura deve scegliere: arroccarsi o essere parte attiva della riforma” (Repubblica). Paolo Pombeni, “Giustizia. Senza una soluzione efficace si rischia di fare il solito pastrocchio” (Il Quotidiano). GREEN PASS: Gaetano Azzariti, “Vaccini e green pass, impariamo a leggere la Costituzione” (Manifesto). Massimo Cacciari, “Perché dico no al green pass” (La Stampa). Daniele Zaccaria, “No, cari intellettuali…, il green pass di Draghi non è dittatura sanitaria” (Il Dubbio). Michele Serra, “Marco, che parla anche per mio conto” (Repubblica). Tommaso Montinari, “Non vaccinare i minori” (Il Fatto). PARTITI: Giuliano Ferrara, “Lo zelo con Travaglio, mentre basta una pernacchia” (Foglio). Rocco Vazzana,Tra Draghi e Travaglio, bersaniani tra due cuori” (Il Dubbio). Claudio Cerasa, “Viva la destra anti-Papeete” (Foglio). Gianni Cuperlo, “Così il Pd deve costruire la sua alternativa alle destre” (Domani). 17 intellettuali di area ex-Psi e destra del Pci, “Sedici tesi sul riformismo” (Il Riformista).

Leggi tutto →

16 Maggio 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL CREDENTE IN POLITICA. ISRAELE: DUE CITTADINANZE PER DUE POPOLI. SALVINI FUORI STRADA

16 Maggio 2021

Pierluigi Castagnetti, “Il credente in politica? Un uomo del suo tempo” (connessioni.org). ISRAELE/PALESTINA: Pierbattista Pizzaballa, “Questa politica del disprezzo causa una violenza mai vista” (intervista a Avvenire). Maurizio Molinari, “Le tre novità del conflitto israelo-palestinese” (Repubblica). Donatella Di Cesare, “Due cittadinanze per due popoli” (Domani). MIGRANTI: Filippo Grandi (Unhcr), “All’Europa serve coraggio per scegliere sul tema dei migranti” (Domani). DRAGHI E I PARTITI: dopo l’intervista in cui Salvini diceva a Draghi di non impegnare il governo nelle riforme e di pensare a candidarsi al Quirinale: Stefano Cappellini,La mossa che svela la trappola per il premier” (Repubblica); Ilario Lombardo, “Draghi avvisa il leghista: basta indugi, così perdiamo i soldi” (la Stampa); Matteo Pucciarelli,L’ira di Letta su Salvini: riforme o esca dal governo” (Corriere della sera); Irene Tinagli,Recovery, sulle riforme serve confronto credibile agli occhi di Bruxelles” (intervista al Sole 24 ore). Paolo Pombeni critica sia Salvini che Letta: “Letta-Salvini, un teatrino da vecchia politica” (Il Quotidiano). Lina Palmerini, “Dalla giustizia al lavoro, Letta alla prova d’identità del Pd” (Sole 24 ore). Carlo Bonini e altri, “Stelle cadenti. Una rivoluzione al capolinea” (Repubblica). PROBLEMI DELLA RIPRESA: La denuncia di Sergio Rizzo:Il Paese del cavillo” (Repubblica). Enrico Giovannini, “Risorse umane decisive per il Pnrr” (intervista a Avvenire). Ferruccio De Bortoli, “La cura del capitale umano” (Corriere della sera). Nadia Urbinati, “Tassare le ricchezze è l’inizio dell’uscita dal nuovo feudalesimo” (Domani). Elena Granaglia, “Basta favori iniqui, rafforziamo il welfare” (Espresso). Marco Trabucchi,Gli anziani e il Piano di ripresa e resilienza” (Fondazione Leonardo). EUROPA-MONDO: Sergio Fabbrini, “Come uscire dalla pandemia tra Schauble e Draghi” (Sole 24 ore). Romano Prodi,Usa, l’incognita inflazione che segue la ripresa” (Messaggero).

Leggi tutto →

4 Maggio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

“IO STO CON CONTE”

4 Maggio 2020

“La politica si unisca”, dice Enrico Letta a La Stampa (“Ci giochiamo tutto, è l’ultimo appello”). Continua su Il Fatto il forte appoggio a Conte: Franco Monaco, “Io sto con Conte”; Gianfranco Pasquino, “Solo gli stupidi vogliono buttare giù il governo” (intervista). Su Repubblica Piero Ignazi mette in luce “Le responsabilità del Pd” e la sua mancata visione politica di medio raggio; Carlo Galli sostiene che “Ogni regola democratica ha un’eccezione”, l’importante è che non duri troppo a lungo; Chiara Saraceno illustra “La pandemia della povertà”. Una nota breve di Stefano Ceccanti su “Parlamentizzare i Dpcm”. Sul Corriere della sera Mauro Magatti propone “Un’operazione ‘bene comune’”; Carlo Bonomi, presidente Confindustria, dice: “I prestiti non bastano, il governo si muova” (intervista); Salvatore  Bragantini spiega “Cosa s’impara dai tagli alla sanità”. L’auspicio di Tommaso Montinari su il Fatto: “L’eredità (si spera) del virus: stop al dominio del mercato”. Claudio Cerasa polemizza: “Perché diffidare delle vestali della Costituzione” (Foglio). Filippo Grandi (Onu) avverte: “Se non interveniamo ora su guerre e Paesi poveri il virus tornerà a colpirci” (intervista al Corriere, 3/05). Gherardo Colombo intervistato dall’Huffington post: “Vi dico perché il carcere è da abolire”. Notizia: “De Benedetti fonda un quotidiano contro Repubblica” (Paolo Bracalini, Il Giornale).

Leggi tutto →

4 Aprile 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’EUROPA, UNICO ANTIDOTO ALL’ODIO

4 Aprile 2019

Giuliano Amato, “L’Europa unico antidoto all’odio e alle guerre” (lectio all’Accademia dei Lincei, Il dubbio). Claudio Bozza, “L’appello antisovranisti di Prodi: dobbiamo rianimare l’Europa” (Corriere). Bernard Guetta, “L’Unione nonostante tutto” (Foglio). Sabino Cassese, “Europa, tempo di bilanci” (Foglio). Antonio Spadaro sj, “I cittadini che fanno l’Europa” (Avvenire-La Civiltà cattolica). Roberto Gualtieri,I dilemmi della Brexit e le lezioni per il futuro” (Corriere). Ada Colau, “La destra populista ha già vinto in Europa” (intervista al Corriere). Beatrice Covassi, “L’Europa,? Posto bello in cui vivere” (intervista a Famiglia Cristiana). Wolfgang Streeck, “La sinistra non si può sviluppare all’interno della Ue” (intervista al Manifesto).  Mauro Zanon, “Il piano di Macron in Europa (e col Pd)” (Foglio). Pedro Sanchez, “La sinistra tornerà a vincere solo se recupera i suoi valori” (intervista a Repubblica). Pietro Miraglia, “Nel Mediterraneo un’inarrestabile strage” (Manifesto). Filippo Grandi,Esodi forzati oggi, una questione di umanità” (Martini Lecture).

Leggi tutto →

18 Luglio 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

PER UN’ALTERNATIVA CREDIBILE A POPULISMO E XENOFOBIA

18 Luglio 2017

Lorenzo Dellai, presidente di Democrazia solidale, e Francesco Gagliardi, direttore di Eptaforum, scrivono al direttore di Avvenire un’ampia lettera in cui sostengono che chi si richiama al cattolicesimo democratico e alla cultura politica del popolarismo deve oggi sentire il dovere di una iniziativa politica che riporti alla partecipazione politica milioni di “elettori stanchi” per costruire un’alternativa credibile a populismo e xenofobia (“Ciò che il popolarismo può fare per il Paese”). Sullo stesso giornale Mauro Magatti scrive che, di fronte alla grande sfida delle migrazioni, non serve una risposta solo organizzativa e delegata alle istituzioni, ma serve una diffusa capacità di mobilitazione personale, una coscienza nuova della nostra umanità (“È ‘personale’ la sfida della convivenza”). Quanto allo ius soli, se è vero che “Nel Pd monta l’irritazione contro Gentiloni che non ha sfidato AP” (Carlo Bertini, La Stampa), che sul Manifesto Alessandro Portelli scrive “L’Italia peggio dell’Alabama”, e che nel mondo cattolico ci sono dure prese di posizione (Marco Tarquinio, “Questa legge s’ha da fare”, Avvenire), il presidente Mattarella mostra comprensione (Marzio Breda, “Sollievo del Colle sullo ius soli”) e Luigi Zanda, capogruppo Pd al Senato, è convinto che dopo l’estate la legge passerà (“Centristi vicini alla Chiesa, come possono dire no?”, intervista al Corriere della sera). Maurizio Ambrosini, su lavoce.info, spiega “Perché ‘Aiutiamoli a casa loro’ è uno slogan semplicistico”. Gustavo De Santis e Salvatore Strozza, di Neodemos, fanno il punto sui benefici della presenza di stranieri in Italia (“Stranieri in patria. D’altri”). Paolo Mieli sul Corriere sostiene “Le ragioni della Chiesa sull’Africa”. Federica Mogherini dice a Le Monde che “Il faut cre’er un état stable en Libye”. Filippo Grandi, dell’UNCHR, dice che loro sono “Pronti a creare campi in Africa per i rifugiati”. Piero Bevilacqua, sul Manifesto, avanza una proposta di accoglienza e integrazione (“Vivere e lavorare per un patrimonio naturale immenso”).

Leggi tutto →

18 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

NON PUÒ ESSERCI UN’ALTERNATIVA ALLA RESPONSABILITÀ DELL’EUROPA SULL’ACCOGLIENZA DOVUTA AI RICHIEDENTI ASILO

18 Aprile 2016

Su La Stampa criticano con vigore la chiusura europea verso i profughi e i migranti le voci autorevoli di Filippo Grandi, capo dell’Onu per i rifugiati (“Inevitabili i rifugiati. Respingerli con barriere è soltanto ingenuità”), Louise Arbour, già Alto Commissario Onu per i diritti umani (“Basta con le divisioni. I migranti non sono un peso ma un contributo”), e Marta Dassù (“Migranti. Perché serve una coalizione globale”). Intanto si discute sul ‘Migrant compact’ proposto da Renzi: “Profughi: il patto dell’Italia all’esame di Bruxelles” (Il Mattino). Una Nota alla stampa del Centro Astalli: “Orrore indicibile. L’Europa allo sbando in balia dei trafficanti”.

Leggi tutto →