1 Giugno 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

“VI ERAVATE COMMOSSI…”

1 Giugno 2016

Antonio Panzeri, parlamentare europeo del Pd, dice all’Unità: “Solo l’Italia interviene in mare e nei paesi africani cresce la sfiducia”. Fiorenza Sarzanini sul Corriere spiega “Il nuovo piano dell’accoglienza” (italiano). Dice Abdullah Kurdi: “Vi eravate commossi per il mio piccolo Alan, ora costruite alti muri” (intervista a Repubblica). La giornalista Andrea Seibel sul Die Welt: “La nuova barbarie che minaccia la UE”. Guido Viale  critica la proposta del governo italiano: “Migration compact, lo scaricabarile” (Manifesto). Il responsabile Oxfam Italia, Roberto Barbieri, afferma che “L’accordo Ue-Turchia non è modello” (intervista all’Unità). Il responsabile di Medici Senza Frontiere Italia Loris De Filippo sostiene che “Servono vie di accesso legali, l’accordo con la Turchia è cinico” (intervista all’Unità). Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz: “Ankara non rispetta i patti sui migranti” (intervista a Repubblica).

Leggi tutto →

22 Maggio 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL CASO TRUMP E IL CASO EUROPA

22 Maggio 2016

Romano Prodi, “Il caso Trump. In democrazia non ci sono uomini della Provvidenza” (Messaggero). Alberto Alesina, “Trump promette ma non manterrà” (Corriere della Sera). EUROPA:  sul Sole 24 Ore Beda Romano illustra una recente ricerca (“Così la UE perde il consenso tra gli europei”); Adriana Cerretelli, “Da casa comune a paradiso perduto”; Luca Ricolfi, “L’Europa disgregata e la risposta dell’economia”;  Alessandro Merli, “Visco e Padoan, tagli fiscali per la crescita”. Vlademiro Zagrebelsky, “Europa, un’agenda per i diritti e le libertà” (La Stampa). Alberto Quadrio Curzio, “La coerenza che serve all’Europa del ‘liberi tutti’” (La Stampa). Tito Boeri, “Welfare Ue contro i populismi” (La Stampa). Alberto D’Argenio, “Sessanta miliardi per l’Africa, il patto della UE per fermare l’arrivo di nuovi migranti” (Repubblica). Maurizio Ferrera, “La germanizzazione dell’Europa” (Corriere della Sera).

Leggi tutto →

29 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

SUL MIGRATION COMPACT PROPOSTO DALL’ITALIA

29 Aprile 2016

Raccogliamo qui alcuni articoli intorno alla proposta avanzata dal Governo italiano all’Europa alcuni giorni fa. I più recenti sono entrambi negativi: Maurizio Ambrosini, “Le parole non dette nel Migration compact” (lavoce.info); Giuseppe Campesi, “La filosofia del Migration compact” (ilmulino.online). Giorgio Barba Navaretti sul Sole 24 Ore valuta positivamente l’iniziativa italiana: “Alla UE serve una strategia di investimento sui migranti”. Anna Finocchiaro, ospite dell’Avvenire, dà un giudizio favorevole: “Gestire i flussi dall’Africa, la strada giusta della UE”. Marco Mongello sull’Unità offre qualche esempio positivo di questa politica già perseguito dall’Italia: “La nostra Africa”; e l’Unità pubblica il testo dell’intervento all’Onu di Matteo Renzi in cui parla dell’Italia come ponte tra Europa e Africa: “L’impegno per i paesi africani”. Giacomo Filibeck, vicesegretario generale del PSE, dà un parere positivo: “Sì del Pse al Migration compact: è un piano coraggioso” (intervista all’Unità). Il parere abbastanza positivo di Andrea Riccardi: “Guarire l’Africa per fermare i migranti” (Famiglia cristiana) e “L’Europa è la nuova periferia. L’Africa va salvata con la cooperazione” (intervista al Mattino). Il parere, più cauto, di Giulio Albanese sull’Avvenire: “Investire giustizia”. Due articoli recenti vanno oltre il Migrant compact: Luigi Manconi, sul Corriere, dice: “Rifugiati, servono permessi umanitari di soggiorno”; Christopher Hein, “Il vento gelido del Nord spazza i diritti di milioni di persone” (intervista all’Unità).

Leggi tutto →

20 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL DISCUTIBILE “PIANO MIGRANTI” ITALIANO

20 Aprile 2016

Sul molto discutibile, e ancora poco esplicitato, piano italiano per i migranti proposto all’Europa (Migrant compact), Francesca Schianchi riferisce: “Gentiloni spiega il piano ai colleghi” (La Stampa). Fiorella Sarzanini scrive “Migranti: sì europeo al piano di Renzi” (Corriere della Sera). Adriana Cerretelli né dà una valutazione positiva di massima, ma dubita del sì europeo: “Se l’Italia prova a rivitalizzare l’Europa” (Sole 24 ore). I giudizi negativi di Barbara Spinelli su Il Fatto (“I diritti umani che mancano nel Migrant compact italiano”) e di Guido Viale sul Manifesto (“L’Italia vuole la sua Turchia”).

Leggi tutto →

18 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

NON PUÒ ESSERCI UN’ALTERNATIVA ALLA RESPONSABILITÀ DELL’EUROPA SULL’ACCOGLIENZA DOVUTA AI RICHIEDENTI ASILO

18 Aprile 2016

Su La Stampa criticano con vigore la chiusura europea verso i profughi e i migranti le voci autorevoli di Filippo Grandi, capo dell’Onu per i rifugiati (“Inevitabili i rifugiati. Respingerli con barriere è soltanto ingenuità”), Louise Arbour, già Alto Commissario Onu per i diritti umani (“Basta con le divisioni. I migranti non sono un peso ma un contributo”), e Marta Dassù (“Migranti. Perché serve una coalizione globale”). Intanto si discute sul ‘Migrant compact’ proposto da Renzi: “Profughi: il patto dell’Italia all’esame di Bruxelles” (Il Mattino). Una Nota alla stampa del Centro Astalli: “Orrore indicibile. L’Europa allo sbando in balia dei trafficanti”.

Leggi tutto →

17 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’accordo sui profughi tra Ue e Turchia: una strada sbagliata

17 Aprile 2016
di Alberto Guariso

 

I quotidiani dei giorni scorsi riferiscono di una lettera (ignota nel testo) del duo Renzi/Alfano  indirizzata alla Commissione europea in cui si chiederebbe di estendere ad altri paesi, primo fra tutti la Libia, soluzioni come quelle adottate con l’accordo Ue-Turchia.

E un brivido corre lungo la schiena. Come è possibile che un accordo di quel genere  non susciti l’esigenza di fermarsi un attimo e di riflettere collettivamente – meglio ancora se in Parlamento – sulla sua effettiva portata?

In realtà le critiche all’accordo – che sono di ordine giuridico, politico e umanitario – sono rimaste chiuse in ambiti molto circoscritti, ma meritano invece di diventare oggetto di conoscenza e discussione in ogni possibile sede.

Leggi tutto →