17 Aprile 2021
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

L’IDEA DI POPOLO COME ANTIDOTO AI TOTALITARISMI. L’ITALIA CHE RIAPRE

17 Aprile 2021

Piergiorgio Grassi,L’idea di popolo come antidoto ai totalitarismi” (Avvenire). L’ITALIA CHE RIAPRE: Alessandro Barbera, “Draghi riapre l’Italia dal 26 aprile” (La Stampa). Roberto Mania, “La svolta del premier colpito dal disagio sociale” (Repubblica). Francesco Bei,Riaperture, il rischio di Draghi e il dovere di noi italiani” (Repubblica). Marcello Sorgi,Nuova stagione, nuovi doveri” (La Stampa). Paolo Pombeni, “Riaperture, Draghi si prende il rischio, Salvini (con una scorrettezza) i meriti” (Il Quotidiano). AGENDA DRAGHI: Approvato il DEF, la strategia per uscire dalla crisi e tornare a crescere (qui il testo). Carlo Fusi, “L’Italia ora ha il chiavistello della crescita. I partiti al bivio tra futuro e vecchi poteri” (Il Quotidiano). Enrico Giovannini, “Grandi opere. Il piano sui tempi per i cantieri” (intervista al Corriere della sera). La critica di Fabrizio Barca: “Recovery: poca trasparenza e scarsa visione” (intervista a Il Fatto).  LA CADUTA DI CONTE FU UN “COMPLOTTO”? Franco Monaco, “E’ chiaro per chi e perché Conte non è più premier” (Il Fatto). Maurizio Ferraris,Ma c’è davvero tutta questa voglia di interferire? Pensarlo, come fa Bettini, è sopravalutare l’Italia” (intervista a La Stampa). MIGRANTI: Giovanni Tizian, “Così la Guardia costiera libica lascia affogare i migranti” (Domani). Nello Scavo, “Strage in mare, più di 40 morti. Grandi (Onu): Basta egoismi” (Avvenire). Maurizio Ambrosini,Respingere e basta costa” (Avvenire). INOLTRE: Daniele Raineri, “La campagna per Zaki è un rischio da correre” (Foglio). Roberta De Monticelli, “Una sovranità sovranazionale per coniugare ideale e reale” (Domani). Enrico Peyretti, “Solo il disarmo è razionale” (Rocca).

Leggi tutto →

13 Maggio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA DANZA ATTORNO A CONTE. NOTE SU SILVIA ROMANO

13 Maggio 2020

Mentre Paolo Gentiloni spiega a La Stampa l’evoluzione degli orientamenti in casa Ue (“Recovery Fund da 1000 miliardi per fermare la spirale del debito”), e in attesa del testo del Decreto Rilancio, in Italia si discute sulle fragilità del governo: Francesco Verderami, “I rapporti logorati” (Corriere della sera); Paolo Pombeni, “Il paradosso del governo: più è debole più è insostituibile” (Il Quotidiano); Stefano Folli, “Non si cade e non si va avanti” (Repubblica); Giuseppe Boschini, “Conte alla rovescia” (Settimana news);Alessandro Campi,Il governo è appeso all’anarchia dei grillini” (Messaggero); Claudio Cerasa, “La danza attorno a Conte” (Foglio); Francesco Bei, “I 5stelle isolano il premier: ormai accetta solo i diktat di Pd e Iv” (La Stampa); Giovanni Orsina, “Un governo lontano dal Nord” (La Stampa). E David Allegranti evidenzia la “Insofferenza Pd” (Foglio). SILVIA ROMANO: Marco Tarquinio, “La vera gioia e la vergogna” (Avvenire). Luigi Manconi, “La sindrome della Gioconda” (Repubblica). Giovanni Marcotullio, “Silvia Romano si è convertita. Cosa deve sperare ora un cattolico?” (aleteia.org). Goffredo Buccini, “Le Ong e il vuoto riempito” Corriere).

 

Leggi tutto →

28 Gennaio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL VOTO IN EMILIA-ROMAGNA E CALABRIA /1. I COMMENTI SUL PD

28 Gennaio 2020

Istituto Cattaneo, “Come ha vinto Bonaccini” e “L’Emilia-Romagna non più rossa rimane contendibile”. David Allegranti, “Regionali in cifre” (Foglio). Roberto D’Alimonte, “Gli elettori dem tornano a casa” (Sole 24 ore). COMMENTI SUL PARTITO DEMOCRATICO: Romano Prodi, “Dal voto un messaggio chiaro: senza partito non si va lontano” (intervista al Corriere) e “La lezione è chiara: il Pd deve aprirsi. Basta partito delle tessere” (intervista a Repubblica). Francesco Bei, “Pd, i cinque errori da non ripetere” (La Stampa). Franco Monaco, “Spallata fallita, partita aperta” (Settimana news).  Goffredo Bettini,Quei raduni più importanti di centro programmi politici” (intervista al Corriere). Elly Schlein, la consigliea più votata (in una lista per Bonaccini), “Giro e ascolto tutti. No alla sinistra da centro storico” (a Repubblica). Giuseppe Smorto, “La sinistra e la Calabria. Come parlare agli ultimi” (Repubblica). Giuseppe Provenzano, “Un Pd aperto anche al Sud, come in Emilia” (intervista al Manifesto).

Leggi tutto →

23 Gennaio 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL DECRETO SUL REDDITO DI CITTADINANZA

23 Gennaio 2019

Ecco il testo del Titolo I del Decreto legge “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e pensioni”. Contiene i 13 articoli sul reddito di cittadinanza, la relazione illustrativa, una nota sull’impatto macroenomico del RdC sul mercato del lavoro e la relazione tecnica. Qui le slide con cui Di Maio ha presentato il RdC. Remo Siza, “Il reddito di cittadinanza: molti limiti e qualche opportunità” (welforum.it). Francesco Bei, “L’errore di chi deride il reddito” (La Stampa). Una breve intervista di Enrico Giovannini: “Il reddito va nella giusta direzione ma è difficile da attuare” (La Stampa). Chiara Saraceno, “Non chiamiamolo reddito di cittadinanza” (Manifesto).

Leggi tutto →

14 Novembre 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

I DEMOCRATICI E LA SINISTRA. SE LA RIVALITÀ SI TRASFORMA IN TRAPPOLA

14 Novembre 2017

Eugenio Scalfari, dopo la Direzione del Pd, prova credere in una possibile riunificazione a sinistra, e critica Grasso e Boldrini: “I democratici e la sinistra” (Repubblica). Ma è quasi l’unico. Meno ottimista è Stefano Folli: “A chi resta in mano il cerino del Nazareno” (Repubblica). Franco Monaco, oggi, sul Manifesto, chiede a Veltroni (autore ieri di un’amara intervista a Libero: “Siamo allo sbando”) di riconoscere i suoi errori: “Caro Veltroni, facciamo autocritica”; e, ieri, sull’Huffington Post, si mostra scettico sull’intesa con il Pd di Renzi, e commenta l’assemblea di domenica di Campo Progressista: “Boldrini e Pisapia non sono in contraddizione”. A Monica Guerzoni sul Corriere la contraddizione era invece parsa evidente: “Pisapia: unire. Ma Boldrini: non con il Pd”. Critico con la Boldrini Paolo Pombeni sul Sole 24 ore: “Se la bandiera identitaria vanifica le riforme”. Francesco Bei scrive su La Stampa un lucido articolo: “La rivalità si trasforma in trappola”. Lucido anche Antonio Polito sul Corriere della sera: “L’apertura di Renzi e il gioco del cerino”. Mauro Calise, politologo da sempre ammiratore di Renzi, ne interpreta l’animo e dubita dei risultati: “Buon viso a cattivo gioco” (Mattino). Giuliano Ferrara chiede a Renzi di essere se stesso fino in fondo: “Meglio l’uomo forte” (Il Foglio). Goffredo De Marchis riferisce che “Il leader del Pd stringe il patto con Bonino ma difende Minniti” (Repubblica), Ma Emilia Patta osserva che “Renzi apre ma non convince” (Sole 24 ore). E Marcello Sorgi prevede una debacle e spiega il calcolo delle convenienze per la sinistra MDP: “Ma nei collegi la sconfitta è vicina” (La Stampa). Alessandro Campi, sul Mattino, avanza una spiegazione della strategia anti Visco (e anti Draghi) di Renzi: “Un azzardo e sei ragioni fondate” (sul calcolo elettorale). Sergio Fabbrini, ieri, ha spiegato bene l’impasse: “Le elezioni e il dilemma della grande coalizione” (Sole 24 ore) e Mauro Magatti ha offerto la sua interpretazione del perché “Questa politica è lontana dai problemi del Paese” (Corriere della sera).

Leggi tutto →

14 Giugno 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

SUL POPULISMO. E SUL POPULISMO A 5 STELLE

14 Giugno 2017

Sulla svolta annunciata da Grillo e dalla Raggi in tema di migrazioni e di rom (“Basta migranti, svolta 5 stelle”, Corriere della Sera), intervengono criticamente Sebastiano Messina, “Le olimpiadi del populismo” (Repubblica); Massimo Franco, “Un movimento legge e ordine che ora attenua l’antieuropeismo” (Corriere della Sera); Marco Tarquinio, “Con quale coscienza” (Avvenire); Francesco Bei, “Ma il sistema Italia regge l’urto” (La Stampa). Di populismo scrive anche Biagio De Giovanni, “Dall’Europa all’Italia i populismi frenano perché privi di prospettiva” (Messaggero); ma per Giovanni OrsinaI populismi non sono sconfitti”, né in Italia né in Francia (La Stampa); e lo stesso per Giuliano Amato, intervistato dal Corriere: “Il populismo non è sconfitto. La terza via per la sinistra è stato un fallimento”. Marco Follini in un’ampia intervista a Il Dubbio riprende il tema della caduta populista in Italia e dice: “I populisti sono solo il sintomo, la crisi italiana è profonda e di sistema”.

Leggi tutto →

10 Maggio 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

UNA LEGGE ELETTORALE MIGLIORE È IMPOSSIBILE FARLA? E IL PD LA VUOLE DAVVERO?

10 Maggio 2017

Una legge elettorale dignitosa, come chiede il presidente, davvero non si potrà fare per i veti incrociati, come torna a dire Stefano Ceccanti (“Nodi senza soluzione”, Quotidiano nazionale)? Oppure è il Pd di Renzi che preferisce lo status quo, come sembrano pensare in molti? Ieri sul Sole 24 ore Emilia Patta scriveva: “Legge elettorale, prove di dialogo Pd-M5S”; e Dario Franceschini, in un’intervista al Corriere della Sera, dichiarava: “Legge elettorale, a Berlusconi dico di farla con il Pd”. Oggi Paola Di Caro, sul Corriere, scrive: “Legge elettorale ‘tedesca’: dialogo Pd-Fi”; ma Marco Conti sul Messaggero annota: “Berlusconi ringrazia Franceschini. Ma chiude”. E Lorenzo Guerini, intervistato da La Stampa, dice: “Ultimo appello per Silvio. Ora deve dire se vuole scrivere le regole insieme”. Quanto al M5S, Giovanna Casadio su Repubblica riferisce: “Legge elettorale, offerta M5S al Pd”; ma Danilo Toninelli, intervistato dal Corriere, avverte: “Noi ci siamo; ma si vuole un altro patto del Nazareno”. La proposta del deputato Pd Gian Mario Fragomeli (quella che piace a Toninelli) la espone lo stesso Fragomeli sull’Unità: “Ecco come col mio ballottaggio metto d’accordo Pd e M5S”. Con ciò sembrano giustificati i due editoriali di Antonio Polito, sul Corriere (“Troppi bluff sulla legge elettorale”) e di Marcello Sorgi su La Stampa (“I due forni del leader Pd e i due forni”), e la nota ieri di Federico Geremicca (“La prova della verità per Renzi”). E non sembra aver torto Francesco Bei su La Stampa a dire che “Si prepara l’estate dei veleni”.

Leggi tutto →

17 Marzo 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

SE LUIGI DI MAIO GRIDA ALL’EVERSIONE

17 Marzo 2017

La scelta del governo di abolire i voucher non convince Romano Prodi, intervistato dal Mattino: “Sbagliato abolire i voucher”. Pietro Ichino sul Foglio si chiede: “Davvero semplificare il lavoro significa togliergli dignità?”. Lina Palmerini sul Sole scrive: “Il dietrofront del Pd sui voucher e la spia rossa che si accende sul governo”; e anche l’Avvenire obietta: Francesco Riccardi, “Lucidità e coraggio che vanno trovati”. Il voto del Senato su Minzolini fa gridare all’eversione, con Di Maio, anche l’avvocato Gianluigi Pellegrino sul Fatto (“Un suicidio eversivo da parte delle istituzioni”), ma Francesco Bei su La Stampa difende i 19 senatori Pd che hanno votato a favore di Minzolini (tra cui Mario Tronti) e stigmatizza le parole del leader 5Stelle: “Strappo che va oltre la politica”. Luigi Zanda a Repubblica: “Scambio con Lotti? Offensivo, basta scimmiottare i populisti”. Giorgio Tonini, intervistato da La Stampa, dice: “Non siamo solo passacarte”; e Rosaria Capacchione, intervistata dall’Unità, dice: “Ho votato sì per coerenza”. Il M5S intanto presenta la sua squadra di governo: Ilario Lombardo, “Il governo dei grillini” (La Stampa). E Alessandro Campi scrive: “Se M5S sogna un governo di minoranza” (Messaggero). Quanto alle primarie Pd, Nicola Piepoli su La Stampa scrive: “Primarie Pd, Renzi al 75%”, Emilia Patta sul Sole analizza la mozione congressuale di Renzi: “Un Pd senza alleati che punta su Europa e fisco”. Maurizio Martina in un’intervista all’Unità: “Con Renzi faremo un Pd popolare contro il populismo”.

Leggi tutto →

23 Novembre 2016
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

GIANCARLA CODRIGNANI: “DA DOSSETTIANA DICO CHE BISOGNA CAMBIARE”

23 Novembre 2016

Giancarla Codrignani, “Da dossettiana dico che bisogna cambiare” (intervista a La Nazione) e, sul suo blog, una difesa della riforma. Virginio Rognoni, “Il voto per la riforma e il futuro del centrosinistra” (Corriere della Sera). Luciano Violante, “Sono favorite la stabilità e la capacitò di decidere” (intervista al Sole 24 ore). Ignazio Visco, “Sì o No avanti con le riforme” (intervista a La Stampa). Maria Teresa Meli, “Il Pd e lo scenario del voto anticipato se vince il No” (Sole 24 ore). VOTO ESTERO: Dino Martirano, “Il partito degli emigrati” (Corriere della Sera); Alessandro Pace, “Se il Sì vince con il voto estero, via ai ricorsi. Troppe anomalie” (intervista al Il Fatto); Marco Gervasoni, “Se il mio voto vale sempre più del tuo” (Messaggero). E POI: Alberto Melloni, “Il rischio di un voto dettato dal rancore” (Repubblica).   Francesco Bei, “La Costituzione che non entra in queste urne” (La Stampa).

Leggi tutto →