28 Giugno 2022
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

CATTOLICESIMO IN DIASPORA. LA CRISI DI BOSE. ZUPPI E IL SUD. CASTITA’ COME ARTE

28 Giugno 2022

Danièle Hervieu-Léger,Il cattolicesimo di domani sarà diasporico o non sarà” (Le Monde). Sabino Chialà,La crisi di Bose. ‘Ritorniamo alle Scritture’” (intervista a La Lettura). Gianfranco Brunelli, “Il papa e la Cei” (Il Regno n. 12). Matteo Zuppi, “La Chiesa del Sud dica basta all’assistenzialismo” (intervista al Mattino). Antonio Mattone, “La linea del cardinal Zuppi che riporta il Sud al centro” (Mattino). Filippo Di Giacomo, “Francesco dopo Francesco” (Venerdì). Riccardo Cristiano, “La coscienza critica dell’Occidente” (Settimana news). Marco Marzano, “La visione del Vaticano è distante dalle coppie reali” (Domani). Basilio Petrà, “Itinerari catecumenali e castità” (Settimana news). Luigi Bettazzi, “Caro Mancuso, sbagli, sul sesso la chiesa è moderna” (La Stampa). Enzo Bianchi, “Perché la castità è un’arte” (Repubblica). David Kertzer, “La mia verità su Pio XII” (Repubblica). Matteo Luigi Napolitano, “Quelle già note trattative della Santa Sede con la Germania” (Oss. Romano). Marcello Musto, “La via a sinistra per invocare la pace e poi non disprezzare la guerra” (La Lettura). Goffredo Fofi, “Buonaiuti, il prete eretico vittima due volte” (Sole 24 ore). Antonio Spadaro, “A muso duro. Così Gesù zittisce i discepoli che invocano le armi” (Il Fatto). Tomà Halìk, “Dio oltre i confini visibili” (Il Regno).

Leggi tutto →

29 Novembre 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

I NUOVI CARDINALI: “PASTORI NON EMINENZE”. NATALE E PANDEMIA. MARADONA E ALTRO

29 Novembre 2020

Adriana Masotti,Il papa ai nuovi cardinali: la croce e il mondo, due strade inconciliabili” (Vatican news). Gianni Cardinale, “Il papa: pastori non eminenze” (Avvenire). Andrea Riccardi, “La chiesa universale dal volto francescano” (Corriere della sera). Miguel Gotor, “Così i cardinali scelti dal papa cambieranno la chiesa” (Repubblica). Marco Damilano, “Papa Francesco. La rivoluzione non si ferma” (Espresso). NATALE E PANDEMIA: Mauro Magatti, “La vita nuova che deve venire” (Avvenire). Alberto Melloni,Che cosa c’è dietro alla volgarità di Boccia sulla messa di Natale” (Domani). Giuseppe Lorizio, “Covid, la scelta dei cristiani” (Avvenire). Antonino Raspanti, vicepres. Cei, “La messa notturna di Natale sarà allineata con il coprifuoco” (intervista a La Stampa). MARADONA: Marco Tarquinio, “La piccola e sporca grandezza di Diego è, in noi, eco felice di quella che conta” (Avvenire). INOLTRE: Francesco,La chiesa? Né mercato né partito” (una sua catechesi – Avvenire). Marco Ansaldo, “Quando Benedetto XVI disse a monsignor Georg: ‘Si può fare un altro papa’” (Repubblica). Thomas Reese, “Sulla corsa alla santità, una riflessione” (Settimana news). Andrea Grillo, “Vent’anni di solitudine, lo Stato di minorità di un messale divenuto maggiorenne” (come se non). Alberto Melloni, “L’analfabetismo religioso genera superstizioni dogmatiche” (Domani). Luca Rolandi, “Adriana Zarri, l’inquietudine della fede” (Via Po). “‘Nella pandemia sto scrivendo un libro sulle mie eresie’. Intervista a Luigi Bettazzi” (Corriere Torino). Mario Chiaro, “Settimana sociale: il pianeta che speriamo” (Settimana news).  I tanti appuntamenti on line di Noi Siamo Chiesa.

Leggi tutto →

29 Maggio 2020
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

LA COMUNITÀ DI BOSE ALLA PROVA

29 Maggio 2020

Che cosa sia accaduto a Bose, e in Vaticano, non è facile da comprendere. Di certo c’è il comunicato della Comunità (“Visita apostolica e allontanamenti”). Un articolo di Paolo Griseri, su Repubblica di giovedì, riferisce pareri interni ed esterni: “La tempesta di Bose. Nella Comunità dove la pace è finita”. Sul Corriere della sera, sempre giovedì, Gian Guido Vecchi riporta quasi per esteso una nota di Enzo Bianchi che spiega la sua posizione e chiede un ripensamento: “Bianchi: Non ho mai contestato il priore di Bose”. Nello stesso giorno, su Repubblica, un duro commento di Alberto Melloni, che sembra dire che si tratti di una macchinazione della parte più conservatrice del Vaticano che ha colpito Bose, in qualche nodo aggirando papa Francesco: “Dietro il ‘mistero’ di Bose”. Ancora più duro, nel suo stile, il commento di don Paolo Farinella sul sito de Il Fatto: “Comunità di Bose: era già tutto scritto”. L’Avvenire sembra dare una interpretazione più piana, che individua nella volontà del nuovo priore e della Comunità l’origine della decisione vaticana, con due articoli di Luciano Moia: mercoledi, sul sito: “L’allontanamento di Enzo Bianchi: si tenta ancora il dialogo”, e venerdì: “Caso Bose, padre Sorge a Enzo Bianchi: «Accetta questa croce»”. Sul sito de Il Fatto c’è un’intervista a mons. Luigi Bettazzi: “Enzo Bianchi fa bene a chiedere al Vaticano le prove, deve potersi difendere”. Lorenzo Prezzi, direttore di Settimana News, scrive: “La coerenza fra magistero papale di Francesco e testimonianza monastica di Bose sconsiglia una lettura di contrapposizione istituzionale e orienta verso una tensione prevalentemente interna” (“Bose alla prova”). Problematico e ricco di riflessioni è l’ampio commento di padre Alberto Simoni op, di Koinonia, che formula varie ipotesi e conclude che sarebbe bene che il papa rendesse nota la Relazione conclusiva della visita apostolica e spiegasse il suo pensiero: “Interrogarsi, guardando Bose dal di fuori: ‘Normalizzazione’ di papa Francesco?”. Altri articoli si trovano in Il Riformista (Fabrizio Mastrofini, “Il retroscena della cacciata di Enzo Bianchi”) e sul portale di Aleteia (Giovanni Marcotullio, “Che cosa ci insegna il caso Enzo Bianchi”).

Leggi tutto →

13 Gennaio 2020
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

RATZINGER SUL CELIBATO CHIEDE CHE NON SI CAMBI

13 Gennaio 2020

Jean-Marie Guénois, “Lo schiaffo di Ratzinger” (Repubblica). Paolo Rodari, “Le parrocchie senza preti rette da diaconi sposati” (Repubblica). Mons. Michele Pennisi, “Ostacolare o correggere il papa regnante è irrealistico” (intervista a La Stampa). Mons. Domenico Mogavero, “La tempistica non è delle migliori. Invece il momento è maturo per una riforma” (intervista a Repubblica). INOLTRE: Massimo Faggioli,La chiesa cattolica comincia i suoi ruggenti anni venti” (La Croix – trad. Finesettimana). Jean-Marie Guénois, “2020, anno decisivo per la chiesa cattolica” (La Figaro, trad. it. di Finesettimana.org). Mons. Luc van Looy, vescovo emerito di Gand: “Belgio, una chiesa in transizione” (Settimana news). Claudio Tito, “Il sinodo italiano voluto da Francesco fa litigare i vescovi” (Republica).  Piergiorgio Cattani, “Le vere sfide di papa Francesco” (Trentino). Mauro Magatti,Il dialogo, risposta europea al nazionalismo religioso” (Corriere della sera). Antonio Sciortino, “La Bibbia, il nostro libro del cuore” (Vita pastorale). Marina Terragni, “Il senso di Francesco per la forza delle donne” (Avvenire). Andrea Grillo, “Messale nuovo, teologia vecchia?” (come se non). SUL SINODO DELL’AMAZZONIA: Mauro Castagnaro,Un Sinodo davvero sinodale. Un primo bilancio” (Missione oggi). Luigi Bettazzi, “Per un’ecologia integrale” (Mosaico di pace). Dario Vitali, “Si è fatto un passo avanti nella sinodalità” (Vita pastorale); Roberto Repole, “Porsi in ascolto della terra e dei poveri” (Vita pastorale).

Leggi tutto →

9 Giugno 2019
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA SINISTRA E  L’IMMIGRAZIONE

9 Giugno 2019

Un provocatorio, ma campato per aria, articolo di Federico Rampini su Repubblica: “Perché vince la sinistra danese” (vince, dice, perché gestisce con qualche severità la questione immigrazione). Così anche Paolo Mieli, sul Corriere della sera, che esorta il Pd a restituire l’onore all’ex ministro Minniti e alla sua politica migratoria; “Risvegli a sinistra in Europa”. Ma è anche vero che, qua e là, si sta risvegliando uno spirito solidale, come scrive Linda Laura Sabbadini su la Stampa: “Il valore della solidarietà per rafforzare l’identità nazionale”. Resta vero, dice mons. Luigi Bettazzi, che “Ormai dilaga la cultura antiumanitaria” (intervista a La Stampa). Carlo Rovelli, il fisico, sul Corriere, si chiede: “L’immigrazione è davvero un problema così grande?”. Francesca Paci intervista una scrittrice araba: “Hoda Barakt, la voce dei migranti” (La Stampa). Una riflessione di Gustavo Zagrebelsky: “Cittadini uniti contro la paura” (Repubblica).

Leggi tutto →

16 Ottobre 2018
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

SE IL VOTO CATTOLICO “SI SMARCA” DALLA CHIESA

16 Ottobre 2018

Il Messaggero di domenica ha pubblicato un’intervista di Franca Giansoldati al cardinale Giovanni Maria Becciu, prefetto della Congregazione dei santi, in occasione della canonizzazione di papa Montini. Sull’impegno politico dei laici cattolici Becciu dice che “forse dovrebbero avere più coraggio e non aspettare sempre il vescovo di turno” (“I cattolici tornino all’impegno politico”). Nulla di nuovo; ma interessante (e discutibile) è il commento che due giorni dopo ne fa, sempre sul Messaggero, il politologo Alessandro Campi, che avanza una sua spiegazione delle difficoltà attuali del cattolicesimo ad avere incidenza nella scena politica; Campi formula una netta critica a papa Bergoglio, e sottolinea la distanza della base cattolica del Paese non solo dall’attuale papato ma anche dalle sfere più istituzionali della chiesa in Italia (“Il voto cattolico che si smarca dalla Chiesa”). PAPA FRANCESCO E PAOLO VI: La Repubblica dà voce a Adolfo Perez Esquivel: “I veri nemici di Francesco, papa umanista”. Franco Garelli intervistato dal Messaggero, rievoca Paolo VI: “Il mondo cattolico rischiava di spaccarsi. Montini l’ha salvato”. L’omelia di papa Francesco alla messa di canonizzazione”. Un editoriale di Marco Tarquinio su Avvenire dedicato a Paolo VI: “Come pura libertà”. Alcuni rilievi critici di mons. Luigi Bettazzi a papa Montini in un’intervista a La Stampa: “Al Concilio mise troppi freni su lotta alla povertà e guerra”. Un intervento di Teresa Bartolomei, “Paolo VI, santità storica e libertà di coscienza” (liberta eguale.it). I consueti strali a papa Francesco di Sandro Magister sull’Espresso: “Chi ha deluso papa Francesco”. Un commento di Furio Colombo all’intervento di Francesco sull’aborto: “Francesco e l’aborto. Una sorpresa molto amara”.

Leggi tutto →

29 Dicembre 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA PACE, LA COSTITUZIONE, I MIGRANTI. LA MARCIA A SOTTO IL MONTE

29 Dicembre 2017

Il 31 dicembre si terrà a Sotto il Monte, luogo natale di Giovanni XXIII, la 50° Marcia della pace. L’iniziativa è stata organizzata dalla Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, da Pax Christi Italia, dalla Caritas Italiana  e dall’Azione Cattolica Italiana (vedi il programma). Ne scrive su Avvenire mons. Luigi Bettazzi (“Cinquant’anni dopo sulla stessa via di pace”). Il tema della marcia riprende quello scelto da papa Francesco per la Giornata mondiale della pace 2018: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”). Sul Corriere della Sera, Andrea Riccardi rievoca la scelta che i padri della Costituzione italiana presero sul tema della pace e della guerra, e dà una valutazione positiva delle missioni militari italiane, compresa l’ultima, appena approvata, in Niger: “L’Italia, la Costituzione e l’impegno per la pace”. Valutazione opposta emerge in una nota del sito “chiesa di tutti chiesa dei poveri” redatta da Raniero La Valle. Giorni fa, su Repubblica, Alberto Melloni ha ricordato la “rimozione” di Giacomo Lercaro, arcivescovo di Bologna, ne 1968, per la sua predicazione radicale della pace sulle orme del suo vicario episcopale, Giuseppe Dossetti (“Così la Curia epurò il cardinale pacifista”). E’ di due mesi fa una lucida lettura della teologia della pace scritta da un giovane teologo bolognese, vicino alla “famiglia” dossettiana, Fabrizio Mandreoli: “’Solo la pace è santa’. La religione e la guerra ‘nel nome di Dio’” (articolo1mdp.it).

Leggi tutto →

9 Aprile 2016
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

MONS. BETTAZZI CITTADINO ONORARIO DI BOLOGNA

9 Aprile 2016

Lo scorso 4 aprile è stata conferita la cittadinanza onoraria a mons. Luigi Bettazzi da parte del consiglio comunale di Bologna. Abbiamo ricevuto da una cara amica, Giancarla Matteuzzi, il video della cerimonia. Gli interventi della presidente del consiglio comunale e del sindaco sono a partire dal minuto 3.30 della seconda parte del video della seduta. L’intervento di mons. Bettazzi (nell’ultima parte del video) è, come dice Giancarla, “è un simpatico spaccato di storia”.

Leggi tutto →

7 Novembre 2015
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

PIÙ LA RIFORMA DELLA CHIESA SI FA VERA, PIÙ LA CROCE DA PORTARE DIVIENE PESANTE

7 Novembre 2015

Una bella analisi di Enzo Bianchi delle inevitabili reazioni alla riforma che Bergoglio conduce con tenacia (“La croce della riforma”): “più papa Francesco realizzerà la riforma della chiesa, e più pesante sarà la croce sulle sue spalle”. Anche interessanti l’intervista di zenit.org a Nello Scavo, autore di un libro su papa Francesco (“Quei nemici di Francesco, dentro e fuori il Vaticano…”) e l’articolo sull’Unità di Emma Fattorini (“L’opposizione a Francesco”). Sul sito santalessandro.org una nota di Giovanni Cominelli:Vatileaks, un punto di vista laico”. Sul Foglio due interventi critici: quello di Matteo Matzuzzi sulle nuove nomine vescovili a Bruxelles e Barcellona (“I nuovi vescovi per la rivoluzione”) e di Giuliano Ferrara (“Il papa e i faraoni della Curia”). L’Avvenire pubblica un articolo di Umberto Folena (“Francesco e i suoi fratelli”) e la Repubblica un’intervista al neo arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice (“Chi sta con i poveri non abita in un castello”). Intervista di Avvenire a Luigi Bettazzi: “Io l’unico italiano che firmai quell’impegno a non  farsi dominare dal denaro”.

Leggi tutto →

9 Settembre 2013
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

PAPA BERGOGLIO, LE GUERRE, E LE CRITICHE DI GALLI DELLA LOGGIA E MAGISTER

9 Settembre 2013

Il discorso del papa alla veglia in San Pietro (Avvenire) e quello per l’Angelus domenica 8. La cronaca: “La sfida del Papa: la guerra porta solo la morte” (G. Galeazzi, La Stampa). Il commento di Andrea Riccardi sul Corsera: “Un digiuno contro la rassegnazione”; sull’Osservatore Romano ne scrive mons. Luigi Bettazzi (“Una responsabilità comune”). Ernesto Galli della Loggia, sul Corsera, indica i limiti di una posizione che pretenderebbe di espellere i conflitti dalla storia (“L’improbabile espulsione”). Più sottile, ma fuori bersaglio, la polemica di Sandro Magister che, nel suo blog, il 6 settembre scrive:  “Da Washington il primo no a Francesco. I cattolici ai vertici dell’amministrazione Obama tutti a favore dell’intervento militare in Siria. E anche nell’insieme del mondo cattolico americano l’appello del papa ha trovato un ascolto tiepido”. Non è stato proprio così, visto che lo stesso giorno l’Osservatore Romano pubblicava il seguente articolo: “I vescovi statunitensi scrivono a Obama”; occhiello: “Un attacco aggraverebbe la tragedia già in atto”. E il giorno dopo M. Matzuzzi sul Foglio titolava il suo articolo: “L’action alert dei vescovi americani contro la guerra di Obama”. Lo stesso giorno, poi, Magister pubblica un secondo articolo insidioso su papa Francesco a proposito della teologia della liberazione: “Pace fatta tra Müller e Gutiérrez. Ma Bergoglio non ci sta”.

Leggi tutto →