5 Marzo 2021
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

ZINGARETTI SI DIMETTE. PD DA RIFONDARE

5 Marzo 2021

Fabio Martini, “La delusione del leader mite” (La Stampa). Paolo Pombeni, “Pd in panne dopo l’inizio della crisi dell’alleanza con i 5 stelle” (Il Quotidiano). Massimo Franco, “Un partito che fatica a capire l’effetto Draghi” (Corriere della sera). Lina Palmerini, “Tutti i dubbi sul gesto del leader che lascia” (Sole 24 ore). Marcello Sorgi, “L’inevitabile ripercussione sul governo” (La Stampa). Claudio Tito, “Ora si sposta il baricentro” (Repubblica). Mario Ajello, “Ora rischia il patto con i 5 stelle. Bonaccini pronto alla scalata” (Mattino). Claudio Cerasa, “Al Pd non serve una sceneggiata” (Foglio).  Salvatore Vassallo, “Tutte le promesse tradite di un partito rassegnato alla vocazione minoritaria” (Domani). Enrico Morando, “Ora rilanciare la linea riformista per salvare il Pd dall’implosione” (Il Riformista). Federico Geremicca, “Un amalgama mal riuscito” (La Stampa). Gianni Cuperlo, “Basta correntismo. Partito da rifondare” (intervista a La Stampa). Massimo Cacciari, “Faranno un congresso, ma non sanno di cosa discutere” (intervista al Mattino). Gianfranco Pasquino, “Lo zampino di Renzi nel collasso del partito” (Domani). Gad Lerner, “Il coraggio di Zingaretti. Ma adesso tocca al Pd” (Il Fatto). Marco Travaglio (che attacca Mattarella), “Zingarella” (Il Fatto). Norma Rangeri, “Sotto il cielo del centrosinistra è grande il disordine” (Manifesto). Biagio De Giovanni, “Ha spalancato le porte al peggior populismo e (per fortuna) ha perso” (Il Riformista). Piero Sansonetti, “Il Pd era morto e adesso lo sa. La sinistra ora può rinascere” (Il Riformista). Carlo Rognoni, “12 idee per rifare la sinistra nell’epoca del non-partito” (Il Riformista). Piero Fassino, “Il mio Pci non c’è più ma i suoi valori politici servono anche a Draghi” (intervista a Il Dubbio).

Leggi tutto →

5 Maggio 2018
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

E ADESSO, PRESIDENTE?

5 Maggio 2018

Il parere di due quirinalisti: Marzio Breda, “Lo schema del premier di tregua e i ministri di tutte le aree politiche” (Corriere della sera); Ugo Magri, “Mattarella farà un appello al paese e per l’esecutivo cerca nomi pop” (La Stampa). Il parere di Massimo Villone sul Manifesto: “Il capo dello Stato con le spalle al muro”. La proposta di Carlo Rognoni sul Secolo XIX: “L’ipotesi più convincente è affidare l’incarico a Tajani”. Lo spericolato editoriale di Mario Calabresi su Repubblica: “Un governo politico o meglio il voto”. Le analisi politiche di Stefano Folli (“La linea rossa della crisi istituzionale”, Repubblica), di Francesco Verderami (“La mediazione di Giorgetti e il piano inclinato verso le elezioni” (Corriere della sera) e di Bruno Vespa (“Appello al buon senso”, Il Mattino). A PROPOSITO DI PD: Fabio Martini, “L’allarme di Veltroni: il Pd è arrivato a un punto limite” (La Stampa); Emanuele Macaluso, “Ma adesso Renzi non è più padrone assoluto del Pd” (Il Dubbio). A PROPOSITO DI M5S: Alessandro Campi, “Gridare al golpe significa tradire il Sud” (Messaggero); Giovanni Orsina, “M5S, cade la maschera moderata” (La Stampa); Marcello Sorgi, “Ora il comico apre la successione a Di Maio. ‘Dibba’ è pronto” (La Stampa). INOLTRE: Liliana Segre, “Il razzismo e la lezione di Vico” (Repubblica). Savino Pezzotta, “Non ero marxista ma grazie a lui ho capito il lavoro” (Il Dubbio). Enrico De Mita, “Politica e nostalgia dei professionisti” (Sole 24 ore). Maurizio Molinari, “Il peggior nemico della democrazia? La ribellione della gente comune” (in dialogo con Yascha Mounk, La Stampa).

Leggi tutto →

30 Aprile 2018
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

DALLE MONETINE A CRAXI ALL’ANTIPOLITICA DI OGGI

30 Aprile 2018

Il pensiero, a volte criptico, di Arturo Parisi: “Inutile e pericoloso rivotare con la vecchia legge elettorale” (intervista al Messaggero). L’opinione del liberal Michele Salvati: “Un percorso riformista che non deve interrompersi” (Corriere della sera). Il giudizio di Gian Franco Pasquino sul no di Renzi ai Cinque stelle: “Preferisce l’Italia giù nel baratro. Contento lui…” (intervista a Il Fatto). Un’aperture parziale quella di Carlo Rognoni sul Secolo XIX: “Dem, giusto il tavolo anche se non funzionerà”. Il Foglio raccoglie opinioni sull’ipotesi di accordo Pd-M5s: “Un governo da incubo”. Marco Conti su Renzi: “Il sostegno esterno del Pd a un governo per le riforme” (Messaggero). Francesco Pacifico, “Governo del presidente: costituzionalisti divisi” (Mattino). Ugo Magri, “Berlusconi tentato dall’offerta dem, ma insiste per Salvini premier” (La Stampa). Per Claudio Cerasa si potrebbe fare un governo tra centrodestra e Pd: “Perché il Pd con il M5S sì, e il Pd con il centrodestra no?” (Foglio). E sui 25 anni dalle monetine a Craxi Giovanni Orsina offre una saggia riflessione: “Non basta una monetina per cambiare” (La Stampa). Intanto, ecco “Trump il lunatico, che sta cambiando il mondo” (Danilo Taino, Corriere della sera) e “Europa contro i dazi ma l’Italia è fuori dalla partita” (Marco Zatterin, Secolo XIX).

Leggi tutto →