28 Luglio 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

PD. DEMOCRAZIA. GOVERNO

28 Luglio 2018

DUE PD. Piero Ignazi, “Siamo onesti, ci sono due Pd” (Repubblica). Franco Monaco, “I renziani che esorcizzano Renzi” (Huffington post). Davide Allegranti, “La fase onirica del Pd” (Foglio). Nino Bartoloni Meli, “La cena di Matteo sull’Aventino. Nel menù anche lo strappo col Pd” (Messaggero). Daniela Preziosi, “La rete Zingaretti: base dem e associazionismo cattolico” (Manifesto). Su “Il Sicomoro” n. 9 articoli di F. Pizzul, P. Danuvola, P. Cova e altri. DEMOCRAZIA, CASALEGGIO E LA SINISTRA. Dopo i primi commenti all’intervista di Davide Casaleggio su La Verità (vedi qui): Guido Liguori, “Democrazia consigliare, né diretta né parlamentare” (Manifesto); Giancarlo Gaeta, “Davide Casaleggio e la sinistra da rifare” (Manifesto). LA DURATA DEL GOVERNO. Angelo Panebianco, “Perché il governo durerà” (Corriere della sera); Claudio Petruccioli, “Un governo destinato a durare” (intervista a Italia Oggi).

Leggi tutto →

24 Luglio 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL FUTURO DELLA DEMOCRAZIA SECONDO DAVIDE CASALEGGIO

24 Luglio 2018

Ha fatto un certo scalpore l’intervista concessa da Davide Casaleggio a Mario Giordano per La Verità: “Il cambiamento travolgerà tutto. Il Parlamento? Forse sarà inutile”. La ritengono una riflessione utile su cui discutere Alessandro Campi (“Democrazia diretta, la frontiera da tracciare”, Messaggero) e Mauro Magatti (“Ma che sia democrazia”, Avvenire); ma i commenti negativi sono la maggioranza: Ezio Mauro, “La tecno-ideologia di Casaleggio” (Repubblica); Paolo Pombeni, “La Rete non può sostituire il confronto della democrazia” (Sole 24 ore); Ugo De Siervo, “No all’ideologia digitale” (Avvenire); Marianna Rizzini, “Il Parlamento inutile e i cittadini declassati” (Foglio); Sofia Ventura, “Il popolo non è saggio, la politica vuole le elite” (La Stampa); Gianfranco Pasquino, “Il rischio totalitarismo dietro un’idea sbagliata” (La Stampa); Ugo Mattei, “Caro Casaleggio jr, la Rete non è neutra, è politica” (Manifesto). L’ironia di Mattia Feltri:Il paradosso dei rivoluzionari” (La Stampa).

Leggi tutto →

21 Marzo 2018
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

DUE SINISTRE. DUE ITALIE. E UNA QUESTIONE CRUCIALE

21 Marzo 2018

Marco Olivetti, in un editoriale su Avvenire, pone una domanda centrale e lascia aperta la risposta: M5s e Lega sono, in sostanza, anti-costituzionali, in senso lato? (“Una cruciale domanda”). Enrico Morando, sul Foglio, pone con chiarezza la questione di due linee nel Pd, una riformista e una contro la globalizzazione: “Due sinistre a congresso”. Angelo Panebianco, sul Corriere della sera, legge l’Italia, il voto e le forze politiche in campo secondo il paradigma della società aperta o chiusa: “Due Italie e la sfida che verrà”. Franco Monaco, su Il Fatto, insiste: “Dialogare con il M5S fa solo bene ai dem”. Scrive Giovanna Casadio: “Zingaretti lancia la sfida per la leadership: ‘Sì al dialogo con i 5 stelle’” (Repubblica). Davide Casaleggio, sul Washington Post, racconta il suo M5s e la sua idea di democrazia: “Un successo storico. La democrazia digitale è il futuro” (traduzione su Il Dubbio), con i commenti di Stefano Cappellini su Repubblica (“La miracolosa ricetta di Casaleggio”) e di Federico Fubini sul Corriere (“L’orgoglio di Casaleggio sul costo dei voti al M5S e l’enigma dei post che spingono i consensi”). Franco Debenedetti e Nicola Rossi dicono al Pd: “L’unica cosa seria è dividersi” (Il Foglio). Giuliano Ferrara, sul Foglio, sostiene che se vanno al governo Di Maio e Salvini poi nascerà una seria opposizione (“La necessità di un governo dei vincitori”).

Leggi tutto →

8 Settembre 2017
by Forcesi
1 Commento

1 Commento

URAGANI. SOCIAL. GOVERNO. 5 STELLE. SONDAGGI. SINISTRA

8 Settembre 2017

URAGANI- Franco Prodi, “I mostri nati dai cambi climatici” (Messaggero). SOCIAL NETWORK – Evgeny Morozov, “Google e Facebook ci trivellano l’anima” (La Stampa). Claudio Cerasa, “Contro la cultura della condivisione” (Foglio). GOVERNO – Giorgio Tonini, “Un voto bipartisan sul via libera al deficit” (Sole 24 ore). Giampaolo Galli, “Finanza pubblica: la via maestra di tagli e riforme” (Sole 24 ore). Pierluigi Ciocca, “Crescita? Meglio parlare di ‘ripresina’” (Sole 24 ore). Giuseppe de Tommaso, “Emiliano promuove Gentiloni” (Gazzetta del Mezzogiorno). Laura Pennacchi, “Gentiloni più sincero di Renzi, ma sul lavoro continua a sbagliare” (Manifesto). 5 STELLE – Davide Casaleggio, “M5S pronto a governare” (intervista al Corriere della Sera). Gianfranco Pasquino, “M5S non ha cambiato il sistema, deve darsi una classe dirigente” (Il Fatto). Antonio Padellaro, “Hanno migliorato la politica ma il vaffa non funziona più” (Il Fatto). SONDAGGI – Ilvo Diamanti,Crescono M5S e Gentiloni. Rabbia e voglia di stabilità” (Repubblica). SINISTRA – Emanuele Macaluso, “La sinistra è al suo momento più basso. La Sicilia lo dimostra” (intervista al Manifesto). Paolo Mieli, “Farsi male a sinistra” (Corriere della Sera). Giuliano Pisapia,Basta con il fuoco amico o farò un passo indietro” (intervista al Corriere della sera). Stefano Folli, “Pisapia il mediatore e e la lezione di Machiavelli” (Repubblica). Giuseppe Lo Bianco, “Pisapia in Sicilia risuscita la Democrazia cristiana” (Il Fatto). Tommaso Montanari, “Giuliano vuole solo il potere. Ora dica con chi sta” (intervista a Il Fatto).

Leggi tutto →

4 Aprile 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

LA DEMOCRAZIA NELLA TRINCEA DEI GAZEBO

4 Aprile 2017

Un’analisi di Marzio Barbagli sull’evoluzione del disagio tra le classi sociali in Italia negli ultimi 15 anni (“Se il malcontento è di classe”, lavoce.info). Sabino Cassese, in un colloquio con Il Foglio, racconta “Come nasce una repubblica neopopulista”. Maurizio Ferrera, in un editoriale del Corriere della Sera, esalta la funzione delle forze politiche di responsabilità nazionale: “I nuovi populismi e l’assedio ai valori condivisi”. In qualche modo la pensa così anche Mauro Calise, guardando alle primarie Pd: “La democrazia nella trincea dei gazebo”. Viceversa Michele Prospero sul Manifesto critica “il populismo di sistema” e difende i  5 Stelle: “Da Rousseau a Marx: la risposta dell’antipolitica”.  Sul Corriere un’intervista a Davide Casaleggio: “Il candidato premier? In autunno il nome”.  Su Il Dubbio Enrico Novi scrive: “Davigo e Ardita sogno (quasi) proibito dei grillini”. In un ricordo del giornalista del Sole 24 Ore, Fabrizio Forquet, Sergio Fabbrini critica il giornalismo che si oppone al potere ‘a prescindere’ (“Un anno senza la passione di Fabrizio”). Mentre Stefano Rodotà, intervistato da Repubblica, dice: “La politica non tocchi le intercettazioni”, Enrico Novi su Il Dubbio riferisce il parere del capo della Procura di Roma: “Pignatone contro la gogna mediatica e la giungla delle intercettazioni” . Assai ironico Paolo Mieli sul Corriere sul rapporto tra magistrati e politica: “La variante pugliese della giustizia italiana”.

Leggi tutto →

21 Giugno 2016
by sammarco
0 commenti

0 commenti

LA POLITICA IN ITALIA. SENZA BUSSOLA

21 Giugno 2016

Per Ilvo Diamanti queste elezioni segnano una svolta: la perdita di contatto della politica con la storia e l’identità (“La fede politica che perde le radici”, Repubblica). Anche Ezio Mauro scrive de “La storia rottamata”. Biagio De Giovanni  è più cauto: “Se la narrazione di Palazzo Chigi convince meno” (Mattino). Claudio Cerasa sul Foglio analizza “La prima sconfitta di Renzi”. Sull’Unità “L’analisi del voto” di due renziani critici, E. Gualmini e S. Vassallo. Annota Roberto D’Alimonte: “Appendino votata dal centrodestra, Sala dalla sinistra” (Sole 24 ore). Giovanni Orsina su La Stampa spiega “La metamorfosi dei grillini”. Nella sua prima intervista Davide Casaleggio dice al Corriere della Sera: “Non mi candiderò mai”. Lina Palmerini sul Sole 24 ore mette in guardia: “Renzi, Grillo e il cambiamento. Rischi di uno slogan”. Anche Gian Antonio Stella avverte: “Il bagno di realtà che serve ai Cinque stelle” (Corsera). Alberto Leiss, sul Manifesto, non s’entusiasma per il voto e riflette sui “Populismi”. Per Barbara Spinelli è diverso: “Populisti? E’ gente che vuol decidere” (Il Fatto).

Leggi tutto →