30righe

apple

21 settembre 2016
by Forcesi
1 Commento

1 Commento

Apple e l’Irlanda: il futuro del fisco e della democrazia

21 settembre 2016
di Guido Formigoni
apple

 

Ha fatto discutere la notizia che la Commissione europea, dopo una lunga istruttoria, ha condannato l’Irlanda a riscuotere tasse non pagate da Apple (che ha sede legale europea proprio a Cork, nel paese celtico) per circa 13 miliardi di euro, una cifra enorme. In passato, come si ricorderà, analoghi patti straordinari (gli esperti li chiamano tax ruling) tra uno Stato e un’impresa erano stati nel mirino della Commissione per quanto riguarda il Lussemburgo o l’Olanda, ma per cifre molto inferiori. Ma ancor più hanno sollevato discussioni la protesta del governo degli Stati Uniti contro l’Unione europea e la decisione del governo di Dublino di ricorrere contro la decisione (nonostante si tratti di una cifra allettante, per un paese che ha dovuto utilizzare un piano da 85 miliardi, solo pochi anni fa, per salvare le sue banche, e di conseguenza ha ancora un debito salito a circa il 120% del Pil).

Leggi tutto →
sì e no

12 settembre 2016
by Forcesi
2 Commenti

2 Commenti

Lettera ai cattolici democratici

12 settembre 2016
sì e no

 

Pubblichiamo la lettera che, all’inizio di settembre, Sandro Antoniazzi ha scritto a un largo numero di amici. Lettera alla quale sono arrivate le prime risposte, a cui Sandro, in qualche caso, ha ulteriormente replicato. E’ un dibattito che non vuole darsi pubblicità, svolto tra amici, per lo più legati da comuni esperienze (in primis la militanza cislina, ma non solo). Nella email con cui ha spedito la sua lettera Sandro ha scritto: “Mi sono permesso di scrivere una lettera  rivolta ai cattolici democratici relativamente al prossimo referendum, perché mi preoccupa la scarsa considerazione politica generale che si manifesta in posizioni anche della nostra area. Naturalmente esprimo delle posizioni del tutto personali”. La sua è una posizione netta: per il Sì al referendum, e di polemica con quei cattolici democratici intenzionati a votare No. Che non sono pochi: tra loro, ad esempio, Franco Monaco, che più volte ha espresso la sua posizione anche su questo nostro sito.

Comunque la si pensi, crediamo di fare cosa utile e gradita all’insieme di coloro cui arriva la nostra newsletter pubblicando la Lettera di Antoniazzi e i primi interventi che le hanno fatto seguito (nel caso di nuovi interventi, inseriremo qui i link relativi).

Diversi amici ed esponenti dell’area cattolica democratica hanno espresso una posizione negativa  sul merito referendario, mentre altri  continuano a manifestare a riguardo forti perplessità. Non è una novità che tra i cattolici democratici si manifestino posizioni differenziate, essendo ormai venuti meno non solo forme associative e culturali di carattere nazionale, ma anche e ancor più riferimenti comuni per affrontare i problemi della nostra epoca. Ma poiché

Leggi tutto →
Voceto Amatrice3

26 agosto 2016
by Forcesi
1 Commento

1 Commento

Ricostruiamo Amatrice!

26 agosto 2016
di Vittorio Sammarco
Voceto Amatrice3

 

Sono luoghi che conosco da più di dodici anni. Per caso, per amicizia, per il gusto di rivivere periodicamente un profondo e sano rapporto con la natura, bella e ospitale, incontaminata e severa, come solo certi amati e curati posti di montagna sanno essere. Ogni anno in vacanza per qualche settimana in un piccolo borgo, Voceto, frazione di Amatrice, e poi le passeggiate, i picnic, le chiacchierate serali e le risate con gli amici, ore passate in armonia con il contesto che ti circonda, fatto di cose semplici e inalterate da secoli.

Ora tutto questo non c’è più, è letteralmente sepolto sotto le macerie, sotto il dolore dei sopravvissuti, sotto la paura e l’incertezza per un futuro che sarà difficile e denso di incognite.

Leggi tutto →
1 Commento
Archivio 30Righe

Gli Articoli

senato-2

27 settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Temo che il nuovo senato non sia in grado di operare in modo valido

27 settembre 2016
di Salvatore Leonardi
senato-2

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento sul prossimo referendum, in favore del No. L’autore, da oltre quarant’anni nel Meic in Sicilia, di professione bancario, iscritto al Pd, è da poco tempo tra gli amici di c3dem. (Il titolo è redazionale)

 

… Alcune scelte dei riformatori non mi paiono condivisibili, altre appaiono espressione di un progetto incompiuto, che troppo affida alla legislazione ordinaria per definire – in aspetti non secondari – la fisionomia del nuovo Organo. Il mio timore è quello che la reale operatività del nuovo Senato proceda in maniera incerta e comunque resti molto al di sotto del ruolo assegnatogli, generando in tal modo un “bicameralismo differenziato apparente” o, ancor più chiaramente, un “monocameralismo mascherato” …

Leggi tutto →
moro-2

23 settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Aldo Moro. Lo statista e il suo dramma

23 settembre 2016
di Guido Formigoni
moro-2

 

In occasione del centenario della nascita di Aldo Moro (23 settembre 1916) pubblichiamo le Conclusioni del libro che l’autore ha dedicato al profilo dello statista democristiano (Aldo Moro. Lo statista e il suo dramma, Mulino 2016). Il volume è in libreria da pochi giorni.

 

Aldo Moro crebbe come un giovane intellettuale cattolico meridionale dotato di una fede cristiana convinta e di una cultura giuridica in cui spiccava una inconsueta apertura verso la moderna dimensione statuale. Intendendo lo Stato come strumento di una società articolata, si impegnò nelle organizzazioni intellettuali laicali del mondo cattolico, fino a livelli dirigenziali, che sotto il fascismo erano (anche) l’unico modo per arricchire e articolare quella società. Vi rimase legato poi nella primissima stagione dopo la caduta del regime fascista, mentre sviluppava un’attività giornalistica e in qualche modo di analista della politica, che mostrava vivo interesse e coinvolgimento umano verso la nascente democrazia. Costruiva intanto una professionalità di giurista e insegnante universitario, che non volle abbandonare per tutta la sua vita (coltivando anzi spesso l’idea di tornarvi a tempo pieno).

Entrò direttamente in politica solo attraverso l’elezione alla Costituente, in quota all’associazionismo cattolico e su spinta del suo arcivescovo, dopo un approdo tardivo alla neonata Democrazia cristiana.

Leggi tutto →
dalimonte-2

23 settembre 2016
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

Roberto D’Alimonte e i suoi calcoli matematici sulla legge elettorale

23 settembre 2016
di Nino Labate
dalimonte-2

 

Se ne parla dopo il referendum costituzionale. Il prudente rinvio della Consulta, la machiavellica proposta del M5s per il ritorno alla proporzionale, le caute aperture di Renzi sul premio alla coalizione, le varie proposte sul tappeto, le mozioni bocciate del dibattito parlamentare, mi hanno suggerito di ripercorrere la strada che ha battuto nell’ultimo anno Roberto D’Alimonte, politologo ed editorialista de Il sole 24 Ore. L’ideatore dell’Italicum.

Lasciando perdere la sciocchezza dell’“uomo solo al comando”, rimane certo che la governabilità e la stabilità così tanto da lui difese, non vanno prese sottogamba. Sono cose molto serie che solo Grillo non vuole tra i piedi per proseguire nel suo perenne spettacolo, oggi trasferito sulla scena della politica. Benché importanti e centrali, governabilità e stabilità, ballottaggio e rappresentatività, bipolarismo e partito premiato vanno però collocati sullo sfondo della sociologia spicciola e dell’antropologia. Più che della ingegneria politica e dall’empirismo sui dati statistici. Abbiamo invece potuto osservare che il dibattito è rimasto sempre imbrigliato sul metodo e sulle tecniche, sulla matematica degli equilibri partitici, addirittura sulle convenienze, più che sul merito e sui contenuti. Se l’Italicum è destinato ad andare avanti così come l’ha pensato D’Alimonte, non è allora male essere consapevoli dei suoi effetti sulla qualità della nostra democrazia politica.

Leggi tutto →
la-valle-2

22 settembre 2016
by Forcesi
10 Commenti

10 Commenti

La mia verità sul referendum

22 settembre 2016
di Raniero La Valle
la-valle-2

 

Riceviamo e pubblichiamo, per il suo indubbio interesse e per la stima dell’autore, il discorso da lui tenuto il 16/09/2016 a Messina nel Salone delle bandiere del Comune in un’assemblea sul referendum costituzionale promossa dall’ANPI e dai Cattolici del NO, e replicato il giorno successivo a Siracusa in un dibattito con il prof. Salvo Adorno del Partito Democratico, sostenitore delle ragioni del Sì. Il titolo originario dell’intervento era “La verità sul referendum”.

Riportiamo di seguito anche il commento a caldo che Tati Sgarlata, portavoce del gruppo “Siracusa Resiliente”, ha fatto a conclusione del dibattito tenutosi a Siracusa il 17 settembre 2016.

 

Cari amici,

poichè ho 85 anni devo dirvi come sono andate le cose. Non sarebbe necessario essere qui per dirvi come sono andate le cose, se noi ci trovassimo in una situazione normale. Ma se guardiamo quello che accade intorno a noi, vediamo che la situazione non è affatto normale. Che cosa infatti sta succedendo?

Leggi tutto →
0 commenti 0 commenti 4 Commenti
Archivio Gli Articoli