15 Novembre 2021
by c3dem_admin
1 Commento

1 Commento

L’esigenza, nella Chiesa, di darsi tempo per pensare questo nostro tempo

15 Novembre 2021
di Giandiego Carastro

 

Generazione incredula, la nostra. Forse la prima. Adulti che sembrano adolescenti, che non hanno più fede e che certo non la possono comunicare ai loro figli. E una pastorale da cambiare alla radice. Conversazione con Armando Matteo (nella foto), giovane teologo, già assistente della Fuci, ora chiamato da papa Francesco a lavorare per l’ex sant’Uffizio

Leggi tutto →

28 Ottobre 2021
by c3dem_admin
1 Commento

1 Commento

La Chiesa ha urgente bisogno di un risveglio profondo e radicale. Intervista a Fulvio De Giorgi

28 Ottobre 2021
di Giandiego Carastro

 

Il Sinodo deve dare il primo posto a tutti coloro a cui lo Spirito dà il dono della profezia, che significa saper vedere le piaghe della Chiesa e riuscire a immaginare cammini nuovi che curino tali piaghe. C’è bisogno di un onesto esame di coscienza, per confessare le nostre colpe. Se invece vogliamo dire che il percorso della Chiesa italiana, dal post-Concilio ad oggi, è stato tutto un cammino solo di luci e senza ombre, dunque senza alcuna necessità di cercare di individuare sbagli e colpe … Beh, se è questa la postura sinodale, mancano  i presupposti per un confronto vero, profondo e radicale

(Nella foto don Tonino Bello)

Leggi tutto →

24 Maggio 2021
by Giampiero Forcesi
3 Commenti

3 Commenti

La Chiesa guarisce, se non brucia prima… Ovvero, un Sinodo per diventare foglie guaritrici

24 Maggio 2021
di Giandiego Carastro

 

Molti sostengono che il cattolicesimo è destinato ad esaurirsi, tra due o tre generazioni, almeno in Europa. E in effetti molti segni lo fanno pensare. Ma ora papa Francesco ha indetto un sinodo della Chiesa universale, che si svolgerà dal prossimo ottobre fino al 2023 e che “partirà dal basso”: può essere davvero l’occasione per una rigenerazione della Chiesa. 

L’autore è dottorando all’Università politecnica delle Marche; viene dall’Azione cattolica e ha già scritto su c3dem sui temi della democrazia partecipativa.

Leggi tutto →

7 Ottobre 2017
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

Democrazia deliberativa: non c’è un modello unico, ma bisognerebbe crederci di più

7 Ottobre 2017

a cura di Giandiego Carastro

Il tema della rappresentanza è centrale nella ricerca sulla democrazia deliberativa italiana (e prima ancora straniera). Studiosi come G. Allegretti, L. Bobbio, A. Floridia, R. Lewanski, L. Raffini ed altri ancora, seppure con posizioni diverse, partono da questa centralità e pongono l’interrogativo se sia possibile introdurre nella rappresentanza elementi di democrazia diretta.

Leggi tutto →

3 Giugno 2017
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

Coinvolgere i cittadini, far emergere i talenti. Intervista a Susan E. George

3 Giugno 2017
di Giandiego Carastro

 

Già docente all’Università di Pisa, pedagogista, autrice teatrale, esperta di percorsi di partecipazione democratica, Susan E. George  è  presidente dell’AIP2 (Associazione italiana per la partecipazione pubblica). “Il nostro problema – dice – è l’incapacità di avere una discussione pubblica seria, approfondita sulle cose che contano”.

Leggi tutto →

12 Maggio 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

Il “dibattito pubblico”, una via per recuperare fiducia tra i cittadini e chi governa. Intervista a Rodolfo Lewanski

12 Maggio 2017
di Giandiego Carastro

 

In risposta a vicende come quella della TAV, ora il governo vuole introdurre in Italia la procedura francese del Dibattito pubblico. Se si vuole rimontare la crisi di fiducia nelle decisioni, i veri percorsi partecipativi devono essere muniti di precise garanzie per i cittadini, che debbono sapere che le loro opinioni sono destinate a contare davvero, ad avere un’effettiva influenza sulle decisioni pubbliche.

Leggi tutto →

1 Aprile 2017
by Giampiero Forcesi
1 Commento

1 Commento

Per una gestione costruttiva dei conflitti. Intervista a Marianella Sclavi

1 Aprile 2017
di Giandiego Carastro

 

E’ stato da poco ristampato da IPOC il saggio “Confronto creativo” di Marianella Sclavi e Lawrence Susskind. Marianella Sclavi ha insegnato etnografia urbana al Politecnico di Milano ed è un’esperta di “ascolto attivo” e “gestione creativa dei conflitti”. Si è interessata sia di buona comunicazione interculturale che degli ingredienti delle ‘scuole felici’, mostrando come l’ascolto attivo sia un elemento virtuoso fondamentale in entrambi i campi.

L’abbiamo intervistata perché con “Confronto creativo” esplora le dinamiche della vita pubblica e riesce a descrivere in modo originale ed efficace non solo gli aspetti negativi, ma, cosa rara, anche e soprattutto quelli positivi del confronto. E, in un’epoca in cui sembra che la conflittualità sia il registro dominante di tanti rapporti, può esser una strategia a cui fare riferimento.

Leggi tutto →

10 Marzo 2017
by Giampiero Forcesi
0 commenti

0 commenti

Che cosa è più giusto per una comunità? Colloquio con Antonio Floridia sulla democrazia deliberativa

10 Marzo 2017
di Giandiego Carastro

 

“Democrazia deliberativa”, dunque, è una visione della democrazia che fonda la legittimità democratica delle decisioni collettive non solo sulla “legalità” delle procedure istituzionali, ma anche sulla legittimazione che deriva da un processo pubblico e inclusivo di formazione e trasformazione delle opinioni e dei giudizi dei cittadini. La democrazia deliberativa si oppone dunque alle visioni “plebiscitarie” e “tecnocratiche” della democrazia, ma anche alle ricorrenti illusioni su un possibile ritorno alla democrazia “diretta”. La qualità di una democrazia si fonda sulla possibilità che i cittadini si formino un giudizio riflessivo, ponderato e informato, e che questo avvenga attraverso un dialogo pubblico.

Leggi tutto →

8 Febbraio 2017
by Giampiero Forcesi
2 Commenti

2 Commenti

Come vorresti essere consultato dalle tue istituzioni?

8 Febbraio 2017
di Giandiego Carastro

 

L’autore è dottorando di ricerca presso il Disaster Lab dell’Università Politecnica delle Marche

 

A partire dalla legge n. 241 del 1990 sul procedimento amministrativo, le pubbliche amministrazioni hanno iniziato a riflettere sull’importanza di coinvolgere i cittadini nelle scelte pubbliche, che, sul finire del secolo scorso, apparivano sempre più complesse e dai molteplici effetti: la PA ha iniziato a promettere maggior trasparenza, a prefiggersi di essere  casa di vetro, recettiva delle istanze della società civile e dei portatori di interessi legittimi. E così ad esempio sui temi della riqualificazione urbana, delle opzioni sanitarie, di individuazione di un centro di stoccaggio di rifiuti o di una nuova via autostradale, nel corso degli anni sono stati convocati diversi incontri pubblici con i cittadini e le loro associazioni.

Leggi tutto →