IN CERCA DI IDEE (A SINISTRA, AL CENTRO E A DESTRA). FINE DEI “DECRETI SALVINI”

| 0 comments

Luciano Floridi, ordinario di filosofia e etica dell’informazione a Oxford, e compagno di strada oggi di Marco Bentivogli, spiega la nuova iniziativa: “I progetti di ‘Base Italia’. L’età dei pifferai è finita, vogliamo cambiare il paese con il lavoro di squadra” (intervista a Il Riformista). Un bell’articolo di Vincenzo Visco, già ministro delle finanze con Prodi e con d’Alema, per dare idee alla sinistra in cerca di idee: “Il liberismo non è mai stato di sinistra” (Domani); l’articolo prende spunto da questo di Emanuele Felice, pubblicato il 30 settembre su Domani: “Il Pd conta solo se si occupa di ambiente e disuguaglianze”. E, a proposito del Pd, vale la pena risegnalare l’articolo di Giorgio Tonini “Il partito che manca all’Italia” (Foglio, 21 settembre). Claudio Cerasa scodella i paradossi della politica italiana di questi ultimi mesi: “W la campagna antipopulismo portata avanti dagli ex avvocati del populismo” (Foglio). Michele Salvati, da sempre liberaldemocratico, dice che è necessario guardare anche a destra: “E’ tempo di una nuova destra” (Foglio). Giuliano Ferrara scrive a Renzi, “Caro Renzi, torna nel Pd” (Foglio). MIGRANTI: del nuovo decreto che ha cancellato i decreti di Salvini non si ha ancora il testo, ma i primi commenti arrivano: Carlotta Sami (Unhcr), “Decreti sicurezza, l’Italia si schiera di nuoco coi deboli” (La Stampa). Luigi Manconi, “L’umanità prima di tutto” (Repubblica). Elly Schlein, “Un passo avanti, ma tante iniquità” (intervista a La Stampa). Maurizio Ambrosini, “L’accoglienza reciproca, grane e inevitabile sfida” (Avvenire). E però intanto: Vanessa Ricciardi, “La tragedia di Abou, lasciato morire sulla nave in quarantena” (Domani).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Required fields are marked *.