JESUS: sul massacro dei curdi, e sul viaggio di Francesco in Thailandia e in Giappone – APPUNTI DI CULTURA E POLITICA: sovranismo e sovranità – DIALOGHI: il nostro corpo è linguaggio – SERVIR: su temi e problemi dell’immigrazione

| 0 comments

È veramente affascinante scorrere le pagine di una rivista come Jesus, delle edizioni San Paolo. In pochi minuti si percorre un viaggio straordinario attraverso i problemi e le esperienze della Chiesa nel mondo; e si è aiutati a conoscere, e valutare, le scelte, i dibattiti e le novità che si sviluppano nel vitale e variegato mondo non solo del cattolicesimo, ma anche di altre esperienze cristiane nel mondo. Così sul numero di novembre Giovanni Ferrò denuncia il massacro dei curdi, schiacciati dai turchi di Erdogan col beneplacito delle grandi potenze. Gerolamo Fazzini spiega il senso e le prospettive del viaggio di Papa Francesco in Thailandia e in Giappone. Il Papa non solo ha reso omaggio ai martiri di quel Paese e vittime di Hiroshima e Nagasaki, ma ha affrontato i temi del dialogo e della collaborazione tra le religioni. Il fascicolo di Jesus, che è davvero ricchissimo d’informazioni e di riflessioni, tocca poi il tema dei rischi e benefici della tecnologia nell’era digitale, della collaborazione, necessaria in molti Paesi, tra Ebrei, cattolici e musulmani per combattere la violenza sulle donne. Vittoria Prisciandaro illustra poi la forte speranza, emersa nel Sinodo dedicato alla Chiesa in Amazzonia, di una forte valorizzazione delle donne e dei viri probati nella pastorale. Molto interessante anche l’ampio dossier sulla Chiesa tedesca che si prepara al Sinodo nazionale che si aprirà il 30 gennaio 2020. Da segnalare l’intervista di mons Franz-Josef Bode, vicepresidente della conferenza episcopale tedesca, cui è stato posto un titolo significativo: “Daremo un segnale alla Chiesa universale”.

“Sovranismo” e “sovranità” non sono la stessa cosa: lo ribadisce e lo spiega con chiarezza Marco Ivaldo (docente di Filosofia morale e di Filosofia pratica presso l’università di Napoli) nell’ampio editoriale di Appunti di cultura e politica (n 5, sett-ottobre 2019). Sovranismo vuole indicare una narrazione politica che propugna la difesa o la riconquista di una sovranità perduta (può essere, forse, il caso di un Paese europeo che ritenga troppo stringenti e impegnative le regole della Comunità Europea). Sovranità esprime il potere di comando in ultima istanza. Maritain sostiene che la nozione di sovranità si riferisce a un potere e a un’indipendenza che sono supremi “separatamente e al di sopra del popolo”; e sostiene che è un concetto che dovrebbe essere bandito. E proprio perciò il pensiero moderno e “liberale” ha ritenuto di mettere dei limiti alla ”sovranità”. La nostra Costituzione, infatti, dice che “la sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione …”. E l’art 11, con lungimirante prudenza, dice che la Repubblica “consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie a un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia tra le nazioni”. Da leggere, sullo stesso fascicolo di Appunti, il ricordo di don Giovanni Barbareschi scritto da Giuseppe Grampa; e la stimolante riflessione di Giannino Piana sulla necessità di “ricostruire la politica ai tempi dei populismi”.

“Il nostro corpo è linguaggio. Racconta le ferite, le cicatrici, le cadute, le speranze…”.  È dedicato a “Corpo e salvezza” il bellissimo fascicolo n 3/2019 (luglio-settembre) di Dialoghi, la rivista culturale promossa dall’AC e dall’Istituto Vittorio Bachelet. Anche questo numero, in grande sintonia con la testimonianza e l’insegnamento di Bachelet tocca temi di attualità (l’Europa di domani, i soldi della Chiesa, il dossier su Corpo e salvezza …) con autori come David M. Sassoli, Pina De Simone, Piero Pisarra, Luigi Alici, Mimmo Muolo, Paolo Trionfini… e tanti altri. Un fascicolo (e una rivista) che meritano grande attenzione e dimostrano la vitalità dell’Azione Cattolica anche oggi!

Il Centro Astalli è una realtà impegnata per l’assistenza agli immigrati. Ha sede a Roma, e pubblica Servir un agile e bellissimo bollettino mensile d’informazione (che si può richiedere) e che aggiorna su temi e problemi dell’immigrazione e, soprattutto, esprime e diffonde un atteggiamento di generosa e sensata assistenza e comprensione verso tutti quelli che ne hanno bisogno. L’accoglienza di chi ha davvero bisogno è una necessità, ma soprattutto una sfida evangelica. Si può chiedere l’invio gratuito del foglio mensile d’informazione all’ “Associazione Centro Astalli – Via degli Astalli, 14/a – 00186 Roma.

(a.bert)

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Required fields are marked *.