16 Settembre 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

JESUS: può forse tardare primavera? – IL GALLO: per un’etica del possibile – NOTIZIARIO DELL’ISTITUTO PAOLO VI: “Pensiero su Dio” – IL FOGLIO: una profonda opzione anti-evangelica – MOSAICO DI PACE: “l’abbraccio”

16 Settembre 2019

JESUS: può forse tardare la primavera? – IL GALLO: per un’etica del possibile – NOTIZIARIO DELL’ISTITUTO PAOLO VI: “Pensiero su Dio” – IL FOGLIO: una profonda opzione anti-evangelica – MOSAICO DI PACE: “l’abbraccio” “Può forse tardare la primavera?”. La domanda …

Leggi tutto →

30 Agosto 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

OREUNDICI: noi viviamo nello spazio – JESUS: il difficile ‘mestiere’ di Pietro –ADISTA: talora “la disobbedienza è una virtù” – SERVITIUM i profeti di oggi –LA CIVILTA’ CATTOLICA: Primo Levi e il veleno di Auschwitz

30 Agosto 2019

Noi viviamo nello spazio: a questo fatto (questa verità!) non dedichiamo forse l’attenzione che merita. Certo parliamo di spazio vitale, di passi avanti e indietro, di distanza e vicinanza, di guardare in alto, di non cadere in basso … Ma forse dovremmo riflettere di più su questa dimensione così decisiva per la nostra vita e per la nostra consapevolezza di essere uomini in cammino. Ci può aiutare il bellissimo fascicolo 7/8 (luglio/agosto 2019) di Oreundici, la bella rivista per la “crescita umana e spirituale nel quotidiano curata da don Mario De Maio insieme con una rete di amici sparsi in tutta Italia” accomunati dalla passione di coniugare la ricchezza del Vangelo con il difficile vivere quotidiano”. Introduce il fascicolo proprio De Maio che si chiede “è possibile un modo diverso di abitare la terra?”. La risposta è: “seguire le orme di Gesù ci renderà più umani”. E le trenta pagine del fascicolo sono tutte dedicate a riflettere sullo spazio che è vitale quando consente la prossimità e rispetta la dignità e la libertà delle persone, la vicinanza nell’amicizia o almeno nel rispetto di ciascuno … E non dimentichiamo che se “camminiamo insieme” non solo lo spazio diventa più sicuro e più accogliente, ma la stessa vita diventa più bella e amabile.

Papa Francesco vuole che in futuro non sia Roma a decidere su ogni cosa. In Evangelii gaudium scrive: “Non credo che si debba attendere dal magistero papale una parola definitiva e completa su tutte le questioni che riguardano la Chiesa e il mondo”. Ma certamente proprio lui, Papa Francesco ha saputo trovare parole adatte per rendere più vicino il messaggio; e amabile e praticabile una vita quotidiana secondo il Vangelo. Anche se, come Jesus (agosto 2019) titola la riflessione e il dibattito su “Il difficile mestiere di Pietro”, un’adeguata testimonianza del Vangelo richiede sempre una grande sintonia e un vero dialogo tra fedeli laici, sacerdoti e religiosi, vescovi … e Papi!

Un coraggioso editoriale di Adista-Segni Nuovi (n 28/2019) prende le mosse dalla sfida sproporzionata dell’allora ministro Matteo Salvini contro Carola Rakete colpevole di aver raccolto sulla sua nave dei profughi disperati, cercando di portarli in salvo. Il testo, scritto con cristiana franchezza, è di Vitaliano Della Sala, parroco a Mercogliano (AV) e vicedirettore della Caritas di Avellino. Merita di essere letto per intero cercandolo su Internet: Adista.it/articolo/61720. E sul successivo numero di Adista Documenti (n 29 del 3 agosto) si possono leggere ulteriori contributi a sostegno dell’accoglienza (che comporta anche vantaggi, oltre ad essere un gesto di giustizia e carità), ricordando che talora “la disobbedienza è una virtù” …

È dedicato ai “profeti di oggi” il fascicolo 244 (luglio/agosto 2019) di Servitium, la bellissima rivista con la redazione a Sotto il Monte (Bergamo), e che di Papa Giovanni conserva e diffonde tuttora lo spirito. Introduce il quaderno Edoardo Edallo che si chiede: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo? dove cercare la salvezza? nel passato o nel futuro? E tutto il fascicolo è percorso da un affascinante spirito di ricerca ( … e di scoperta!), animato da interventi di Giovanni Trabucco, Pier Luigi Ferrari, Pietro Carelli, Enrico Peyretti, Arrigo Anzani, Maurizio Vailati.

Tra i numerosi e interessanti articoli che, come di consueto, compongono ogni fascicolo, il numero 4058 (agosto 2019) de La Civiltà Cattolica ospita una serie di articoli che aiutano a riflettere sulla molteplicità di problemi che oggi affliggono il mondo e sugli ideali e valori che possono aiutarci a vivere meglio. Così si ricordano: “Primo Levi e il veleno di Auschwitz”, ”la fame nel mondo”, l’esperienza dei personaggi biblici “fra dramma e tragedia”. E di fronte a tanti errori e dolori si ripropone con forza il tema dei diritti umani, della fratellanza, della pace. La Bibbia c’insegna, e la storia attuale conferma, che non si vince il male senza un impegno corale, costante, generoso cioè senza interessi egoistici, ma con grande fiducia nel Signore (e nei fratelli). Sul numero successivo (4060, 7 settembre 2019) padre Mario Imperatori è autore di uno splendido saggio sulla necessità che il difficile rapporto tra relazione e identità (quanti si chiudono per restare se stessi, quanti si perdono nell’incontro con l’”altro”!); e mette l’accento sul tema (e lo spirito) di riconciliazione che può (e deve) sempre illuminare ogni vera e profonda relazione.

Angelo Bertani

Leggi tutto →

20 Agosto 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

APPUNTI DI CULTURA E POLITICA: l’urgenza di una precisa responsabilità politica – ITALIA CARITAS: il mercato della droga in Italia non conosce flessioni – TESTIMONIANZE: l’Europa “a macchia di leopardo” – JESUS CARITAS: diaconia come vita di servizio e donazione

20 Agosto 2019

Prendendo lo spunto dalla nuova edizione del noto testo di Giuseppe Lazzati “La città dell’uomo. Costruire, da cristiani, la città dell’uomo a misura di uomo” (AVE) Luciano Caimi, che di Lazzati fu stretto collaboratore e oggi è credibile interprete, rilancia …

Leggi tutto →

6 Agosto 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

IL MULINO: “c’è molto da fare, e bisogna farlo” – HUMANITAS: su Romano Guardini – DIALOGHI: il potere della comunicazione – KOINONIA: quando sinodalità vuol dire fede pensosa e pensante

6 Agosto 2019

“Non saranno le certezze del passato a guidarci nella crisi della democrazia che stiamo vivendo. Tra le poche certezze che abbiamo c’è quella che nulla può essere dato per scontato. Bisogna cercare nuovi argomenti per difendere i principi di libertà …

Leggi tutto →

26 Luglio 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

ADISTA: sui rapporti tra mondo cattolico e mondo leghista – RELIGIONI E SOCIETA’: l’esperienza religiosa della generazione Millennial – IL TETTO: per una nuova immagine di Chiesa – LA CIVIKTA’ CATTOLICA: sull’intelligenza artificiale e la persona umana –TESTIMONI: per una Chiesa “oasi dove c’è acqua fresca”.

26 Luglio 2019

Adista n 22 (giugno ’19), nel fascicolo azzurro offre molte notizie sui rapporti tra mondo cattolico e mondo leghista nelle regioni del nord Italia. Ne emerge, specie in occasione delle recenti elezioni di maggio, un paesaggio complesso e variegato. Scrive …

Leggi tutto →

15 Luglio 2019
by sammarco
0 commenti

0 commenti

MOSAICO DI PACE: il nostro compito oggi – ADISTA SEGNI NUOVI: “Francesco tra i lupi” – IL GALLO: sulla fratellanza umana per la pace mondiale – PROSPETTIVA PERSONA: Luigi Sturzo: popolare perché anti-populista – OREUNDICI: “Altre Vacanze”

15 Luglio 2019

“Il nostro compito oggi è quello di rifiutare di rassegnarsi, lavorando invece per promuovere il ritorno del desiderio e della politica o, più precisamente, il ritorno del desiderio politico”. Lo scrive (e ha ben ragione!) il filosofo Roberto Mancini sul …

Leggi tutto →

2 Luglio 2019
by c3dem_admin
0 commenti

0 commenti

IL MULINO: la crisi dell’Unione – AGGIORNAMENTI SOCIALI: l’Europa sociale è malata” – APPUNTI DI CULTURA E POLITICA: L’Europa sappia recuperare uno spirito positivo – IL REGNO: Christus vivit, il Papa esorta, oltre i giovani, i cattolici adulti ADISTA: sinodalità e partecipazione di tutto il popolo

2 Luglio 2019

“Finché le politiche senza la politica risiederanno a Bruxelles, e la politica senza politiche rimarrà a livello nazionale, non riusciremo ad arrestare la corsa del treno verso uno scontro che potrebbe rivelarsi fatale”. Così l’editoriale de Il Mulino (n 502, …

Leggi tutto →