CARLO E FRANCA TRAVAGLINO, UN’ESPERIENZA DI LIBERAZIONE

| 0 comments

E’ uscito da Effatà Editrice un piccolo libro che racconta la storia di Carlo e Franca Travaglino e del loro mezzo secolo vissuto tra Eritrea e Etiopia per restituire dignità e vita alle persone più emarginate: i malati di lebbra, dapprima, e poi anche i malati di Aids e di tubercolosi. Il libro, Un’esperienza di liberazione, sottotitolo “Da un sogno condiviso nasce la fraternità”, è tratto dalla registrazione di lunghe conversazioni con Carlo e con Franca, condotte un anno fa da Lorenzo D’Amico. Carlo, napoletano, assistente nazionale della Gioventù francescana nei primi anni Sessanta, è venuto a mancare dieci mesi fa. Aveva iniziato la sua presenza in Eritrea nel 1969. L’anno successivo aveva sposato Franca, che era allora la delegata nazionale della Gioventù francescana ed una giovane insegnante, e che lo aveva seguito in Eritrea; e aveva ottenuto da papa Montini l’autorizzazione a poter restare sacerdote. Il racconto della loro esperienza è una testimonianza molto bella di vangelo vissuto con umiltà e con radicalità. Per i tanti loro amici, sparsi per l’Italia, che li hanno accolti nel corso degli anni, durante i loro soggiorni italiani, o che sono andati a trovarli nelle diverse comunità da loro fondate prima in Eritrea e poi in Etiopia, il libro costituisce una memoria parziale, ma pur sempre preziosa, e ricchissima di insegnamenti, di un percorso di autentica condivisione, di fraternità vera, che ha portato al concreto riscatto umano di centinaia di persone, le più fragili e le più scartate. Il libro, del costo di 14 euro, oltre che alla casa editrice, a Cuneo, può essere richiesto a Lorenzo D’Amico, tel. 06.2009085. Il ricavato va alla Hansenian’s Ethiopian-Eritrean Welfare Organization (HEWO), fondata da Carlo  e Franca.

Lascia un commento

Required fields are marked *.