BIDEN VERSO LA VITTORIA. MA IL TRUMPISMO HA MESSO RADICI

| 0 comments

Enrico Letta, “Senza Trump il sovranismo si sgonfierà anche in Europa” (intervista a Repubblica). Ezio Mauro, “Il fiammifero populista” (Repubblica). Sergio Fabbrini, “Lo stallo di un paese polarizzato” (Sole 24 ore). Adam Gopnik, “Il populismo è una ricetta che funziona ancora” (intervista a Repubblica). Fabrizio Tonello, “La galassia trumpista immune alla paura del virus” (Manifesto). Claudio Cerasa, “Il trumpismo non è un virus passeggero” (Foglio). Aldo Cazzullo, “Perché Donald sa conquistare i suoi elettori” (Corriere della sera). Gabriele Romagnoli, “Perché i latinos ballano con Donald”  e Junot Diaz, “Perchè il voto latino ha tradito i liberal” (Repubblica). Paola Peduzzi, “Contro lo stupore” (Foglio). Ugo Intini, “Ma il trumpismo ha messo radici” (Il Dubbio). Nadia Urbinati, “Un’elezione non basta a cancellare l’incubo Trump” (Domani). Daniele Raineri, “Il peso del trumpismo” (Foglio). Stefano Silvestri, “Trump è vivo e vegeto. Bisognerà fare i conti con lui” (Il Quotidiano). Alberto Melloni, “Il dio bianco e tetro di Trump ha cambiato il ruolo dei cattolici Usa” (Domani). Gianni Riotta, “Il compito immane che aspetta Biden” e “Lusso e machismo: il marchio di Trump che affascina i neri” (La Stampa). Francis Fukuyama, “L’Europa non si aspetti svolte. Obama è il passato” (intervista a La Stampa). Moises Naim, “Gli Usa superpotenza instabile, patto sociale o democrazia a rischio” (intervista a La Stampa). Marco Valsania, “Il mistero dei voti scomparsi” (Sole 24 ore). Bill Emmott, “La lezione degli Usa all’Europa” (La Stampa).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Required fields are marked *.