14 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

“CIÒ CHE VEDIAMO MENO IN MARE…”

14 agosto 2017

Ieri l’Avvenire ha pubblicato un servizio di Nello Scavo intitolato “Così Guardia costiera e milizie lucrano sul traffico d’uomini”, e una bella lettera di Lorenzo Dellai al direttore di Avvenire (“Ciò che vediamo meno in mare e che già accade e ci ferisce tutti”), a commento dell’editoriale di sabato di Marco Tarquinio (“L’incontro possibile”). Oggi Repubblica ha un servizio di Vincenzo Nigro, intitolato “I capi della Marina di Tripoli: ‘I soccorritori aiutano i trafficanti’”, in cui si mostra invece un volto pulito della Guardia costiera libica; ma poi Repubblica ha un duro editoriale di Massimo Giannini: “La resa della civiltà” (sebbene Eugenio Scalfari inserisca il ministro Minniti tra le risorse per il futuro del paese: “Ma Renzi si sente un uomo di sinistra?”). Su La Stampa Francesca Paci racconta: “Le Ong in fuga dal Mediterraneo”, e Francesca Schianchi aggiunge: “Il governo non arretra: così meno sbarchi in Italia”. Ieri Angelino Alfano, ministro degli esteri, aveva rilasciato un’intervista a La Stampa intitolata: “Ora Tripoli controlla le acque, e c’è più equilibrio nel Mediterraneo”; e il viceministro Filippo Bubbico aveva detto al Corriere: “Non ci risultano minacce. Sul Codice nessuna retromarcia”. Testimonianze sulla situazione in Libia vengono da Umberto De Giovannangeli (“I libici impongono il pizzo sui salvataggi”, Huffington post), da Fabrizio Gatti (“Chi e perchè vuol fermare i volontari“, Espresso) e da Domenico Quirico in un servizio su La Stampa (“Nelle celle dove finiscono  i migranti respinti”). Guido Rampoldi, su Il Fatto, annota: “E ora l’Italia non vede i 150.000 migranti intrappolati in Libia”. Le ragioni di Minniti le ha sostenute, a suo modo con lucidità, Luciano Violante ieri sul Corriere della Sera: “Il nostro nemico comune è il traffico di esseri umani”. Ma Alberto Bisin su Repubblica, sempre ieri, ha portato la riflessione su un altro piano: “I migranti e la sfida dell’integrazione”. Un punto forse positivo lo evidenzia Sara Menafra sul Messaggero: “Progetto Onu per due campi in Libia”. Sulla posizione della Cei Luigi Accattoli sul Corsera racconta “L’incontro segreto tra Gentiloni e papa Francesco” e Stefano Ceccanti scrive un suo commento sul Quotidiano nazionale (“La chiesa responsabile”). Ma si legga sopra anche Dellai…

Leggi tutto →

11 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

“I MIGRANTI E IL DOVERE DI RESTARE UMANI”

11 agosto 2017

Dopo “La svolta della Chiesa” (Andrea Tornielli, La Stampa), e cioè le parole del card. Gualtiero Bassetti, presidente della Cei (“I vescovi alle Ong: rispettate le leggi contro gli scafisti”, Luigi Accattoli, Corriere della Sera), e dopo i primi frutti della politica perseguita dall’Italia (Dino Martirano, “Stretta libica sulle Ong per tenerle più lontane”, Corriere della sera; “L’Unhcr: migranti riportati nei centri di detenzione”, Manifesto), si levano le voci di Vladimiro Zagrebelsky (“Le regole del diritto in mare”, La Stampa), di Enzo Bianchi (“I migranti e il dovere di restare umani”, Repubblica), del rappresentante dell’Unhcr, Barbara Molisano (“La nostra priorità è togliere i rifugiati dai centri di detenzione libici”, intervista al Manifesto), di p. Camillo Ripamonti, del Centro Astalli di Roma (“Ripartiamo dall’ovvio: i migranti sono persone”), di alcune delle grandi Ong (“L’azione delle Ong rispetta le norme umanitarie globali”, lettera al Corriere) e di Peppino Ortoleva sul Secolo XIX (“Bloccare i popoli in fuga rischia di scatenare guerre”) e Alfio Mastropaolo sul Manifesto (“Campagna con vista sull’abisso”).  Riflessioni in merito anche di Paolo Pombeni, “Controlli, flussi, accoglienza, integrazione: urge dibattito serio” (Sole 24 ore) e Piero Ignazi, “Come aiutarli a a casa nostra” (Repubblica).

Leggi tutto →

8 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

“SE T’IMBARCANO GLI ITALIANI O LE ONG SEI SALVO, ALTRIMENTI TORNI ALL’INFERNO”

8 agosto 2017

E’ successo ai primi mille, dopo l’accordo tra Italia e Libia: “Il dramma dei migranti riportati in Libia: ‘Picchiati e torturati. Aiutateci a fuggire’” (Francesco Viviano e Alessandra Ziniti, Repubblica). Si veda anche il Dossier “Lager Libia” dell’associazione Medici per i diritti umani. Sul Codice per le Ong (qui il testo) la posizione del presidente di MSF, Loris De Filippi, sul Corriere della sera, in risposta a un articolo di Galli Della Loggia: “Medici senza frontiere: i salvataggi in mare e le leggi da rispettare”. Sull’Avvenire il direttore Marco Tarquinio scrive: “Perché presenze in armi sulle navi Ong sono davvero sbagliate e pericolose”; Mario Giro, viceministro degli Esteri, cerca il dialogo: “Tra umanitari e istituzionali una fiducia da rinsaldare”; Gianfranco Cattai, presidente Focsiv, indica come si può “Costruire un’alternativa all’inferno libico”. Il presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, sul Secolo XIX scrive: “Salvare vite umane non può essere dipinto come un atto criminale”.  Angelino Alfano presenta sul Corriere della sera una (sbiadita) “Agenda italiana per la Libia”. Divisione nel governo: “Delrio critica il collega: facciano la guerra agli scafisti non alle Ong” (Marco Galluzzo sul Corriere); e in un’intervista a Repubblica Graziano Delrio dice: “Non sono contro il Codice, ma se bisogna salvare vite umane serve la nave più vicina”. La reazione: “Minniti minaccia lo strappo(Dino Martirano sul Corriere). “Mano tesa o pugno duro, nel Pd scoppia la guerra sui migranti”, racconta Paolo Delgado su Il Dubbio. Interviene allora Mattarella: “Il Colle teme divisioni rischiose per l’Italia” (Marzio Breda, Corriere). Ieri Repubblica aveva pubblicato su questi temi un editoriale (un po’ ipocrita) di Massimo Giannini: “Il silenzio della sinistra”. Replica Ernesto Galli Della Loggia: “Ma schierarsi con la legge è xenofobia?”. Oggi scrive il direttore di Repubblica Mario Calabresi:Perché non vinca la propaganda”. Sul Mattino Alessandro Campi scrive “Le anime belle e la faccia dura della sinistra”. Marco Revelli sul Manifesto attacca “Chi infligge colpi mortali al codice morale”.

Leggi tutto →

6 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

NOTE SUL PD/MDP, I SUDISTI PUGLIESI, IL LAVORO, IL CLIMA, L’EUROPEISMO DI MACRON

6 agosto 2017

Bersani corteggia i democristiani: ‘Peschiamo tra i cattolici del Pd’”, così Andrea Carugati su La Stampa. “L’equipaggio abbandona la nave Pd e il capitano gira le spalle”, così Gianni Cuperlo in un’intervista a La Verità. Paolo Pombeni diffida delle coalizioni: “Dalla Dc in poi le coalizioni nate per frenare i leader” (Sole 24 ore). Emilia Patta, sul Sole, racconta che “Il Pd corregge la linea sul fiscal compact”. Guido Crainz, su Repubblica, stigmatizza la mozione approvata quasi all’unanimità dal Consiglio regionale della Puglia e voluta dai 5 Stelle che istituisce una giornata della memoria per ricordare “i meridionali che morirono in occasione delle procedure di annessione del Mezzogiorno” (“Una memoria sbagliata”). Leonardo Becchetti, in vista della Settimana sociale dei cattolici in tema di lavoro, analizza le cure possibili al lavoro ferito: “Ricominciare la fiducia” (Avvenire). Romano Prodi si occupa di clima sul Messaggero con alcune indicazioni di politica di programma (“Riflessioni sul clima che cambia)”. Una lettura critica di Sergio Fabbrini sull’europeismo di Macron: “Macron, l’Europa e il ruolo dell’Italia” (Sole 24 ore), e qualche avvertimento all’Italia di Mario Monti sul Corriere (“Quei dannosi interessi di parte”)

Leggi tutto →

4 agosto 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

CATTOLICI E POLITICA: PROCESSI DA AVVIARE?

4 agosto 2017

Due giorni fa Giorgio Merlo, giornalista presso la RAI del Piemonte, già consigliere comunale della Dc a Pinerolo, poi capogruppo provinciale del Partito Popolare Italiano, deputato dal 1996 al 2013, prima nel Ppi e poi nel Pd, ha scritto su Il Dubbio un articolo in cui ha ripreso e rilanciato le parole del neo presidente della Cei, Gualtiero Bassetti,  sull’importanza di dare nuova “rappresentanza politica” ai cattolici (“Cattolici, è il momento del coraggio per una forza laica di ispirazione cristiana”). Oggi sul sito del quotidiano Avvenire è apparso una lettera del presidente delle Acli, Roberto Rossini, al direttore Marco Tarquinio, che riprende il confronto tra Tarquinio e Franco Monaco di pochi giorni fa sul quotidiano cattolico (“Cattolici e politica: processi da avviare”).

Leggi tutto →

30 luglio 2017
by Forcesi
0 commenti

0 commenti

IL CARD. BASSETTI: SERVONO PASSIONE, IDEE E SOLIDARIETÀ PER RISANARE L’ITALIA

30 luglio 2017

Bella intervista del card. Gualtiero Bassetti a Paolo Rodari su Repubblica in cui il presidente della Cei sostiene, tra l’altro, che si percepisce oggi fra molti cattolici l’aspettativa di una nuova rappresentanza del mondo cattolico, e che la priorità oggi è rimettere l’Italia al centro dei nostri pensieri con passione, idee e solidarietà (“La Chiesa non è un partito ma oggi i cattolici chiedono di contare di più in politica”). Anche Paolo Pombeni, sul Sole 24 ore, sollecita i partiti a mettere al centro l’Italia (“L’interesse nazionale e le inutile lotte intestine”). Piero Ignazi analizza l’elemento più discutibile del Pd renziano: l’annacquamento del riformismo e lo scivolamento nel populismo (“Pd tra senso dello Stato e sirene del populismo”, Repubblica). Mauro Calise offre un’amara lettura della fase attuale della politica italiana: “La palude della non politica” (Mattino).

Leggi tutto →